Pavia... in (quasi) due giorni

Per le vie della città... tra castelli, piazze e monumenti

  • di Nury
    pubblicato il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Arrivo a Pavia e scopro che il corso di lavoro impegnerà il mio ragazzo dalla mattina fino all'ora di cena... che faccio? Cartina in mano e scarpe comode ai piedi parto alla scoperta della città! Dal bus navetta dell'hotel mi faccio lasciare a Piazza Castello e inizio il mio giro a piedi! Piazza Castello è la piazza dove si trova il Castello Visconteo. Fondato nella seconda metà del 1300 dalla famiglia Visconti e circondato da un bel parco verde, è ora sede dei Musei civici. Con un paio di ore si riesce a visitarlo e anche a rilassarsi un po' nel parco... Continuo il mio giretto alla ricerca di Strada Nuova che è il corso principale della città, ma ormai abituata ai mezzi tecnologici e non più alla vecchia cara cartina... mi perdo e mi ritrovo lungo Corso Matteotti. La cosa però non mi dispiace perché mi faccio una bella passeggiata fino a quando decido di ritornare sulla "dritta via" che avevo ormai smarrito. Ritorno indietro e imbocco una strada sulla destra convinta che sia Strada Nuova per poi scoprire che è via XX Settembre. La percorro e lungo il percorso incontro una bella chiesa di stile gotico: Santa Maria del Carmine. Continuo fino ad arrivare alla Piazza del Duomo: imponente e dallo stile rinascimentale... lascia a bocca aperta! Sulla piazza di fronte al Duomo c'è una statua in bronzo di un uomo su di un cavallo, il Regisole. Non è certa l'origine, c'è chi dice che il nome sia dovuto alle antiche dorature che riflettevano i raggi solari, oppure dalla posizione del braccio alzato che sembrava "reggere" il sole. Ciò che è certo è che il cavallo aveva gli attributi gialli... poi ho scoperto che è una tradizione goliardica degli universitari quella di mandare le matricole a dipingere i testicoli dello stallone del Regisole, che quindi talvolta appaiono colorati. Sulla sinistra del Duomo ci sono i resti della Torre Civica, crollata nel 1989 causando la morte di alcune persone, e imboccando il vicolo lì accanto si arriva a Piazza Vittoria. Circondata da una cintura di palazzi del 300 e del 400, è luogo di incontro e cuore pulsante della città. Ciò che la contraddistingue sono le scale che portano al di sotto dove si trova un vero e proprio mercato. Puoi trovare anche il calzolaio e la lavanderia. Da Piazza della Vittoria prendo un vicolo sulla sinistra e mi ritrovo finalmente su Strada Nuova che percorro verso nord, in direzione Castello Visconteo. Andando sempre dritti incontro la famosa Pasticcera Vigoni a cui si deve l'invenzione della Torta Vigoni ovvero la Torta Paradiso. Continuando c'è la boutique Annabella... chi non si ricorda i programmi di Mike Bongiorno dove sponsorizzava questa marca di pellicce?! E continuando ancora si arriva all'Università di Pavia, una delle più antiche. Quanto mi sarebbe piaciuto studiare lì! Entro a fare un giro: statue in marmo, portici... ti senti un letterato, uno studioso, l'aria è impregna di cultura! Dall'università si accede a Piazza San Leonardo con le 3 torri medievali. Nel passato la loro diffusissima presenza conferì a Pavia il nome di "città dalle cento torri". Qui mi fermo su una panchina a mangiare il mio panino - è ormai arrivata l'ora di pranzo - e ad osservare gli studenti bivaccare e rilassarsi al sole. Ma non c'è da perdere tempo: si riparte! Ancora la Strada Nuova ma in direzione opposta! La percorro tutta perdendomi tra i tanti negozi fino ad arrivare al famoso Ponte Coperto, così chiamato perché coperto con due portali alle estremità ed una cappella al centro, è la ricostruzione del ponte del trecento andato distrutto nella seconda guerra mondiale, in parte visibile (parte del pilastro) poiché l'attuale è stato ricostruito più a monte. Attraversato il ponte si arriva al Borgo Ticino, poco interessante se non per la Chiesa Santa Maria in Betelem, chiesa tardo-romanica così chiamata per la sua posizione su via dei mille, un tempo direttrice per la Terra Santa. Fatto un giro riattraverso il fiume Ticino e ritorno all'inizio di Strada Nuova dove attendo l'arrivo del bus navetta dell'hotel. Qui aspetto il mio ragazzo per andare a cena, a base di risotto... come non potevamo visto che siamo nel regno del riso?! Poi a dormire presto perchè la mattina seguente lui ha il corso e io... un nuovo giro per la città!

Secondo giorno

Mi alzo presto e preso il treno (euro 1,65) arrivo a Certosa di Pavia per visitare la famosa Certosa di Pavia. Dalla stazione ci si può arrivare anche a piedi, ma occorrono 20 minuti a passo sostenuto. Quanto alla Certosa c'è poco da dire se non che è imponente e affascinante. I monaci (domenicani, i certosini non ci sono più) fanno visite gratuite a tutto l'edificio. Davvero divertente e istruttivo: parlano di storia, religione e ti permottono di visitare anche le celle una volta usate come celle di clausura, ora loro dimora. C'è anche possibilità di entrare in un negozietto dove i monaci vendono loro prodotti fatti a mano, dal sapone alle tisane anti-stitichezza! Per visitare la Certosa è necessaria una mezza giornata, come è stato necessario a me che all'ora di pranzo ero già sulla via del ritorno per poi fare il check out e ritornare a casa. Che dire? Pavia è stata una rivelazione, una bella rivelazione! E' possibile visitarla in un solo week end, quindi, quando non sapete che fare il fine settimana, partite per Pavia!

  • 3850 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social