Romano CUIDATE

Giro classico del Sud + Cammino Inca Le prime parole di questo racconto le voglio scrivere mentre siamo ancora in volo, una sorta di limbo in cui si alternano momenti di relax (w Shreck III in spagnolo) a profondo studio ...

  • di elenagotti
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo

Per il resto del gruppo giro per Nazca a conoscere due artigiani e un pò di shopping vario, compreso CD di Eros in spagnolo. Dopo aver riunito il gruppo è iniziato il più lungo spostamento del nostro tour, 9 ore di pulmino con paesaggi a tratti straordinari e qualche brivido per i sorpassi che Jorge, il nostro mitico autista, era costretto a fare. Inizio qui ad aggiornare il bollettino medico: Giulio: dalla notte vomitino e problemi vari tra cui la febbre….per fortuna ha retto le ore del pulmino dormendo in continuo. Ilaria: cagottos con inevitabili evacuazioni in posti improbabili….oh non c’era un arbusto per km e km, solo massi e dirupi. Comunque anche lei sopravvissuta al viaggio. Verso le 21 siamo finalmente arrivati ad Arequipa, la Ciudad Blanca. (Hostal Helena)

Venerdì 10 e Sabato 11 Agosto 2007 Arequipa Abbiamo avuto molto tempo per girare questa bella cittadina. A parte il monastero di Santa Catalina per il resto del tempo vale la pena di lasciarsi coinvolgere dai suoni, odori, colori della città e dei suoi mercati e negozi. In effetti il mercato di San Pedro, non turistico è molto particolare e vi vendono di tutto, fiori, frutta, carne, cani,gatti, succhi di frutta freschi che ti spremono al momento…..e poi il mitico SUCCO DI RANA che ci ha abbastanza sconvolto e schifato ma che qualcuno (vero Fabry?) voleva anche provare (qui la danno ai bambini per le sue proprietà benefiche sul cervello). Ovviamente abbiamo già iniziato a comprare l’impossibile e le borse non si chiudono più!!!! La 2° sera ci siamo goduti la movida di calle san Francisco andando perfino a ballare!!!! Molto carini anche I locali per bere qualcosa e i miradores per ammirare gli imponenti vulcani che circondano la città! Ah stavo dimenticando la STAR della città Juanita la mummia: museo iperprotetto per questa povera mummia….a me è sembrato un pò macabro quindi non ho apprezzato ma se siete qui ne vale la pena. Bollettino medico: Giulio e Ilario ok, Rosa con la febbre.

Domenica 12 Agosto 2007 Chivay Oggi Chivay, ma soprattutto si fa il passo più alto di tutto la vacanza, quasi 5000 mt. Il paesaggio è molto particolare, caratterizzato da una pampa abitata dai lama e vigogne con alle spalle montagne innevate che sembrano mettersi in mostra per esser fotografate. Contrariamente alle previsioni arrivati al passo stavamo tutti abbastanza bene (vero Guido???) da fare foto e acquisti (tremando un pò dal freddo ma per il resto sotto un sole splendente!). Una discesa molto ripida e curvosa ci ha condotto a Chivay in un ristorantino con buffet, dove alla faccia dei consigli di star leggeri causa altitudine, abbiamo come sempre assaggiato di tutto. Dopo pranzo breve sosta all’hotel giusto per organizzarsi per la meta di oggi:le terme! In pratica sono una serie di piscine con acqua ricca di zolfo a diverse temperature, una goduria totale essere immersi in questo brodo caldo con il sole e fuori un arietta frizzante di montagna. Calato il sole ha iniziato a far freddo per cui siamo scappati in albergo…. Alla sera cena con danze tipiche a cui abbiamo naturalmente preso parte anche perchè è l’unico modo per scaldarsi visto che nonostante l’altitudine e il freddo I ristoranti e gli alberghi non usano aver il riscaldamento o similari (giusto la borsa dell’acqua calda in albergo e un bello strato di coperte!). Bollettino medico: tutto sommato oggi bene (a parte qualche stomaco sottosopra).

Lunedì 13 Agosto 2007 Colca Canyon Partenza presto per fare circa 1 ora e mezza di strada sterrata per arrivare alla Cruz del Condor ad dove, appunto, si avvistano i condor

  • 1025 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico