Perù: quei visi bruciati dal sole

Tutto il bello del Perù in un viaggio in solitaria tra il Machu Picchu, Cusco, Nazca, il Lago Titicaca, Arequipa e Lima

  • di giusep11
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Tornato a Paracas faccio altri giretti. Lascio la bici e faccio delle passeggiate sul lungomare, dove molti turisti giacciono sulla spiaggia intenti a prendere il sole, prima di tornare in hostel.

Info:

-orari partenze Isla Ballestas 8.00/ 10.00/12.00 30s.(durata 2h)

-orari partenze Reserva Paracas solo 11.00

29 settembre

Mi alzo presto per fare colazione e mi reco al muelle(molo) per prendere la prima barca che parte alle 8.00. Vengo subito corteggiato da un ragazzo, Paul, con cui contratto il giro per 30s(+10s. se non si ha il boleto integrale reserva+isla). Sul molo ci legano un bracciale di riconoscimento al polso e poi ci fanno salire a bordo. Si passa di fronte al Candelabro, una figura geroglifica impressa su una collina che richiama le linee di Nazca. Molte sono le teorie sul perché di tale disegno tra cui vi è quella che poteva essere un segno di riconoscimento per i naviganti che arrivavano da lontano, come sottolinea la guida. Oltre allo spettacolo paesaggistico di mare e isolotti vi è tutta la fauna che popola tali ambienti. I più belli sono i leoni marini specialmente i pochi maschi tutti distesi sugli scogli, qualche piccolo pinguino e per finire i tanti pellicani. Il ragazzo che guidava la barca, devo dire, è stato molto bravo ad avvicinarsi agli scogli facendo della manovre molto apprezzabili che hanno reso ancor più interessante il tour. Al ritorno al molo pensavo di trovare Paul per poter effettuare il pagamento, ma all’arrivo non c’era più nessuno per cui mi sono dovuto rassegnare…

Ritorno in hostel per prendere lo zaino e mi dirigo alla stazione dei bus Cruz del Sur per andare a Nazca.

Arriviamo con ritardo a destinazione e decido di acquistare un biglietto per Arequipa con la compagnia Civa. Avevo visto su internet che c’è ne era uno alle 20.10 ma allo sportello con molta delusione mi hanno detto che non arriverà prima delle 21-22. Purtroppo il bus fa 3ore di ritardo arrivando alle 23(pessima compagnia CIVA).

Avevo in programma di visitare le linee di Nazca e Palpa. La prima è raggiungibile con bus che partono nei pressi dei terminal delle grandi compagnie e con 3s. arrivo al mirador della Torre Metallica sulla Panamerica, sotto il quale si possono vedere(per 3s.) le vicinissime figure come la Mano e Los Arboles. E’ incredibile come la strada abbia tagliato in due queste linee in barba al patrimonio storico. In cima alla torre incontro altri ragazzi e propongo loro di andare alla linea di Palpa, ma non essendo interessati vado solo. Dopo aver aspettato il passaggio di un bus, salgo su e arrivo nei pressi di Palpa dove vi è la linea de la Familia di Paracas, ovvero la Madre, il Padre e il Bambino. Ho raggiunto questo punto con molti dubbi, sia per la localizzazione del sito sia per il tempo che stringeva, infatti cominciava a calare il sole. Ci tenevo moltissimo a vedere questa linea ed è stato molto emozionante trovarmi molto vicino ad essa anche rischiando di rimanere sulla Panamerica.

Faccio delle foto, fisso ripetutamente lo sguardo verso il disegno come ad impressionarlo nella mente e prima di allontanarmi mi giro numerose volte.

E’ ora di tornare a Nazca, ma come? E’ quasi buio e sono su questa autostrada completamente solo. Cerco di fare l’autostop ma nessuno si ferma a parte un motorino che almeno mi fa un po’ di compagnia, ma alla fine non può darmi il passaggio perché porta un sacco sul sedile posteriore. Ad un certo punto all’orizzonte vedo la sagoma di un bus dietro un camion e nella paura che non mi vedesse, cerco un’angolazione giusta per poter essere visibile facendo dei grossi gesti, dimenandomi con braccia e corpo. Il bus si ferma, salgo e con 4s

  • 22207 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. davovad
    , 23/11/2016 23:04
    "E’ incredibile come la strada abbia tagliato in due queste linee in barba al patrimonio storico. "
    Purtroppo la strada é stata costruita prima che si scoprissero i geoglifi

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social