Miniguida per un viaggio in Papua Nuova Guinea

Viaggio in solitaria ai confini del mondo

  • di raf999
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Papua Nuova Guinea: miniguida per viaggiatori di Raffaella Milandri

Come viaggiatrice in solitaria e fotografa, e scrittrice di libri di viaggio, raccolgo qui alcuni consigli che sono indirizzati più al viaggiatore che al turista, a colui o colei che intende il viaggio come esperienza di vita e immersione in una cultura diversa dalla nostra, senza preconcetti. La Papua Nuova Guinea è, senza ombra di dubbio, una terra ai confini del mondo e richiede molte precauzioni. Tutte le raccomandazioni che avevo raccolto prima di partire, si sono dimostrate esatte, e la frequenza di sommosse, rapine e stupri non è una leggenda: è anche superiore a quel che si dice. Sconsiglio quindi vivamente di avventurarsi nel Paese: indispensabili la massima precauzione e un bagaglio di esperienza da viaggiatori provetti. Per chi invece volesse fare il turista, godersi natura e immersioni subacquee, le isole a nord sono strutturate ad hoc per un turismo costoso ed ovattato. Indipendente dal 1975 dalla Australia, sottoposta ad un Governo di pochi, la Papua è un Paese ricchissimo di risorse ed è nel mirino di multinazionali che guardano al Paese con avidità, senza scrupoli e senza alcuna intenzione di aiutarne lo sviluppo. Anzi: se nel Paese regna il caos, meglio ancora per chi vuole sfruttarlo. Eppure l'indole degli abitanti è al primo impatto estremamente cordiale e amichevole, e qui essere bianco vuol dire essere trattati con molto rispetto. Sulle 6000 lingue parlate nel mondo, 1000 sono parlate in questo Paese: vi sono centinaia di tribù dalle tradizioni incredibili. Pare che gli ultimi cannibali vivano proprio qui: nel 2012 ben 29 persone sono state processate per cannibalismo. In una Natura selvaggia, si susseguono forti terremoti ogni giorno, dai 5 ai 7 gradi della scala Richter . A maggio 2013, nonostante le proteste dell'Onu, il Governo ha stabilito la pena di morte per stupri, rapine a mano armata e omicidi, onde scoraggiare la miriade di crimini che rimbalzano dalle città di Port Moresby e Mount Hagen fino ai villaggi più inaccessibili. Qui alcuni filmati su tribù e mercati della Papua Nuova Guinea: http://www.youtube.com/watch?v=joQL7ZFkrF0 http://www.youtube.com/watch?v=sA8Qu7811XY

Ecco la mia miniguida divisa per argomenti:

Dove andare e come spostarsi, dove dormire dove e cosa mangiare, abbigliamento, vaccini e medicine, soldi, guide, foto, lingua, clima, telefono e internet, donne sole

La capitale Port Moresby è un buon punto di partenza per fare escursioni in barca sul fiume Sepik o per fare trekking. Per la festa dell'Indipendenza, arrivano tribù da tutto il Paese, ed è una occasione unica per ammirare i costumi e la cultura della Papua Nuova Guinea. Per spostarsi, l'unica soluzione è prendere dei voli interni in quanto le strade sono spesso impraticabili, o non ci sono affatto. Le isole della Nuova Irlanda sono dei veri paradisi terrestri, attrezzati per i turisti; Mount Hagen offre un coloratissimo festival tribale, ma è nel cuore delle Highlands, dove il temperamento della popolazione è facilmente infiammabile e il rischio sommosse è elevato. A causa della corruzione e quindi della sfiducia della gente nel Governo e nelle Autorità, nel Paese viene spesso applicata la legge del taglione, e il farsi giustizia da soli. Io mi sono trovata in mezzo a lacrimogeni e spari, e vi assicuro che non è piacevole. Indispensabile informarsi su giornali locali per evitare elezioni, assembramenti, occasioni di sommosse. Ma l'imprevedibile accade troppo spesso: da un litigio fra due persone, nasce una lotta tra famiglie e poi tra tribù, e ognuno prende il suo machete per far sentire le proprie ragioni. Massima prudenza!! DOVE DORMIRE: in generale gli alberghi sono molto costosi ed è difficile trovare sistemazioni al di sotto dei 150 dollari per notte, tranne in alcuni bed&breakfast a condotta familiare che però non offrono certo buoni servizi. E' sconsigliabile campeggiare: furti e rapine sono davvero molto frequenti.

DOVE E COSA MANGIARE: in città (Port Moresby, Lae e Mount Hagen) i ristoranti sono abbastanza costosi, mentre nei villaggi e nei mercati coloratissimi si trovano spuntini a basso prezzo. Conviene fare rifornimento in qualche supermarket che, attenzione, è molto diverso dai nostri come assortimento e varietà. Molto popolari i biscuits, che non sono biscotti ma gallette salate al gusto di manzo, pollo etc. A Port Moresby, molto frequentata da bianchi, ci sono alcuni centri commerciali, ma i prezzi sono elevati. Si arriva anche a 4 dollari per un litro di latte! Attenzione all'igiene delle bancarelle che vendono cibo.

ABBIGLIAMENTO: assolutamente pratico, e anche senza avventurarsi in sentieri o arrampicate, è opportuno avere dei buoni scarponi e pantaloni robusti. Il clima a Port Moresby, nella stagione secca, è caldissimo e estremamente umido; nelle Highlands invece, soprattutto la mattina e la sera, è decisamente fresco

  • 10300 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social