Fantastico Perù

Ciao a tutti! Eccomi qui, pronto per scrivere le impressioni e i suggerimenti che ho da darvi sul mio ultimo viaggio, il magico Perù! Non mi dilungherò più di tanto sulla descrizione dei posti che ho visitato, che troverete in ...

  • di Jimboz81
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ciao a tutti!

Eccomi qui, pronto per scrivere le impressioni e i suggerimenti che ho da darvi sul mio ultimo viaggio, il magico Perù!

Non mi dilungherò più di tanto sulla descrizione dei posti che ho visitato, che troverete in abbondanza nei racconti di viaggio di altri turisti per caso, ma come sempre cercherò di essere il più chiaro possibile sugli aspetti organizzativi della vacanza, per chi come me ed i miei amici decidesse per un “fai da te”.

Io e 4 miei amici siamo stati in Perù 2 settimane, tra il 22/08 ed il 07/09 2009, con 1 giorno di scalo a New York (abbiamo trovato un volo della Continental ad un prezzo veramente super, e quindi abbiamo volentieri accettato di trascorrere un giorno nella Grande Mela).

Dopo essere atterrati a Lima alle 22 di sera del 23/08 ed aver passato la notte nella capitale (consiglierei vivamente di farsi venire a prendere in aeroporto da un taxi privato dell’hotel che sceglierete, soprattutto se come noi arrivate di notte), il mattino dopo siamo immediatamente partiti per Paracas, per visitare la riserva naturale e le isole Ballestas.

Entrambi sono veramente eccezionali, la prima dal punto di vista paesaggistico (per me in assoluto i più bei paesaggi del Perù), le seconde per la ricchezza della fauna (gabbiani, cormorani, pellicani, leoni marini, pinguini, ecc..). Noi, dopo esserci rivolti ad “un’agenzia viaggi locale” (ovvero un tavolo, due sedie ed un tizio molto sveglio che abbiamo conosciuto non appena arrivati a Pisco) abbiamo prenotato un taxi per scarrozzarci in giro per la riserva (costo 20 euro a macchina per tutto il pomeriggio), e l’escursione in barca alle Ballestas per il mattino successivo.

25/08

Dopo l’escursione alle isole Ballestas siamo partiti per Nazca, con un bus Cruz del Sur: il pullman parte alle 10:30, che noi pensavamo essere troppo presto considerando l’ora a cui finiva l’escursione, ma poi in realtà, poiché il pullman arriva da Lima, c’è sempre un po’ di ritardo su cui contare… Arrivati a Nazca nel pomeriggio, abbiamo affittato un taxi e siamo andati a vedere il Cemeterio di Chauchillia, con impressionanti tombe a cielo aperto e mummie “rasta” con capelli da far invidia a Bob Marley. Un po’ inquietante e surreale, però carino se avete del tempo a disposizione.

26/08

Al mattino abbiamo effettuato il volo sulle famose linee: è indubbiamente spettacolare e lascia davvero a bocca aperta. Consiglierei solo di non fare colazione al mattino, perché le virate che fa il pilota reggono tranquillamente il confronto con le montagne russe di Gardaland – a parte il fatto che il volo dura 30 minuti e non 30 secondi… Tra l’altro: ho letto in diversi racconti, non solo sul sito di turisti per caso, che le linee non si vedono o che sono state in parte coperte o quant’altro: non è assolutamente vero!!! Intendiamoci, non ci sono insegne luminose ad alta intensità modello Las Vegas a segnalarle, ma pur non avendo io una vista da falco, le ho viste benissimo! Eccome!!

Nel pomeriggio abbiamo poi fatto un giro in dune buggy sulle dune sabbiose del deserto di Usaka, poco distante da Nazca, dove abbiamo anche fatto sandboarding (puro divertimento per chi come me non l’aveva mai fatto, immersi in un deserto del tutto simile al Sahara).

Alle 23:30 (ma doveva partire alle 22:30…) abbiamo poi preso l’autobus notturno di Cruz del sur per Arequipa, che consiglierei in quanto il tragitto da fare è veramente lungo (sono 9 ore – 9 ore e mezza di viaggio, in buona parte passate a dormire placidamente). A questo proposito suggerirei di non farsi troppo influenzare dalla Lonely Planet, che sconsiglia categoricamente tutti i viaggi notturni a causa di presunte frequenti rapine a mano armata e addirittura assalti ai pullman (probabilmente confondendo il Perù con il Far West o con i Caraibi ai tempi dei pirati! Ci mancava solo più che scrivessero che suddetti “arrembaggi” fossero guidati dal fantasma del Corsaro Nero…)

27/08 – 28-08

Visita di Arequipa ed immediati dintorni: città coloniale di grande fascino che a me è piaciuta moltissimo, ai miei amici un po’ meno. Ha architetture ed edifici veramente notevoli, sia laici che religiosi (uno su tutti il monastero di Santa Catalina, che è uno spettacolo). Tra l’altro anche paesaggisticamente la città è splendida, immersa in una valle circondata da altissimi vulcani (il Misti (5970 m), il Chachani (6070 m) ed il Picchu Picchu (5600 m). Se potete fatevi portare alle 3 terrazze panoramiche della città, ne vale davvero la pena!

29/08 – 30/08

Escursione alla valle ed al canyon del Colca: fantastica!!! Per andare alla valle del Colca si passa attraverso la riserva naturale di Salinas y Aguada Blanca, dove si possono ammirare le vigogne al pascolo in totale libertà, fenicotteri (a 4500 metri!!!!) e molti altri animali piccoli e grandi, oltre ovviamente a panorami mozzafiato come le pampas di alta quota ed il Mirador De Los Andes, un punto panoramico a 4910 m di quota (ci si arriva in pullman tranquilli!) sui 6 vulcani della zona (over 6000 m naturalmente!). La valle del Colca è tutta terrazzata con le andenes, uno spettacolo e il canyon….beh, che dire, profondissimo (il secondo più profondo del mondo, ben più del doppio del Gran Canyon americano, con oltre 4000 metri di profondità nel punto massimo), e soprattutto ideale per avvistare i condor dal mirador del Cruz del Condor: ne abbiamo visti ben 4, da molto vicino – sono imponenti e maestosi – una di quelle emozioni che non si provano tutti i giorni…

Dopo la visita al canyon ed il ritorno alla cittadina di Chivay siamo partiti per Puno, dove siamo arrivati in serata

  • 1665 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico