Pechino, città in bilico tra tradizione e innovazione

Dal Palazzo d'Estate alla Città Proibita, passando per la Grande Muraglia

  • di CARONTEROSA
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Grazie a un viaggio di lavoro abbiamo avuto la possibilità di visitare Beijing, un'esperienza stupenda che ci ha permesso di conoscere una cultura e una città eccezionale.

1° giorno

Partenza da Milano via Francoforte, arrivo la mattina seguente a Beijing. Sbrigate le formalità doganali e arrivati in hotel, dopo un po' di riposo decidiamo di iniziare la nostra visita con il Summer Temple, il più lontano dalla città. Lo raggiungiamo per comodità in taxi con 200 yuen (alloggiamo vicino all'aeroporto). Fermata metropolitana 4 - Beigongmen. Il tempio vale veramente la pena di essere visto, con il suo immenso lago artificiale, i suoi differenti templi interni tutti decorati con colori eccezionali. Prendo coraggio e assaggio una loro salsiccia su stecco come un gelato. Un po' agrodolce ma buona. All’uscita dal tempio troviamo un angolo dove è indicata la scritta “did you get lost?”, ci avviciniamo e un gruppo di ragazze e ragazzi volontari ci danno le indicazioni per raggiungere la fermata del metro più vicina; con la metro 4 – scendiamo alla fermata Xidan - in ca 15 minuti a piedi, raggiungiamo Piazza Tienanmen, per una visione d'insieme dall'esterno. Una piazza immensa... Consiglio: scaricate la mappa della metro prima di partire, difficile da trovare qui, grazie a quella potrete spostarvi ovunque a prezzi veramente irrisori. Noi abbiamo acquistato ogni volta il singolo biglietto mostrando la cartina che aveva anche il nome della stazione in cinese (importantissimo).

Altra cosa importante tenete sempre il nome del vostro hotel scritto anche in cinese, così come gli eventuali luoghi che volete raggiungere. L’inglese non è così diffuso come si potrebbe pensare.

2° giorno

Prima cosa prenotiamo la visita per la Città Proibita alla reception dell'hotel per il martedì mattina, altrimenti dovremmo presentarci presto per acquistare il biglietto direttamente all'ingresso. Lunedì è giorno di chiusura! Per acquistare il biglietto e per entrare alla città proibita dovrete esibire il passaporto (ingresso 60 yuen). Oggi purtroppo piove e nel pomeriggio riusciamo a raggiungere il Silk Street market, il mercato del fake, metro 1 fermata Yonganli, poi seguite i cartelli per il Silk Market (uscita A). Qui tutto è falso, 8 piani suddivisi in base alla merce in vendita e potete fare veri affari, l'importante è non stancarsi di contrattare. Potete arrivare a pagare fino al 60-70% in meno rispetto al prezzo in etichetta. È un divertimento che se si ha tempo, vale la pena provare. Ricordatevi solo che il venditore quando avrà raggiunto il prezzo minimo che può applicare non scenderà di più e piuttosto non venderà la merce.

3° giorno

Visita alla città imperiale, la raggiungiamo con la metro 2, fermata Qianmen, superiamo tutti i controlli per entrare in Piazza Tienanmen: attenzione ai varchi d'entrata perché alcuni sono riservati ai gruppi, altri ai visitatori individuali. Dall'hotel, che è in aeroporto, all'uscita del metro impieghiamo quasi un'ora, più un altra mezz'ora per raggiungere l'entrata. La gente è veramente tantissima. Sconsiglio di raggiungere la piazza in taxi, perché il traffico in città è congestionato. Per chi ha i biglietti prepagati, entrate fino all'ultimo ingresso, appena prima del controllo passaporti e borse, a sinistra c'è uno sportello con indicato Invoices, accanto c'è l'ufficio che rilascia i ticket già prenotati. Portate il passaporto perchè è con quello che riconoscono la prenotazione

  • 5298 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social