Peru' patrimonio mondiale delle meraviglie

La premessa è che chi leggerà questo racconto troverà un enorme uso nonché numerose ripetizioni di aggettivi superlativi relativi e soprattutto assoluti; ce ne scusiamo, la colpa non è nostra ma è del paese che abbiamo visitato(nostro pallino da tempo) ...

  • di leleben
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

La premessa è che chi leggerà questo racconto troverà un enorme uso nonché numerose ripetizioni di aggettivi superlativi relativi e soprattutto assoluti; ce ne scusiamo, la colpa non è nostra ma è del paese che abbiamo visitato(nostro pallino da tempo) in giugno 2007.

Prima di partire per questa meta gli amici e conoscenti che erano già stati e che abbiamo consultato( tutta gente che ha viaggiato veramente tantissimo), tutti, senza alcuna eccezione ci hanno detto:” state per andare in uno dei posti più belli del mondo!”. Quindi un po’ce lo potevamo anche aspettare, ma ciò che abbiamo visto in 14 giorni va oltre qualsiasi commento.

Per l’itinerario volevamo cercare di sfruttare al massimo le nostre 2 settimane e abbiamo trovato un tour molto completo(che andava a toccare le zone e le mete che ci eravamo prefissati) tramite Mistral, che si appoggia totalmente all’ottima agenzia di turismo peruviano “Silvana Tour” .

La scelta è stata eccellente e ci ha consentito di effettuare buona parte del viaggio con spostamenti via terra (2 soli voli interni), rendendo il viaggio più faticoso ma decisamente più ricco e affascinante; i trasferimenti fatti col pulmino in mezzo alle Ande(a volte anche di 8 ore) e sulla Panamericana in mezzo al deserto(per arrivare a Nazca e Paracas) sono stati insieme ai luoghi visitati quanto di più bello abbiamo mai visto in vita nostra, facendoci ammirare scenari naturali incredibili, con una forza, intensità e nitidezza di colori(caratteristica fondamentale del Perù) che ti entrano dagli occhi e ti rimangono intrappolati dentro.

Noi abbiamo dovuto per motivi di tempo rinunciare al nord(dove andremo quando ritorneremo) e alla foresta amazzonica; le nostre tappe sono state in sequenza:

LIMA: è la capitale, ma c’entra ben poco con quello che è il vero Perù; costruita dagli spagnoli nel deserto, è una megalopoli arida, brulla, molto grigia che si affaccia sull’oceano Pacifico ed è interamente circondata da sabbia e rocce. Carina la Plaza de Armas e il quartiere Miraflores che costeggia l’oceano, ma per il resto non ci è assolutamente piaciuta.

AREQUIPA(2.400 m), CHIVAY(3.700m) E LA VALLE DEL COLCA(3.650 m): Arequipa è molto bella ed è situata in mezzo a 3 vulcani; dalla parte alta della città si gode di una visuale favolosa. Da non perdere il monastero di Santa Catalina( una città dentro la città) e la visita al museo dove è conservata la mummia di Juanita.

Arequipa è anche la base di partenza per la visita a Chivay(se vi capita fate il bagno nelle calde terme naturali all’aperto a 3.700 m di altezza con le Ande che fanno da spettatori) e alla valle del canyon Colca(per arrivare si valica un passo a 5.000 m) dove oltre all’incredibile spettacolo dei paesaggi abbiamo avuto la fortuna di vedere i condor. Sul percorso abbiamo incontrato anche numerosi vicùna, alpaca e lama.

PUNO E IL LAGO TITICACA(3.850 m): a Puno si arriva soprattutto per ammirare il lago Titicaca, il più alto lago navigabile al mondo, di una bellezza rara; durante la sua navigazione si visitano le isole galleggianti degli Uros e la splendida isola Taquile(4.000 m), anch’essa patrimonio mondiale dell’Unesco insieme al lago e dove sembra di tornare indietro nel tempo con i suoi abitanti che vivono senza corrente elettrica. Da qui si ammirano anche i picchi innevati delle Ande Boliviane.

CUZCO(3.400 m), LA VALLE SACRA E MACHU PICCHU(2.360 m): la capitale dell’impero Incas e la vera capitale del Perù. E’ stupenda, e da qui si parte per la visita dei siti Incas intorno a Cuzco e per la valle sacra, la valle dell’Urubamba (sembra un enorme quadro, da mozzare il fiato)con il tipico mercatino di Pisac, l’imponente quanto bella fortezza incaica di Ollantaytambo, ed infine col trenino che porta a Aguas Calientes: da qui si sale con i pulmini e si arriva a Machu Picchu, semplicemente senza parole

  • 1749 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave