Il nord ed il sud

Viaggio in Perù dal 22/09/2008 al 10/10/2008 spesa approssimativa € 1800 Dopo mesi di attesa eccomi finalmente pronto a partire.Dovevamo essere in due ma all’ ultimo momento l’amico Giovanni ha avuto un imprevisto e non è potuto partire e nel ...

  • di netora
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Viaggio in Perù dal 22/09/2008 al 10/10/2008 spesa approssimativa € 1800

Dopo mesi di attesa eccomi finalmente pronto a partire.Dovevamo essere in due ma all’ ultimo momento l’amico Giovanni ha avuto un imprevisto e non è potuto partire e nel giro di qualche giorno ho dovuto decidere cosa fare………. Dubbio amletico parto o non parto da solo?????

Il dubbio però dura pochi attimi….. La meta è ambita e sono mesi che stò studiando l’itinerario quindi è deciso……..si parte!!!!!!!!!!!!

Per l’organizzazione mi sono avvalso della consulenza di Fabrizio, un amico che gestisce un hostal a Cusco, di internet dove ho raccolto le esperienze di altri viaggiatori e della mitica ed inseparabile Lonely Placet. Non vi racconterò, se non per sommi capi, quello che c’è da vedere in quanto queste informazioni si trovano dappertutto.

Lunedì 22

Sveglia prestissimo l’aereo dell’Alitalia parte da Linate alle 6,40 con destinazione Amsterdam dove alle 10,20 devo prendere la coincidenza con KLM con destinazione Lima ed arrivo alle 18,15.

Il biglietto è stato acquistato all’inizio di Luglio al prezzo di circa € 750,00 a cui vanno aggiunti circa € 40 per l’assicurazione contro l’annullamento del viaggio, polizza sanitaria e perdita bagaglio.

Viaggio molto leggero, zaino di 12 kg e zainetto per le escursioni perché non voglio portarmi troppe cose tanto lungo il viaggio di lavanderie ne incontrerò sicuramente.

I viaggi aerei vanno benissimo senza nessun ritardo o problema e alle 18,30 sono già fuori dall’aeroporto dove ad attendermi c’è il taxi inviato dall’hostal La Casa Nostra a Miraflores dove tramite Faber, un amico che gestisce un hostal a Cusco che mi ha aiutato ad organizzare il viaggio, ho prenotato la prima notte.

Già dal primo giorno capisco una cosa, io in Perù non guiderò mai… solo stare in parte ai tassisti fa venire i brividi infatti quando si esce dall’aeroporto il traffico diventa infernale e tutti suonano e non danno neanche il minimo spazio agli altri.

All’arrivo all’ hostal, dopo aver preso la prima fregatura, 40 soles per il taxi, conosco Mariano che mi da le prime indicazioni su come organizzarmi per il giorno dopo.

Esco subito e vado in un agenzia per prenotare il bus per Paracas ( 56 soles più tasse per pagare con carta di credito in totale circa $22 ) e prima cena peruviana al ristorante Ricota vicino all’hostal dove per un piatto di risotto alla pescatora, birra, caffè e pisco sur spendo circa 60 soles.

Pago l’hotel 100 soles con carta di credito e compreso nel prezzo ci sono 15 soles per il trasferimento al terminal dei bus di Cruz del Sur.

Martedì 23

Sveglia alle 5 e partenza con il taxi per il terminal dove alle 7 puntualissimo parte il bus.

Sono organizzatissimi ……. Chek in dei bagagli tipo aeroporto controllo dei documenti prima di salire compreso ripresa cinematografica di tutti quelli che salgono e dopo pochi minuti colazione.

Il viaggio dura circa 3 ore e mezzo il tutto attraverso il nulla. All’arrivo prendo un taxi che per 15 soles mi porta a Pisco dove trovo alloggio alla Posada Hispana per 70 soles. Il paese è stato completamente distrutto dal terremoto lo scorso anno e praticamente ci sono macerie dappertutto.

L’albergo sembra essere l’unica costruzione rimasta in piedi ed è un bel posto soprattutto pulito. Mi faccio consigliare un agenzia dalla ragazza dell’albergo dove poter organizzare le escursioni alla riserva di Paracas ( 80 soles) ed alle isole Balestas (50 soles) e mi faccio convincere a prenotare anche il volo sulle linee di Nasca per il giorno dopo alla modica cifra di $ 80.

Parto subito dopo mezzogiorno con un taxi per il giro della riserva, un bel deserto che costeggia il mare. C’era da vedere la cattedrale, un arco in pietra tra il mare e la costa ma oggi non rimane che un scoglio in quanto è crollato in seguito al terremoto. Verso le 16 sosta per il pranzo 136 soles, pago anche al tassista e sulla via del ritorno mi fermo a prenotare il bus per la notte di domani per il trasferimento da Nasca ad Arequipa ( 102 soles) e il bus per domani mattina per andare a Nasca ( 36 soles)

  • 954 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico