Porto: sapori e colori di Capodanno

Quattro intensi giorni fra i labirinti della Ribeira, magnifici azulejos, edifici antichi, ponti, cantine e degustazioni

  • di Matthew Martino
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Bem vindo ao Porto. Dia 1

Abbiamo deciso di trascorrere questo Capodanno in Portogallo e più precisamente a Porto, qui chiamata anche la capitale del nord. Il volo è previsto alle ore 14.00 ma arrivati al gate il tabellone annuncia già un ritardo di circa un'ora. Aspettiamo tranquilli in aeroporto, ci imbarchiamo e il volo non subisce altri ritardi, così alle 18.00 ora locale leggiamo su alcuni tabelloni la scritta "bem vindo ao Porto" che ci dà il benvenuto in Portogallo. Raggiungiamo il centro grazie alla efficientissima metro che in circa 30 minuti, e per soli 4 euro e 50 andata e ritorno, ci porta a destinazione. Passeggiando verso l'hotel ci sembra di sentire tutti i sapori e i colori di questa città, i profumi del cibo e vediamo i colori degli azulejos (piastrelline ornamentali dell'architettura Portoghese) ci avvolgono immediatamente facendoci amare al primo impatto questa città.

Raggiungiamo il nostro albergo (Dom Henrique Downtown) in zona Bolhão, lasciamo i bagagli che sono ormai le 19.00 e corriamo verso il Cafè Santiago perché vogliamo provare la Francesinha: un famoso piatto tipico che viene preparato con due fette di pane in cassetta farcito da una bistecca, salsiccia, prosciutto, uovo, formaggio fuso e affogato con una salsa alla birra, pomodoro e peperoncino. Il locale è davvero pieno, ma 2 posti davanti al bancone sono liberi, ci sediamo e ordiniamo, scopriamo di essere seduti nei posti migliori, da qui possiamo vedere come vengono fatti i mitici tramezzini portoghesi, scherziamo con i camerieri e con i cuochi del locale. Il panino è davvero buono, una esplosione di gusto e una bomba di energie, mangiamo con gusto e usciamo sazi dal locale pagando poco più di 20 euro. E’ stata davvero un'ottima scelta. Con tutte queste calorie in corpo non ci resta che uscire e approfittare della temperatura mite per fare un bel giro della città. Passiamo il resto della serata passeggiando nella bellissima piazza da Liberdade, andiamo a sbirciare dalle vetrine della famosa libreria Lello, che ha ispirato la scrittrice della saga di Harry Potter, per poi finire la serata a bere mojito e vino tinto in un bar (Alma) nelle Gallerias, fulcro della vita notturna di questa zona e forse di tutta Porto.

Porto a piedi: bellissima scoperta. Dia 2

Questa mattina abbiamo appuntamento alle 9.20 in Praça (piazza) Gomes Teixeira con la nostra guida Eugenia per un walking tour alla scoperta di Porto e dei suoi segreti. Dopo aver fatto colazione a base di caffè e pasteis de nata, un dolcetto tipico a base di pasta sfoglia e uova, arriviamo al punto di incontro dove scopriamo di essere un bel gruppetto di persone provenienti da ogni parte del mondo. La nostra guida è già pronta e dopo le dovute presentazioni ci muoviamo verso il cuore di Porto a piedi sotto un cielo grigio e per nulla rassicurante ma per adesso ancora clemente. Non sarà il classico tour culturale ma una specie di passeggiata tra amici alla scoperta della vera essenza di Porto spiegata da una vera Portoghese!

La prima tappa del tour ci porta ad osservare una statua davvero curiosa, non ci era mai capitato di vederne una con gli occhiali! Da dietro pare Elvis Presley, dal davanti Elthon John... in realtà è il vescovo più importante che Porto abbia mai avuto Antonio Ferreira Gomes, che si è battuto contro la dittatura di Salazar per la libertà della città. Da qui possiamo intravedere nella nebbia la Torre dos Clerigos, che con i suoi 74 metri di altezza veniva usata come faro per avvisare i cittadini di Porto che le navi cariche di merci erano finalmente giunte sulle rive del fiume Douro. Appena dietro l'angolo ci troviamo di fronte la famosa libreria Lello e Irmao, che avevamo già notato ieri sera, nonostante sia presto c'è già la coda per entrare! Questa vecchia libreria è diventata una delle più famose al mondo perché è proprio qui che la scrittrice di Harry Potter ha trovato l'ispirazione per i suoi fortunati romanzi, all'interno c'è una meravigliosa scalinata in legno simile a quella rappresentata nei libri e nei film. Speriamo di trovare un momento con poca coda per visitarla. Un altro posto curioso che la nostra guida ci fa vedere è incredibilmente il Mc Donald's! In effetti è stato aperto all'interno di uno dei più antichi palazzi di Porto e ha l'obbligo di mantenerne la struttura originale, così i clienti si ritrovano a mangiare un panino con intorno pareti affrescate e lampadari di cristallo! Comincia a cadere qualche goccia di pioggia, la nostra passeggiata procede verso la stazione Sao Bento, ma prima ci fermiamo per una veloce foto in un altro angolo particolare della città, ovvero l'unico punto in cui una volta si trovavano i giornali con le notizie del giorno rappresentato da una simpatica statua! Entriamo finalmente nella famosissima stazione, fulcro della città e biglietto da visita per i turisti che prima dell'invenzione degli aerei giungevano a Porto in treno. Le pareti sono quasi interamente ricoperte da azulejos rappresentanti le grandi battaglie portoghesi e tappe della storia dei trasporti. La guida ci fa notare che in alcuni punti ci sono degli errori nella posa delle piastrelle e noi ne scoviamo due! La pioggia si fa più forte così la nostra guida ci porta all'interno di due negozi per ripararci e per raccontarci altri aneddoti interessanti. Per prima cosa ci mostra un rivenditore di sughero e ci spiega che il Portogallo è il più grande produttore ed esportatore della pregiata corteccia. Ci mostra alcuni aspetti interessanti della raccolta e rifinitura del materiale, da come vengono realizzati i tappi più pregiati per vini importanti e champagne a come qualsiasi scarto venga poi riciclato al 100% per prodotti meno esclusivi

  • 14485 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social