Perù e Galapagos, un viaggio nel paradiso della terra

Viaggio nella cultura inca da Arequipa fino a Machu Picchu, poi immersi nella biodiversità darwiniana delle Galapagos

  • di Gianadi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

19 giugno

Dopo quasi un anno di lunga e attenta preparazione finalmente si parte: volo da Malpensa per Miami con American Airlines… e qui si apre il primo e forse unico tasto dolente della vacanza: aerei vecchi, poco curati, servizio non proprio eccellente ma il prezzo era il più basso che abbiamo trovato dopo mesi di ricerche e soprattutto era l’unica compagnia che ci permetteva di coprire il viaggio di ritorno dalle Galapagos fino a Milano… volo a parte arriviamo a Miami in una specie di uragano e iniziamo a sperare che finisca prima che il nostro volo per Lima… per fortuna dura poco più di un'ora e a mezzanotte decolliamo per la capitale peruviana dove facciamo l’ultimo scalo del viaggio e decolliamo nuovamente con Lan per Arequipa. I bagagli per fortuna arrivano subito e ci fiondiamo in albergo…una piccola ma graziosa struttura fatta da qualche dependance vicina al centro e gestita da una signora davvero gentilissima che ci offre una mega colazione rigenerante dopo tutte le ore di viaggio.

20 giugno: Arequipa

Riposo in mattinata poi visita alla bella cittadina: sia il monastero di Santa Catalina che la cattedrale meritano sicuramente una visita, anche per permetterci di acclimatarci all’altitudine (3000 metri) e prepararci alla scalata ai vulcani del giorno dopo… direzione Canyon del Colca!!! In serata cena meravigliosa da Zig Zag: qualità eccelsa a prezzi ragionevolissimi!

21 – 22 giugno: Canyon del Colca

Due giorni di tour guidato, prenotato con largo anticipo, al meraviglioso canyon, regno di condor e vallate interminabili… ci passano a prendere in albergo e da subito ci spiegano che il rimedio naturale per resistere al mal di altura sono le foglie di coca: attenzione! Non è cocaina sono foglie di coca che permettono al fisico di mantenere alta la pressione e non collassare a terra. Viaggio per chivay meraviglioso, si passa dalla riserva nazionale di Aguada Blancas dove si possono facilmente vedere le vigogne e i lama per arrivare al mirador de los vulcanos a 4980 metri… davvero da brividi il panorama sui vulcani peruviani anche se la testa gira molto a questa altezza!

Nel pomeriggio breve trekking con guida locale e bagno in sorgente termale (autentica)... la mattina seguente, molto presto, siamo saliti con il pulmino al mirador cruz del condor dove abbiamo avuto la possibilità di restare un ora ad osservare questi enormi e imponenti uccelli volare a pochi metri da noi in cerca di qualche carogna… davvero imperdibile questa due giorni al canyon! Terminata con una cena fantastica al Chicha por Gaston Acurio: sorprendente!

23 giugno: Arequipa-Puno

Dopo due giorni molto intensi al canyon del abbiamo deciso di prenderci un giorno di pausa tra trasferimento a Puno (consigliatissima la compagnia di autobus Santa Cruz…meglio che volare in business) e breve visita alla cittadina lacustre, nella quale abbiamo avuto tempo per acclimatarci nuovamente (4000 metri) e organizzarci per i giorni successivi.

24 giugno: Sillustani

Dopo una mattinata di passeggio per la città, nel pomeriggio abbiamo prenotato un'escursione per visitare la città funeraria di Sillustani che è davvero molto molto affascinante: sia per la location (sopra un lago) sia per il silenzio che per la sua storia…merita sicuramente una visita! Nel tragitto di ritorno, sosta in una casa di locali per assaggiarr prodotti tipici (patate all’argilla) e poi visita a Puno di notte…che non ha niente di particolarmente interessante se non la via principale con qualche negozietto e qualche ristorante mediocre

  • 27057 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social