Suggestioni etniche e retrò... a Parigi

Qualche visita a mostre e musei è d'obbligo, ma non tralasciate di scoprire nuovi quartieri. Come la collina di Belleville: allegra e popolare. E la sera sedetevi ai tavolini di un bistrò: tanta atmosfera a prezzi contenuti

  • di INK
    pubblicato il
 

Nonostante le temperature rigide, la vita culturale di Parigi non va in letargo, quindi: infilatevi nei musei e nei centri culturali. Il più nuovo si chiama Gaîté Lyrique (www.gaite-lyrique.net) storico teatro parigino in Rue Papin, presso il Boubourg, è interamente dedicato alle arti e tecnologie dell’era digitale (musica, arte, design e moda).

Belleville bobo

Visite culturali a parte, per contenere i costi e aumentare il divertimento, dirigetevi verso uno dei quartieri più animati e popolari: Belleville, multietnico e frequentato anche da bobo (borghesi- bohémien) e artisti. Dato che fa freddo, la visita non parte dal suo vasto parco ma da Le Zorba, al 137 di rue du Faubourg-du-Temple. Il locale dove prima o poi tutti finiscono per passare, non è altro che un bar con tavoli di formica e sedie di plastica, ma l'atmosfera è piacevole e spesso ospita concerti. Poi, via: tra piazzette e boulevard scoprirete che il quartiere offre ogni suggestione: si può prendere un tè alla menta e fumare il narguilé, mangiare cinese o africano, giocare a bocce. Ma il meglio lo dà martedì e venerdì mattina, quando si svolge il suo vivacissimo mercato.

A cena nei bistrò

Per cenare in città, occorre fare attenzione: da evitare le trappole turistiche del centro dove si spende tanto e si mangia male. Ma anche nella Ville Lumière si può cenare bene spendendo relativamente poco. Se amate quell’atmosfera un po’ rétro ed esistenzialista dei vecchi bistrò con le poltroncine sdrucite e la pulizia approssimativa: siete nel posto giusto, non avete che l’imbarazzo della scelta. Il menu è di solito poco entusiasmante (baguette au jambon, soup du jour e pollo arrosto) ma l’atmosfera è impagabile e i prezzi contenuti. Provate Au Bougnat in rue Chanoinesse 26, dove si cena discretamente con meno di 20 euro. Un altro locale piacevole, in un quartiere molto branché, è Bar Bouille in rue de Bretagne 13, ottimo per lo street spotting. Puntando all’etnico ecco due indirizzi indiani buoni ed economici: Mahatma in 23 rue Vignon e il vegetariano Krishna Bhavan (sotto i 20 euro, niente alcolici) rue Cail 24 (metro La Chapelle).

Annunci Google
Parole chiave
,
  • 880 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. GiorgioP 1
    , 3/1/2012 22:56
    Portandosi al Quartiere Latino, la possibilità di mangiare bene a meno di 20€ è a portata di passo

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social