Finalmente sposi in Perù

Finalmente sposi in Perù dal 25/7/07 al 11/08/07 Protagonisti: il Rildo e la Gemma Itinerario: Milano-Lima (via Amsterdam), Cuzco, Huaraz (via Lima), Trujillo, Chiclayo, Paracas (via Lima), Lima e ritorno a casa. Ci siamo mossi con autobus per gli spostamenti ...

  • di gemmarildo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Finalmente sposi in Perù dal 25/7/07 al 11/08/07 Protagonisti: il Rildo e la Gemma Itinerario: Milano-Lima (via Amsterdam), Cuzco, Huaraz (via Lima), Trujillo, Chiclayo, Paracas (via Lima), Lima e ritorno a casa. Ci siamo mossi con autobus per gli spostamenti più lunghi e poi contrattando con i taxisti locali. Alloggio in hotel media categoria prenotati dall’Italia, tuttavia non ci sono problemi di posti a dormire (dato anche l’itinerario poco turistico), pertanto si può prenotare in loco.

Diciamolo, il matrimonio è stato un pretesto per il viaggio di nozze e scegliamo il Perù, sebbene quando lo diciamo la gente sia sorpresa…certo non è proprio il villaggio tutto incluso da luna di miele e noi non si è proprio dei ragazzini per viaggiare con lo zaino…Dopo un volo di 12 ore con hostess olandesi di una certa età (così il Rildo non mi cade in tentazione visto le recenti promesse matrimoniali) siamo scaraventati a Lima e subito su un taxi a rischiare la vita in un’atmosfera tipo Milano a Novembre, clackson, smog, code, traffico, bestemmie in spagnolo forse…e finalmente l’hotel. Lima non ci entusiasma, dopo la prima mezza giornata siamo un po’ stanchi di tutto il traffico; la città non ci è sembrata tanto pericolosa, tuttavia il clima è tremendo sempre questa nebbiolina con pioggerella, indirizzo utile cena a Las Tejas (Miraflores)… ben contenti quindi dopo due giorni prendiamo l’aereo per Cuzco…dopo un’ora circa, finalmente il cielo blu e l’atmosfera rarefatta (lieve malessere da altitudine che dura per poco e combattiamo con mate de coca), l’unica cosa che non cambia è lo stile del taxista, con cui ci accordiamo per giro nella Valle Sagrada per il giorno seguente. Che dire, Cuzco è splendida, ci godiamo la cittadina, la piazza e i caffè con balconi di legno, i negozietti, il museo Inca…unico problema è trovare il treno per Machu Picchu, ci arrendiamo ad alzarci alle 5 di mattina. Per la cena consigliamo il ristorante Inkanato, se si riesce a non badare troppo alla mize del cameriere, che è anche un gran chiacchierone… Assolutamente da vedere è la Valle Sagrada, siamo entusiasti del mercato di Chinchero, che consigliamo di vedere per primo alle 8.00 della mattina, quando si è ancora i soli turisti, mai visto il Rildo così entusiasta dello shopping! Oltre alle più note località, meritano una fermatina le saline di Maras (con passeggiata a piedi di un’oretta mentre il taxi aspetta a valle), i terrazzamenti di Moray ed il negozio di ceramiche di Pablo Seminario (noto nella zona, basta chiedere). Per la visita al Machu Picchu abbiamo pensato di pernottare ad Aguas Calientes, la cittadina è assurda ma sembra l’unico modo per vedere il sito la mattina presto, ci alziamo alle 4.30, convinti di essere tra i primi per salire sul primo autobus che parte alle 5.30: saliremo sull’autobus numero 17 ma facciamo in tempo a fotografare il sito senza troppe persone. Ad Aguas Calientes è splendido cenare all’Indio Feliz (una delle cene migliori ma occorre prenotare qualche ora prima), dopo la visita al sito ci siamo sollazzati alle terme con sommo godimento, invece non esiste il boleto nocturno per visitare il sito di notte come indicato sulla Lonely Planet. Di Machu Picchu non sappiamo che dire, è splendido ma si deve riuscire ad ignorare tutto il bailame turistico intorno; il Rildo ha un animo ed un corpo avventurosamente sportivo, io….no… quindi saliamo su Huayna Picchu, vabbè la visione sul sito sarebbe splendida se solo riuscissi a respirare dopo la salita, se smettessi di tremare e potessi strizzare la maglia fradicia: praticamente ho gattonato sullo strapiombo ed in alcuni passaggi ho usato le unghie…a saperlo sarei andata verso la porta del sole… A questo punto sono quattro giorni che ci alziamo alle 4.30-5, forse erano meglio le Maldive…ci trasferiamo a Huaraz, passando da Lima, molto consigliabile la compagnia di autobus Movil Tours autobus comoderrimi a prezzi molto convenienti, le mie gambe apprezzano perchè i due giorni consecutivi non riesco a salire e scendere dai marciapiedi per il dolore! Huaraz è una città piuttosto deludente, unica nota il Caffè Andino assolutamente imperdibili le tisane e la torta al cioccolato. Da Huaraz si parte per due itinerari notevoli: la città di Chavin (1000 a.c.) e le Lagune Llanganuco

  • 278 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave