Perù

Dopo una lunghissima preparazione partiamo finalmente per lima! ci appoggiamo a Rallo per tutta l'organizzazione ed effettivamnete sono dei veri professionisti: ha funzionato tutto a meraviglia. Rallo a sua volta si appoggia alla Lima tours (è lo stesso corrispondente di ...

  • di albertaa
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Dopo una lunghissima preparazione partiamo finalmente per lima! ci appoggiamo a Rallo per tutta l'organizzazione ed effettivamnete sono dei veri professionisti: ha funzionato tutto a meraviglia. Rallo a sua volta si appoggia alla Lima tours (è lo stesso corrispondente di Marcelletti) e sono stati tutti molto professionali. A lima abbiamo prenotato l'hotel Los delfines: bello (senza essere eccessivo) anche se un po' freddino. Vi arriviamo alle 4 del mattinoe, dopo aver dormito qualche ora, si comincia il giro della città: niente di eccezionale a parte la casa de Aliaga che merita sicuramente la visita e i musei! A cena andiamo a Huaca Pucclana: cucina peruviana di altissimo livello!!

Merita a questo punto dire che la cucina del posto non ci ha entusiasmato: nei ristoranti super (peraltro a prezzi per noi incredibili, cioè a livello delle nostre pizzerie!!) si mangiano cibi adatti anche al nostro palato, altrimenti l'unica cosa degna di nota è la carne di alpaca, ma anch'essa risente molto del tipo di cottura.

Partiamo all'alba del giorno dopo per Arequipa (2300m.) e subito cominciano i mal di testa dovuti all'altitudine, ma entusiasti di tutto, cerchiamo di resistere: forse sarebbe stato meglio riposare un po' come ci avevamo raccomandato. Visitiamo lo stupendo monastero di santa catalina, la città e finalmente ammiriamo Juanita, la bimba di ghiaccio. Alla sera ceniamo in un ristorantino segnalato sulla lonely (il vigneto)nel centro città: si equivalgono più o meno tutti! Pernottamento all'hotel Libertador: bello anche se un po' tetro, ma in ottima posizione tranquilla. Non fatevi attirare dagli hotel nella plaza: penso sia veramente difficile dormire data la confusione fino a notte fonda!

La mattina successiva si parte per il Canon de Colca: tutta la giornata in pulmino attraverso una splendida riserva naturale passando per altitudini proibitive (4900 m) fino ad arrivare a Chivay dove cominciamo a capire di essere veramente in Perù: il mercato locale è molto "genuino" e cominciamo a vedere le persone con i costumi tipici. Alloggiamo al Colca Lodge, purtroppo però l'idea di fare il bagno nelle acue termali sotto le stelle si infrange contro il soroche che ci impone il riposo assoluto. (Ci hanno detto che un altro bellisssimo albergo in quella località è Il Parador de Colca). Al mattino successivo arriviamo attraverso stupendi paesaggio alla Cruz del Condor dove riusciamo a vedere solo un cucciolo di condor (apertura alare peraltro considerevole) e, molto da lontano, i suoi genitori!! Poi di nuovo attraverso Yanque (spettacolino in costume a beneficio dei turisti sulla piazza stupenda) e attraverso riserve naturali (ripassiamo i fatidici 4900 m) arriviamo a sera a puno. Considerazioni d'obbligo:

- non aspettatevi nulla di simile ai Canon americani: è molto profondo, ma stretto e non lo si vede dall'alto, ma da mezza costa per cui l'impressione non è così .......

- i due giorni di viaggio in pullmino non sono entusiasmanti, ma li rifarei perchè permettono di vedere anche la natura del paese e poi permettono di smaltire (grazie a forzate iperventilazioni) il mal d'altitudine senza perdere la giornata.

A Puno alloggiamo all'hotel Libertador, un ecomostro in cemento sulle rive del lago Titicaca (3800 m), ma molto confortevole. Il ristorante dell'albergo è bello, ma abbiamo mangiato malino anche se spendendo poco! Fatevi dare assolutamente una stanza con le finestre sul lago! Alla mattina dopo, anche graie al fuso orario, ci svegliamo all'alba e godiamo di unoi spettacolo indimenticabile: l'alba sul lago vista dal letto!! giornata dedicata alle isole degli Uros con escursione fino a taquile: le isole degli uros sanno un po' di turistico, ma taquile mantiene ancora una genuinità che merita la visita

  • 226 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave