Il Portogallo in four-four

Ciao a tutti, volevo condividere con voi, la mia fantastica esperienza di un viaggio in Portogallo! Siamo partiti da Roma il 30 agosto, in due, io e il mio ragazzo, pronti per un tour del Portogallo che ha superato davvero ...

  • di Leonora
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ciao a tutti, volevo condividere con voi, la mia fantastica esperienza di un viaggio in Portogallo! Siamo partiti da Roma il 30 agosto, in due, io e il mio ragazzo, pronti per un tour del Portogallo che ha superato davvero ogni nostra aspettativa... Partiamo con un volo Iberia da Roma, destinazione Lisbona, (210 euro a testa a/r), prenotato direttamente da internet, sul sito della compagnia aerea.

Arriviamo a destinazione con un’ora di ritardo, per causa di quello che ci dicevano essere: un guasto al sistema dell’aereo. Detto così non sembra incoraggiante, anche noi, non eravamo certo entusiasti! Dopo un breve ma intenso consulto con il passeggero portoghese vicino a noi, che naturalmente ci parlava in portoghese e a cui noi, naturalmente, rispondevamo in italiano, abbiamo deciso tutti e tre in piena inconsapevolezza di rimanere sull’aereo! Non so ancora cosa possiamo esserci detti, ma deduco che sia stato proficuo per tutti! Dopo essere arrivati sani e salvi in aeroporto a Lisbona e, dopo aver ritirato i bagagli, scopriamo subito che c’è in servizio un comodo Aerobus, che, con soli 3euro a testa, ti porta in città. Il biglietto è poi valido per tutto il giorno, su tutti gli altri mezzi di trasporto, (bus, tram, elevadores).

Decisa la nostra fermata, anche un po’ a caso, ci rendiamo subito conto che avevamo sottovalutato qualcosa: Lisbona va presa dal verso giusto!!!...In discesa!!!! Naturalmente la strada per il nostro hotel era un bel salitone! Stabilito che, era meglio scendere alla fermata dopo, non ci scoraggiamo di certo, (eravamo sopravvissuti al guasto al sistema, potevamo farci abbattere da una salita!), così arriviamo a destinazione al Residencial Joao XXI più grintosi che mai. Il Residencial è un piccolo albergo, prenotato tramite il sito internet www.Booking.It, come tutti gli altri alberghi per il nostro tour. Sia il sito, che l’hotel non ci hanno delusi, la camera è luminosa e pulita, il personale cortese e disponibile, (prezzo circa 30 euro al giorno p/p), soddisfatti della nostra scelta ci concediamo una doccia rinvigorente. Usciti dall’albergo facciamo inizialmente un po’ di fatica d orientarci, o per lo meno a stabilire itinerari in discesa. Decidiamo però per un comodo bus davanti al nostro albergo, che ci porta direttamente in centro. Vicino a noi, in realtà c’è anche la fermata della metropolitana, che a Lisbona funziona molto bene ed è anche ben tenuta, ma non è certo caratteristica come i mitici tram, ( tra cui il famoso tram28), che si arrampicano a fatica per le stradine in salita della capitale! Una volta arrivati in centro o meglio, arrivati a Piazza Restauradores, grazie alla nostra guida Lonely Planet, (ormai diventata indispensabile per ogni nostro viaggio), troviamo subito un localino in cui mangiare. E’ l’Ena pay un ristorante piccolo e di poche pretese, che certo ha conosciuto tempi migliori, la cosa che ci diverte di più è che: il lavandino per lavarsi le mani, è accanto ad alcuni tavoli del ristorante! Lisbona ci si presenta nei quattro giorni successivi, con tutto il suo fascino un pò demodè, con quei suoi vicoletti stretti tra palazzi decadenti, ma che riesce anche a stupirci, con grattacieli e strutture ultramoderne nella zona dell’Expo98. E’ un miscuglio di colori e di profumi, ed è ricca di contraddizioni, un po’ come sono le persone speciali, è come se fosse rimasta sospesa tra passato e futuro! Naturalmente non manchiamo di visitare, durante la nostra permanenza in città, oltre a tutto il resto, il mitico caffè la Brasilera, (dove un tempo vi si poteva facilmente incontrare il poeta Fernando Pessoa), dove ci fermiamo a prender un buon the, il Castello dell’Alfama, dalle cui alture si gode una splendida vista sull’Oceano e sui tetti della città, la cattedrale del Sé con il suo splendido chiostro e la vicina chiesa di Sant’Antonio, dove si può visitare la tomba del santo

  • 681 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social