Viaggio in Terra Santa

Una settimana in solitaria fra Israele e la Palestina

  • di goku
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Gerusalemme, Betlemme, Nazareth, il Lago di Tiberiade, Jericho, il Mar Morto, Masada, Qumran, nomi mitici, luoghi mitici, un’infanzia passata ad immaginare questi luoghi e oggi da persona adulta un sogno che si avvera, dove il desiderio infantile di visitare i luoghi Santi si è trasformato in curiosità storica archeologica di poter vedere e toccare con mano i resti di antiche civiltà. Passeggiare per i vicoli in pietra di Gerusalemme (la città più santa, più desiderata e ancor oggi più contesa del Mondo) e “annusare” la storia passata, entrare nella Grotta della Natività di Betlemme dove è nato Gesù Cristo che volenti o nolenti ha influenzato la vita su questo pianeta per i successivi duemila anni, toccare le poche rovine di Jericho la città più antica del Mondo, sono solo alcuni dei motivi che mi hanno spinto ad effettuare questo viaggio... Le controindicazioni, legate alla situazione politica, con lo spauracchio terroristico, non mi hanno fermato e giovedì 9 settembre parto alla volta della Terra Santa.

GIOVEDI’ 9 SETTEMBRE

Partenza da Milano Malpensa alle ore nove e dopo tre ore e mezzo di volo atterro all’aeroporto Ben Gurion di tel Aviv.

Dopo aver superato abbastanza agevolmente (cinque minuti di interrogatorio...) i controlli doganali ed aver ritirato il bagaglio (servizio rapidissimo), esco finalmente dall’aeroporto.

Pur essendo giovedì, quindi in teoria giorno feriale, il servizio degli autobus per Gerusalemme non è attivo. Scopro infatti, che oggi in Israele, si festeggia il Rosh HaShanah (il Capodanno ebraico) e di conseguenza i servizi pubblici sono tutti fermi! Ripiego quindi su uno sherut, una sorta di pulmino collettivo, che per 55 shekel (circa 11€), in meno di 45 minuti mi porta sino all’ingresso dell’ostello che mi ospiterà per le prossime quattro notti (New Palm Hostel nella parte araba di Gerusalemme, a due passi dal Damascus Gate). Dopo una veloce rinfrescatina, mi lancio subito alla scoperta della città attraversando la pittoresca Porta di Damasco.

Le stradine piene di persone e di odori, tipiche di un paese mediorientale (sono nella parte araba della città...), mi conducono,in circa dieci minuti, quasi senza volere, all’ingresso del Muro Occidentale (o del pianto).

Superati i controlli di rito, mi ritrovo a tu per tu con uno dei simboli più rappresentativi della città e luogo santo per eccelenza della religione ebraica. Il Muro è diviso in due zone distinte per uomini e donne e per avvicinarvisi è necessario indossare la kippah (una sorta di papalina). La cosa che colpisce di più, per un occidentale arrivato come me da poche ore in città, è senza ombra di dubbio la “fauna umana” che s’incontra e soprattutto il loro “stile” d’abbigliamento: persone con cappelli neri a larghe falde, con lunghi cappotti neri (la temperatura è intorno ai 30°), ragazzi con barba e lunghi riccioli laterali (peyot), donne vestite in modo castigato, anziani con “gigantesche” Torah portate a due braccia e così via...mi avvicino al Muro con molta circospezione e rispetto, quando ad un certo punto uno di questi “personaggi” si rivolge a me in yiddish, porgendomi lo shofar, un corno rituale che viene suonato nelle occasioni di festa, invitandomi a suonarlo!. Declino gentilmente l’offerta, spiegandogli in inglese che non sono propriamente un fervente ebreo ma un semplice ,e per giunta tiepidissimo, cristiano.

Lascio il “gentile amico ortodosso” e mi dirigo all’interno di un’apertura laterale del Muro dove passeggio in mezzo a decine di credenti che recitano salmi ondeggiando la testa e il corpo a tempo con la recita della preghiera difronte ad un’altra zona (questa volta al coperto) del Muro

  • 27544 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. stefaneria
    , 17/3/2011 19:36
    ho fatto anch'io questo viaggio e mi rivedo in tutto. bravo
  2. Pory
    , 26/12/2010 15:07
    certamente curioso e particolare, questo viaggio in solitudine......ma affascinante. complimenti.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social