Il mio viaggio a Porto

Nell'itinerario portoghese on the road, la magica Porto

  • di CHINTYA S.
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Il mio viaggio a Porto

Mentre al Marconi attendevo trepidante il volo, già pregustavo l’idea di arrivare a Lisbona, quasi scordandomi che la prima tappa del nostro itinerario portoghese sarebbe stata Porto. E fu sorprendente come tale città riuscì ad invadermi completamente, accarezzando ogni mio senso, facendomi balzare avanti ed indietro nel tempo, dalla mia fanciullezza ed un futuro ancora invissuto. Arrivati nel tardo pomeriggio, abbandonati i bagagli, fu inevitabile farci condurre dal profumo di pesce grigliato che soffice ed umido riempiva l’aria inerpicandosi attraverso le vie e scivolando sino alla riva del Douro, danzando con il borbottare dei tram colmi di turisti agitati e di portoghesi annoiati, rimestandosi in vortici capricciosi col dolce Fado effuso in ogni angolo.

Una volta cenato, a stomaco pieno, attraverso le ripide viuzze, scendemmo sino al famoso quartiere Ribeira. Qui, prima ancora di essere rapiti dalla moltitudine di locali e ristorantini arroccati sulla collina a strapiombo sul fiume ed incoronati da altrettante palazzine incastonate l’una accanto all’altra in guizzanti pennellate pastello, ci incantammo di fronte l’imponente ponte di ferro Dom Luis I, completamente illuminato, che collega Ribeira a Vila Nova de Gaia. Intorno a noi tutto era frizzante: l’aria fresca dell’Oceano, le persone in festa sul lungofiume, un pianista, due bicchieri di Porto, le insegne luminose delle aziende vinicole sulla riva opposta, file di pedoni brulicanti sul ponte…e noi, da tutto questo, ci lasciammo inebriare.

Il secondo giorno lo dedicammo alla città. La mattina, entrammo in un bar a pochi passi dal nostro hotel di via Sao Bento, che, ancora non lo sapevamo, sarebbe diventata la nostra prima tappa di ogni giornata. Le vetrate erano appannate e dall’esterno non prometteva nulla di buono, ma avevamo fame e bisogno di caffeina e l’aroma di dolci appena sfornati ci convinse. Ed in effetti ci accolse una lunga vetrina di fette di torta, pagnotte dolci e salate, pasticcini e croissant. Vicino alla cassa due grossi barattoloni di vetro pieni di caramelle colorate di tutte le qualità. Non caramelle di qualche marca prestigiosa come si vede in qualche bar italiano che tenta uno stile vintage-chic. No. Semplici bonbon di qualsiasi gusto a portata delle nonne che viziano i loro nipoti. Il locale era pieno di portoghesi e tutti si conoscevano e si scambiavano sonnolenti Bon Dia, e - lo capimmo solo in seguito -, gli avventori erano ogni giorno gli stessi, ognuno seduto al solito posto, come una grande famiglia che si ritrova prima di dare inizio alla giornata. L’atmosfera era genuina amichevole e profumata. Nessuno parlava inglese ma tutti si prodigavano ad aiutarci con l’ordinazione che, devo dire, non era cosa semplice: la varietà di prelibatezze era tale da indurci a chiedere gli ingredienti di tutto. Ben presto comunque assaggiammo praticamente tutto – agevolati anche da prezzi a dir poco modesti - e nulla ci deluse.

Ancora una volta rifocillati, per sfruttare la pendenza a nostro vantaggio, con la metro, arrivammo a Trindade, la zona più alta della città per poi discendere a piedi senza fretta e con la sola intenzione di sfamare i nostri occhi. Porto è un dedalo di vie e strade che cascano dalle colline sino al Douro, il fiume che la domina la insegue la rincorre la separa e la unisce, tra svettanti palazzi colorati interrotti improvvisamente da imponenti chiese lucide nel loro manto azzurro blu bianco. Da meticolosi turisti, visitammo il municipio dove svetta la statua equestre, Avenida dos Aliados, Praca da Libertade, la storica stazione di Sao Bento, la Torre dos Clerigos, il negozio di infinite scatolette di sardine, il Palacio da Bolsa, e l’ex carcere Antigua Caldeira da Relacao, ora museo fotografico

  • 2229 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social