Tour de force parigino

Soggiorno tipicamente parigino in un piccolo appartamento nel quartiere più romantico della città cercando di vedere più cose possibili nel minor tempo possibile!

  • di rakki
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 
Annunci Google

25 Novembre

Sveglia alle ore 5.00 del mattino con alle spalle zero ore di sonno... Io, Samuele, mia madre e mio padre partiamo armati di circa 50 kg di bagagli in direzione Bologna da dove partirà il nostro volo per Parigi prenotato con 1 mese di anticipo a circa 100 euro. Arriviamo all'aereoporto con un pò di anticipo e dopo esserci concessi una gradevole colazione al bar dell'aereoporto, passiamo il check-in ed attendiamo per circa 1 ora l'arrivo dell'aereo. Saliamo sul nostro bolide Ryanair alle ore 10.00, io correndo riesco ad acchiappare un posticino sull'ala ma accanto al finestrino (non si può avere tutto dalla vita) e Samuele prende il posto accanto al mio. L'aereo è strapieno (ed io che credevo di essere l'unica ad andare in vacanza di Novembre) e lo Stewart francese non ha affatto un'aria simpatica. Il volo procede in modo alcuanto gradevole, nonostante la mia classica fase di panico iniziale al momento della partenza. Passiamo le alpi godendoci un meraviglioso panorama innevato ed entriamo in territorio francese dove incontriamo qualche leggera turbolenza che, oltre a far traballare un po' l'aereo causa in me un secondo momento di panico, sottolineando che proprio in quel momento la mia dolce metà era andata in bagno abbandonandomi accanto ad un addormentato signore francese. Atterriamo alle ore 11:45, in perfetto orario, a Paris Beauvais, piccolo aereoporto sperduto 80 km a nord di Parigi. Appena usciti dall'aereoporto seguendo la massa di passeggeri arriviamo al terminal della Navetta che ci condurrà a Parigi città per la modica cifra di 30 euro allez-retour (andata-ritorno). La Navetta ci lascia di fronte al Palais du Congres dove, ancora seguendo la massa, raggiungiamo la metropolitana e chiamiamo il nostro Daniel (contattato 1 mese prima grazie ad Homelidays, sito per la ricerca di case in affitto che vi mette direttamente in contatto con il proprietario e che mi sento vivamente di consigliare a tutti i viaggiatori fans del low cost e della vita in appartamento per sentirci più vicini alla gente del posto come noi) apprendendo con gioia che parla italiano risparmiandomi una ridicola conversazione in francese maccheronico. Scendiamo quindi nella metro ed acquistiamo 2 carnet da 10 biglietti a 12 euro ciascuno. I carnet sono molto comodi per coloro che hanno intenzione di muoversi in metro, vi verranno consegnati 20 biglietti della metro da utilizzare a vostro piacimento. La metro parigina all'ora di pranzo è superaffollata e con 50 kg di bagagli a carico non è semplice muoversi ma, nonostante i luoghi comuni riguardante l'antipatia francese, incontriamo un giovane francese cordiale che mi aiuta a trasportare le valigie fino alla porta della metro (grazie sconosciuto francese!). Effettuiamo un primo cambio metro alla fermata Concorde e prendiamo la linea 9 per Notre Dame de Lorette, la nostra fermata... sul vagone sale addirittura un signore armato di stereo su trolley, tromba, accordeon e amplificatore che ci delizia per tutto il tragitto con canzoni della tradizione francese. Una volta usciti dalla metro 15 minuti di ricerca sulla cartina per poi scoprire che la strada che stiamo cercando è esattamente dietro alla fermata della metropolitana (ahahah) Raggiungiamo, leggermente in ritardo, Daniel che ci sta aspettando di fronte al palazzo. La via, Rue des Martyrs, è molto carina, tipicamente francese, con vetrine da far venire l'acquolina in bocca e con una vista mozzafiato sul Sacre Coeur. Daniel ci accoglie calorosamente (scopriremo poi che ha origini italiane) ci mostra lo studio (così i francesi chiamano i monolocali) piccolo ma pulito e ben attrezzato

Annunci Google
  • 9227 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social