Azzorre: perle nell'Atlantico

Racconto di Antonella e Donato Il nostro viaggio ha inizio il 23 di agosto 2006 con partenza da Milano-Malpensa per Lisbona (compagnia aerea low cost Easy Jet) e successivamente Lisbona- Faial con SATA, la compagnia locale. Abbiamo deciso di visitare ...

  • di Anto e Donato
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Prossima meta: isola di Graciosa. Dal porto di S.Roque Do Pico (15 Km circa da Madalena) prendiamo alle 10:25 di mattina il traghetto che raggiungerà Vila da Praia (isola di Graciosa )alle ore 15:00, dopo avere fatto sosta per circa un’ora al porto di Velas (isola di Sao Jorge),( costo del biglietto 29,00 euro). Naturalmente ne abbiamo approfittato per scendere dalla nave e gironzolare per le viette di Velas, ( molto carine).

Sao Jorge, da quello che si è potuto vedere dalla nave, è apparsa come un isola stretta, montagnosa, e con ripide scogliere; sicuramente offre dei paesaggi incantevoli, ma il tempo è tiranno e non è possibile vedere tutto.

Arrivati al porto, sull’isola di Graciosa noleggiamo un’auto per due giorni e subito ci dirigiamo Verso S.Cruz da Graciosa dove abbiamo prenotato la pensione “ Santa Cruz ” tel. 295-71 23 45 a 52,00 euro camera doppia con colazione inclusa ( la consigliamo) . Tra quelle che abbiamo visitato, questa è in assoluto l’isola più pacifica e tranquilla e anche la più piccola. Ovunque si vedono vigneti e campi coltivati e tante tante mucche. E’ davvero molto difficile trovare in Europa ancora dei luoghi cosi’ incontaminati. Non ci sono moltissime zone balneari, a parte “Carapacho” con le piscine naturali e Praia Sao Mateus. Da vedere è la “Furna Do Enxofre”, dove circa 180 scalini portano fin nella bocca del cratere, in una grotta con un lago sulfureo e vapori che escono dalle rocce. Un’altra nota importante riguarda sempre le famigerate terme delle Azzorre: a Carapacho le terme ci sono, ma sono paragonabile alle nostre terme convenzionate ASL di trent’anni fa ( molto tristi).

Il 31 di agosto, sempre via mare ( costo biglietto Euro 25), dopo circa 4 ore sbarchiamo a Praia da Vitoria sull’isola di Terceira. Neanche a dirlo troviamo ad attenderci Jean Claude che ci accompagna al famoso “ Rural Salga”. Credo che di Jean Claude e Fatima che gestiscono questa bellissima dimora si sia già scritto molto sul sito di Turisti per caso, quindi non ci resta che confermare la loro ospitalità, simpatia e professionalità ( e cogliamo l’occasione per salutarli ).

Tramite Jean Claude abbiamo noleggiato un’ auto per 5 giorni e seguendo i suoi consigli abbiamo visitato tutta l’isola. Angra do Heroismo è una cittadina molto affascinante, Praia da Vitoria con le spiaggie sabbiose ci è sembrata più viva. Abbiamo apprezzato l’interno dell’isola percorrendo la Serra di Santa Barbara e ammirando le Furnas do Enxofre con i geyser. Siamo rimasti incantati dalla costa nord dove si trova la località di Biscoitos con le splendide piscine naturali tra le roccie, ed è stato simpatico assistere alla corsa dei tori (tourada a corda) a Porto Judeu.

Questo è il racconto del nostro viaggio, secondo il nostro punto di vista e la nostra esperienza. Naturalmente ci sono molti altri luoghi non menzionati da visitare, ma, come ci ha suggerito Jean Claude : “alle Azzorre è bello anche perdersi “.

  • 3745 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social