Un'allegra famiglia in Polonia

Ancora una volta un viaggio on the road per scoprire con un percorso di quattromila chilometri un Paese stupendo che ci ha conquistati giorno dopo giorno, facendoci scoprire bellezze sconosciute e inaspettate

  • di Frenchy
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 5
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

UN’ALLEGRA FAMIGLIA IN POLONIA

Il ritornello che puntualmente arrivava quando qualcuno ci chiedeva la meta delle nostre vacanze estive era “…e che ci andate a fare in Polonia?” oppure “Divertente!” . Tutto ciò è dovuto al fatto che questo meraviglioso paese è poco conosciuto, eccezion fatta per Cracovia e Varsavia, e che ancora si associa il suo nome alle tristi vicende dell’ultima guerra. Invece voglio approfittare di questa parte iniziale del racconto per sottolineare prima di tutto la stupenda dignità di un popolo che, vessato e sterminato dai Tedeschi prima e dai Russi poi, ha saputo trovare la volontà per rinascere e ricostruire una nazione con grande serenità e forza d’animo. Il risultato è un paese godibilissimo, dalla natura privilegiata, dove si mangia veramente bene e a prezzi bassi e dalle città e castelli ricostruiti in maniera invidiabile.

Per quanto riguarda la lingua, se le vostre preoccupazioni di farvi capire possono essere un deterrente alla realizzazione di questo viaggio, considerate che in generale è meglio chiedere informazioni a ragazzi giovani, che è molto più probabile che conoscano l’inglese. Per il resto le persone adulte o gli anziani possono essere a volte un po’ diffidenti e conoscono solo il polacco o al massimo il tedesco o il russo. Comunque in qualsiasi situazione ce la siamo sempre cavata,nel caso limite a gesti.

Ma passiamo alla descrizione dell’itinerario del viaggio, preparato in un mesetto di ricerche e sempre con il solito metodo fly and drive.

1° giorno – 17 luglio - Rzeszow 201 km

Questo aeroporto, scelto perché era collegato da Ryanair con Palermo, (pronuncia Gegiof), è molto moderno e funzionale, anche se piccolino e dista un paio d’ore da Cracovia. Arrivando in tarda serata ci rechiamo subito al nostro Apartament Family prenotato per quattro notti. Purtroppo il navigatore ci fa sbagliare strada e arriviamo talmente tardi che non abbiamo neanche il tempo di guardare la casa. Nonostante l’ora tarda la padrona di casa ci ha aspettato e non ci fa pesare assolutamente la cosa.

2° giorno – 18 luglio – Miniere di sale di Wieliczka – Castello di Pieskowa Skala 104 km

La mattina dopo di buon’ora, smaltita la stanchezza, ci svegliamo in una casa che definire perfetta sarebbe forse volerla sminuire. Una nuovissima villetta su due piani con posteggio privato, giardino, barbecue, altalene, 6 posti letto, 2 bagni (e che bagni!), salone e cucina , il tutto per …. 86 € al giorno??? Siamo veramente compiaciuti e trascorreremmo ancora del tempo in giardino se non avessimo tanto da vedere. Raggiungiamo le miniere di sale di Wieliczka, sito annoverato come patrimonio Unesco e, non avendo ancora avuto modo di prelevare, ci fa molto comodo che al posteggio accettino gli euro. La loro moneta infatti è lo złoty che corrisponde a circa 25 centesimi. Alle miniere paghiamo con la carta e con circa 15 € a persona sarà uno degli ingressi più cari ma confrontato con gli altri paesi europei è abbastanza in linea, mentre invece in genere gli altri ingressi del viaggio sono stati molto più economici. Se volete fotografare dovrete comprare un bollino cartaceo da applicare sulla videocamera o macchina fotografica per altri 2€ circa. Aspettiamo le 9.45 per la visita guidata in italiano e la nostra guida, Kosma, è un simpatico ragazzo che lo parla molto bene. Con 350 scalini scendiamo a 64 m di profondità e cominciamo una visita della durata di 2 ore e mezza veramente interessante

  • 48578 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Alessia Daniele Sposi
    , 25/1/2017 11:51
    bel viaggio, e' stata una lettura molto interessante, grazie. noi andremo a giugno, ma probabilmente non riusciremo a percorrere distanze molto lunghe! intanto inizio dal vostro racconto per cominciare a documentarmi

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social