Patagonia Australe in settembre: è possibile?

La sfida di viaggiare in settembre... alla fine del mondo

  • di giusep11
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Patagonia Australe in settembre: è possibile?

di giusep11 dal 16.09 al 03.10.2017

Premessa:

Questo diario spero risponda alle molte domande che si pongono tutti quelli che vogliono visitare la Patagonia in settembre e non hanno traccia di notizie nei vari diari pubblicati. La mancanza di notizie è confermato dalla totale assenza di italiani in questo periodo da me rilevato.

16 settembre

Volo AirFrance(mediocre) 470euro che atterra su Santiago dopo aver fatto scalo a Parigi e Lima. La scelta di volare su Santiago è dovuto alla estrema economicità del volo rispetto a Buenos Aires che costava più del doppio.

17 settembre

All’arrivo all’aeroporto di Santiago, nell’area arrival, noto la presenza di una miriade di uomini di colore che stanno lì per ripararsi dal freddo avendo la sensazione di stare nel più brutto aeroporto che abbia mai visto.

Passo la notte lì per attendere il volo su Punta Arenas con la compagnia SkyAirline. Da qui attendo il bus Bus.sur(biglietto acquistato su internet) che mi porta a Puerto Natales nel pomeriggio.

Arrivo in questa città grigia, ventosa, piena di cani randagi e mi metto alla ricerca di un ostello barato nei dintorni del centro. Il destino mi porta al Sant’Agustin gestito da 3 sorelle che mi sembra il migliore dopo aver valutato altri anche più blasonati. Dovuto al periodo di bassa stagione mi danno una singola al prezzo del dormitorio 8000$(prezzo più basso in assoluto).

Recatomi in centro, vado a ritirare i soldi all’ATM e faccio anche un po' di spesa al supermercato. Comincio ad accorgermi che i prezzi sono molto alti anche maggiori di quelli italiani. Non c’è tanto da vedere in giro se non il corso principale a degli stand di gastronomia in occasione della festa nazionale.

18 settembre

Di mattino presto mi reco al terminal per prendere il bus che porta a Torres del Paine 15000$ a/r (Bus Gomez o MariaJosè, stessi prezzi stessi orari). Appena ci mettiamo in viaggio l’ansia aumenta per la preoccupazione di trovare cattivo tempo dato il periodo, per cui guardo sempre l’orizzonte per cercare di capire come sarà il tempo e con molta sorpresa vedo che più ci avviciniamo al parco e più limpida diventa la giornata… che sospiro di sollievo! Si arriva a Laguna Amarga dove si scende e si paga l’entrata 11000$(bassa stagione) e poi si prende un micro per il transfer fino all’Hotel Las Torres(3000$). Da qui comincia il sentiero per base Torres in una giornata bella e soleggiata. La prima parte è dura perché tutta in salita ma poi si scende fino al Rifugio Cileno. Purtroppo a questo punto mi devo fermare perché per arrivare fino al Mirador base Torres occorrono altre 2 ore per cui non facendo in tempo a riprendere il bus delle 14.30(unico orario) devo, con molta delusione, tornare indietro. Lungo la strada del ritorno molti mi chiedono il perché del regreso, ma io a testa bassa vado avanti. Specifico che l’orario per il ritorno a P.N. è solo alle 14.30 fino al 19 settembre e poi viene attivata la seconda corsa alle 19.45, quindi capite che per 2 giorni ho dovuto rinunciare ad arrivare a base Torres, che tra l’altro era innevato, quindi ancora più bello.

19 settembre

Riprendo di mattina il bus Gomez per il parco, ma questa volta scendo a Pudeto per prendere il catamarano 28000$ a/r. Il mio programma era quello di trovare un posto al rifugio Paine Grande ma non avendo una prenotazione ero un po’ in ansia di non trovarlo. Sul catamarano parlo con uno dello staff che gentilmente contatta il rifugio tramite una trasmittente per sapere se c’era posto e dopo aver ricevuto l’ok mi tranquillizzo, altrimenti sarei tornato indietro. Sbarchiamo e mi trasferisco al rifugio Paine Grande dove prendo posto per dormire 33000$.

Lascio lo zaino e mi metto subito in marcia perché voglio arrivare al mirador Grey prima, e poi fino al glaciar Grey. Anche oggi è una bella giornata e non c’è bisogno di mettere neanche la giacca perché ci si scalda facendo attività fisica. Oggi mi sento libero dagli orari dei bus perché alloggerò al Paine Grande e posso vivere a pieno tutta la giornata

  • 9080 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social