Atene e Peloponneso in famiglia

Breve permanenza ad Atene, poi in giro per il Peloponneso orientale con tappe a Elafonisos e Kythira e nel magnifico Mani. Coi figli si può

  • di auroraluppi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

ATENE, PELOPONNESO, ELAFONISOS E KYTHIRA IN FAMIGLIA

12/8/2015

Famiglia di 4 persone con figli di 13 e 10 anni

Arrivo in mattinata con volo Rynair da Ciampino (€ 539). Noleggio auto da Sixt che ci consegna una bella Skoda spaziosissima al prezzo di un'economica noleggiata su autonoleggio-online.it (€ 563 x 16 gg con assicurazione all inclusive senza franchigia).

Non senza qualche difficoltà arriviamo alla Plaka di Atene all'albergo Omiros, nella media, parcheggiamo in uno degli innumerevoli "parking" a 20€ per 24 ore e non ritoccheremo la macchina fino alla partenza.

Affrontiamo con coraggio il caldo torrido e saliamo all'Acropoli, che con la sua maestosità riesce a placare per qualche minuto le lagne dei figli.

Ci spostiamo poi alla vicina Agorà e facciamo un giretto al nuovo museo dell'Acropoli, allestito veramente bene, senza le solite teche ma dando la possibilità di camminare tra statue e reperti di 3000 anni fa.

Il caldo però è veramente soffocante per cui alle 18 rientriamo in albergo per una doccia e crolliamo per quasi 2 ore sui letti.

La cena è in una piazzetta tra Plaka e Monastiraki piena di turisti e di negozi affini. Ci sarebbe tanto altro da fare e da vedere ma la temperatura è veramente insopportabile e anche l'affollamento fa la sua parte, fattostà che la mattina dopo ce ne ripartiamo alla volta di Corinto per approdare ad Epidauro.

Da Atene percorriamo la bellissima autostrada che porta allo stretto e usciamo a Lautraki, dove c'è una sorta di area di servizio in cui si può parcheggiare e fare a piedi quei 50 mt che portano al canale da cui godere di una bella vista sull'intero stretto.

Ripresa l'autostrada per qualche km prendiamo l'uscita "Epidauro" e imbocchiamo la strada costiera che scende in Argolide: una piacevolissima strada da fare senza fretta fermandoci a pranzare a Nea Epidauro in riva al mare e concedendoci il nostro primo bagno greco.

In un paio d'ore visitiamo il sito di Epidauro col meraviglioso teatro . Stavolta tira un piacevole venticello e si cammina tra i pini quindi anche i ragazzi sembrano più partecipi.

In teoria avremmo anche tempo per un bagno nella vicina Tolo che dicono molto carina ma optiamo per andare a cercare il b&b prenotato a Napflio che si rileva davvero originale e colorato (Chromadesignhotel) come la cittadina piena di scale e di angolini deliziosi che finiscono in un vivace porticciolo zeppo di taverne e negozietti. Molto turistico, ma d'altronde è il 13 di agosto!

14/8/15: Micene-Kosmas

Dopo una buonissima colazione con vista, ci avventuriamo verso nord per visitare prima Tirinto (3 km da Nafplio) e poi Micene (altri 6 km) ma dobbiamo aver sbagliato qualcosa perchè ci troviamo a Micene senza aver visto Tirinto!

E dire che le sue mura ciclopiche avremmo dovuto vederle da lontano!

Vabbè, Micene sarà già impegnativa e i ragazzi sono tutti contenti di essersi persi un sito archeologico (sigh!)

Prima di arrivare all'enorme parcheggio, sulla sinistra, c'è la tomba chiamata "il tesoro di Atreo" che, sebbene staccato dal sito principale ha un botteghino per fare il biglietto cumulativo che vale anche per il resto della città.

Le due tombe, di Clitennestra ed Egisto si trovano proprio di fronte alla biglietteria principale, sulla destra, prima della porta dei Leoni, che invece dà l'accesso alla città. La tomba dei Leoni invece è sulla sinistra subito prima del Museo.

La città è ovviamente stupenda e si gira in un'oretta, più un'altra ora per le tombe

  • 34599 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social