Perù. El condor pasa

Viaggio in un paese multietnico, con una straordinaria ricchezza culturale, naturale ed archeologica

  • di FULCOLA
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Chi torna da un viaggio, non è mai la stessa persona che è partita”. Così cita un proverbio cinese e sicuramente un viaggio in Perù un po’ ti cambia dentro. Non si può certo restare indifferenti allo spettacolo maestoso della cordigliera andina, nè a quello delle selvagge e frastagliate costiere sul Pacifico o assistere in modo distaccato al volo dei condor o alla scene ancestrali di vita rurale sugli altipiani o ancora allo squallore delle periferie di Lima; percorrere le strade peruviane ti fa vedere questo e moltissimo altro ancora.

Ci sono molti modi per visitare questo straordinario Paese ( zaino in spalla e trekking, tours organizzati, bus, mobilità in condivisione e tant’altro) e molto dipende dal tempo a disposizione : per ottimizzare i tempi ed i percorsi e visti i positivi commenti su TpC, abbiamo deciso di appoggiarci all’ agenzia locale “Viaggiare in Perù” (sito www.viaggiareinperu.it), gestita da Paolo Perniceni, un italiano che è stato capace di trasmetterci l’entusiasmo che prova per quella che ha scelto come sua terra d’adozione. Con la mobilità privata a disposizione abbiamo potuto estendere a zone di solito solo superficialmente toccate dal turismo di massa, le escursioni di quello che è il tour “classico” per antonomasia del Perù (il c.d. “sud” : Lima, Paracas, Nazca, Arequipa, Lago Titicaca e Cusco).

Anche le motivazioni che spingono ad intraprendere un viaggio così lungo (più di mezza giornata di volo dall’Italia) possono essere le più diverse: la principale è sicuramente la voglia di scoprire un fantastico patrimonio storico ed archeologico, ma non vanno trascurati nemmeno gli aspetti naturalistici ed anche quelli mistico/religiosi.

Si sono conservate solo poche tracce dei fasti della civiltà Inca e dei suoi incredibili monumenti, ma quello che è rimasto - edifici e porzioni di mura costruite con pietre colossali di decine e, talvolta, centinaia di tonnellate - riesce a dare un’idea dell’importanza di questa cultura e della perizia raggiunta dai loro costruttori nella lavorazione della pietra. Prova ne sono i siti di Raqui, con gli imponenti resti del tempio di Wiracocha circondati da centinaia di granai e magazzini, del villaggio rurale di Pisac con ampi terrazzamenti, di Ollantaytambo con l’incompiuto tempio del sol o del parco archeologico di Saqsayhuaman con le maestose mura ciclopiche e teatro ogni solstizio d’estate della rievocazione dell’ Inti Raymi. Da non perdere assolutamente la visita di Sillustani, nei pressi di Puno: le torri della necropoli, già in uso in epoca pre-inca, si specchiano nelle acque turchesi del lago Umayo e contribuiscono, con lo stupendo scenario circostante, a creare un’atmosfera quasi magica. Ovviamente il sito più conosciuto è quello di Macchu Picchu che impressiona per lo stato di conservazione ed il contesto naturale in cui è inserito, ma di cui forse andrebbero ripianificate e contigentate le modalità di accesso : da metà mattino in poi si deve quasi sgomitare per percorrere i sentieri…

Tra le poche testimonianze sopravvissute delle civiltà pre-inca, invece, ci sono le famose linee di Nazca, misteriosi solchi nel terreno visibili solo dall’alto che raffigurano figure di animali, piante ed esseri antropomorfi (l’“Astronauta”) e che è possibile osservare da bordo di piccoli aerei. Personalmente non sono contrario all’uso di questi mezzi per l’escursione: mi rendo conto che possono essere inquinanti ed avere un impatto sull’ambiente come affermano in molti , ma si trovano comunque in un contesto desertico e spopolato. Magari si potrebbe valutare il ricorso a mongolfiere ancorate…

In tutto il Perù le costruzioni inca sono poi state usate dai nuovi arrivati come cave per i materiali di costruzione delle magnifiche chiese che hanno sostituito - ma non soppiantato del tutto - gli antichi culti andini. Capita così di trovare, come a Chinchero, una chiesa coloniale edificata sulle basi di un tempio inca o, caso ancor più eclatante, di veder svettare in cima al campanile della chiesa coloniale di Chucuito un fallo di pietra al posto della croce ! Il tutto per convincere gli abitanti del luogo, famoso per un tempio de la fertilidad dedicato al membro virile dell’Inca, che in fondo la nuova religione è una sorta di prosecuzione di quella precedente…

Un altro eccezionale esempio di sincretismo religioso lo si può ammirare nella chiesa di Pomata ( Puma Uta in lingua Aymara) dove simboli cristiani e pagani convivono nei magnifici portali di pietra rosa intarsiata ed all’interno dell’edificio. Ma un po’ tutte le chiese visitate hanno delle peculiarità che le distinguono: fattor comune sono gli imponenti retabli lignei ricoperti di foglia d’oro e di specchi e gli altari di argento massiccio. Colpiscono in particolare la maestosità della cattedrale di Cusco e del suo coro, la fantastica cupola affrescata della Compagnia di Gesù e le dimensioni del monastero di Santa Catalina, entrambi ad Arequipa e le stupende chiesette affrescate del “circuito barocco” di Andahuaylillas e di Huaro.

Da quello che abbiamo potuto vedere, il rapporto con la religione per i peruviani è molto particolare. Abbiamo assistito un po’ ovunque a processioni religiose e a manifestazioni di fede, ma ci è stato pure spiegato che in passato il culto degli dei andini era così radicato nella popolazione che, per far accettare più facilmente il nuovo credo, nell’opera di evangelizzazione sono stati evidenziati di più gli aspetti positivi e solari della religione cristiana, mettendo in secondo piano quelli più legati al martirio ed alla passione. Prova ne è che la figura principale nelle chiese non è il Cristo sofferente in croce ma è la Madonna, rappresentata sempre da statue con ampi mantelli a formare una sorta di figura piramidale che ricorda la Pachamama, la madre terra, benevola e sorridente

  • 8769 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social