Viaggio itinerante tra Lombardia e Piemonte

In giro tra Pavia, Lodi, Bra e Alba

  • di anniaffollati
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Questa è la seconda parte di un viaggio raccontato l’anno scorso: http://turistipercaso.it/piemonte/68332/fine-settimana-tra-le-langhe-e-il-roero-senza-scor.html

Ci basta un’occhiata in cantina per renderci conto del disastro: le nostre scorte di Barbera d’Asti si stanno esaurendo! Urge ritorno alla terra che l’anno scorso, esattamente a fine inverno proprio come quest’anno, ci ha accolto a braccia aperte. Approfittiamo dell’eccezionale ospitalità degli amici del B&B Frazione Sant’Anna a Costigliole e carichiamo le damigiane in auto: direzione VINO.

Nel tragitto ci sovviene che da anni cerchiamo di visitare alcune località ma senza trovare mai il tempo di farlo. Alcuni le considerano città e paesi marginali, ma io che son nato nel lodigiano (Riccardo) non sono di questo avviso. Oggi ci fermeremo dunque a Codogno, Lodi e Pavia.

Codogno dista da Piacenza pochi chilometri. Ci sarebbe davvero molto da vedere - compreso, da fuori, il vecchio ospedale, edificio davvero singolare dal bel colonnato - peccato sia venerdì e tutte le chiese importanti abbiamo i battenti sbarrati. Parcheggiamo in pieno centro e respiriamo l’aria dimessa della provincia, vediamo i suoi abitanti che si dirigono svelti verso i molti bar. La Chiesa Parrocchiale di San Biagio e Santa Maria Immacolata col suo strano calendario via di mezzo tra una meridiana ed un termometro ci incuriosisce, il cortile fiabesco della Chiesa delle Grazie ci rapisce, ma è tutto ineluttabilmente sbarrato. Ci facciamo un giro al mercato e ci imbattiamo a sorpresa in un grandissimo artista che proprio qui a Codogno – come me (R) - ha trovato i natali, Maurizio Milani!

Ripartendo, facciamo rotta verso Lodi. Il centro di questa sorprendente cittadina sonnacchiosa è un piccolo gioiello. A dire il vero, per noi che veniamo dalla provincia di Mantova, è molto simile al capoluogo gonzaghesco. Facciamo ingresso da Piazza Broletto, un angolo medievale impeccabilmente conservato. Entriamo da qui nella piazza principale: piazza della Vittoria. Cerchiamo di visitare il duomo ma è chiuso! Facciamo dunque un giro per le lunghe vie che si snodano in cerca della mitica raspadüra, sottili sfoglie di grana. Arriviamo in un baleno all’interessante “Torre di Lodi” che segna un po’ la fine dell’area pedonale: davvero affascinante.

Lodi Vecchio dista da Lodi una decina di chilometri; si tratta dell’antico nucleo abitativo di Lodi (600 a.c.). Oggi non è rimasto molto da vedere a parte l’antica e magnifica Chiesa di San Bassiano, sede di una festa molto rilevante, il giorno del santo. Il 19 gennaio infatti qui si fa festa pasteggiando con quintali di trippe offerte agli avventori per tradizione. Erano 3 anni che volevamo venirci e non eravamo mai riusciti a trovare il tempo. Ora che siamo qui ci godiamo la pace del posto.

La prossima tappa è Pavia, da lì prenderemo l’autostrada verso l’astigiano. Arriviamo sotto una pioggia battente e subito siamo affascinati dalle torri che svettano alte dietro i palazzi. Si dice che questa città ve ne fossero 150 in epoca medievale. Parcheggiamo nelle vicinanze dell’università, passeggiamo di fronte alla Chiesa di San Francesco Maggiore e passando attraverso il cortile universitario raggiungiamo la base delle torri. E’ bello alzare gli occhi al cielo e farsi sovrastare da questi giganti, ma non restiamo a lungo perché la pioggia non ci concede tregua. Arriviamo in un attimo in piazza del Duomo e una visita quantomeno veloce alla chiesa è d’obbligo: davvero maestosa. Ma il motivo per cui siamo qui è un altro: è una vita che il ponte coperto ci intriga. A dire il vero, vedendolo così, intasato dal traffico, sotto un cielo grigio topo perde molto del suo fascino da cartolina… ma tant’é. Ad avere più tempo avremmo cercato di visitare anche il Castello visconteo e la Certosa che dista dal centro città qualche chilometro, ma è tempo di ripartire: vogliamo arrivare a destinazione prima che sia troppo buio.

Il giorno seguente nonostante il maltempo (è il primo marzo e qui nevica sopra i 400 metri), focalizziamo la nostra attenzione su Bra, sede storica di Slow Food. Appassionati come siamo di cibo e alimentazione, non possiamo non tentare di entrare a curiosare nell’Università degli Studi di Scienze gastronomiche, fondata da Petrini proprio una decina di anni fa

  • 2502 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social