Le isole Filippine, dove l’Asia sorride

Un viaggio breve nell'isola d Palawan, nella diversità di paesaggi, etnie, culture...

  • di murzillo1973
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 14
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Una ricerca su scala mondiale, condotta a Bruxelles, ha indicato le Filippine come il Paese maggiormente incline ai disastri naturali: tifoni, terremoti, eruzioni vulcaniche e inondazioni. Il tifone Haiyan del Novembre 2013, secondo gli esperti, è stato l’uragano più forte mai verificatosi sulla terraferma. A scoraggiare il turismo poi si aggiungono l’instabilità politica che rallenta lo sviluppo del Paese, le tante operazioni militari contro i rivoluzionari musulmani, i problemi per lo smaltimento dei rifiuti e le numerose emergenze sociali. Le 7.107 isole dell’arcipelago delle Filippine, inoltre, sono lontane dai principali itinerari via terra e il Paese deve lottare per avere tanti turisti quanto quelli che visitano gli Stati confinanti. Eppure le Filippine amano definirsi il luogo in cui “l’Asia sorride”, avvalorando la cordialità e la disponibilità della popolazione. E’ l’unico Paese asiatico di religione cattolica. La cultura nasce dalla mescolanza delle influenze straniere, a partire dalla dominazione spagnola e statunitense, con gli elementi indigeni, a cui si unisce l’elevatissima diversità etnica. E’ un Paese che ha da offrire molto a tutti i tipi di viaggiatori con possibilità di trekking nella giungla, in montagna e sui vulcani, immersioni e surf per chi ama il mare, massaggi e relax per chi vuole staccare la spina. I mezzi di trasporto sono convenienti, si mangia bene, ci sono molte possibilità di alloggio, l’inglese è parlato quasi ovunque, ma soprattutto c’è un immensa ricchezza naturalistica e paesaggistica.

Pronti con il bagaglio leggero perché sui voli interni c’è il limite di peso, partiamo per Palawan, eletta una delle nuove sette meraviglie del mondo dai lettori del portale di viaggi Condé Nest per il contest 2014 Travel Award. Atterriamo a Puerto Princesa, cittadina caotica e punto di snodo per esplorare l’isola. Ci dirigiamo subito verso Sabang per visitare l’Underground River, il fiume sotterraneo navigabile più lungo del mondo, sito patrimonio mondiale Unesco. Il piccolissimo paese di pescatori è incastonato in una baia e offre ristoro ai turisti con localini sul mare e Resort di diverse categorie. Decidiamo di fare una tappa a Taytay, l’antica capitale della parte settentrionale dell’isola, dove si trova il Forte Spagnolo, affacciato direttamente sul mare, da cui partono le barche per le escursioni sulle isole. Il posto non è per niente turistico e proprio per questo vale la pena di restare un paio di giorni per curiosare e vivere con la gente del posto. E arriviamo a El Nido, pezzo forte della vacanza, imbarco per le escursioni nella baia di Bacuit. L’area protetta, dove la natura regna sovrana, è unica per il suo ecosistema: flora, fauna e conformazione geologica. I tour giornalieri propongono la visita a posti Incantevoli: lingue di sabbia bianchissima che emergono con la bassa marea, pareti rocciose nascoste nelle cavità degli isolotti, lagune di acqua turchese o verde smeraldo e i fondali arricchiti da una magnifica barriera corallina, per la gioia di appassionati di snorkeling e diving. Prima di lasciare il Paese, dopo il nostro breve viaggio, torniamo a Manila, una città piena di contrasti. Da una parte la povertà più estrema, bambini che dormono per strada, davanti alle hall di alberghi e locali alla moda, dall’altro il lusso nei campi da golf del parco Rizon, che limita Intramuros. E’ una megalopoli di quasi 12 milioni di abitanti considerata da molti pericolosa e senza particolari attrattive, dove i turisti passano solo per volare sulle altre isole. Eppure bisogna percorrere le strade polverose di periferia, girare nelle baraccopoli senza tetto, sotto un groviglio di fili elettrici, per comprendere effettivamente le condizioni di vita delle persone e per intuire che il sorriso dell’Asia, talvolta, è solo apparente.

  • 10126 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. cikoloko
    , 8/2/2015 07:54
    Conosco bene quei posti, pericolosissimi per mille ragioni. Criminalità, terrorismo, trasporti fatiscenti. Per viaggiare da P. Princesa a El Nido devi stare 7 ore in un pulmino sgangherato schiacciato in mezzo agli altri passeggeri, su strade in gran parte sterrate. A El NIdo paese non c'è niente di speciale e le escursioni sono sì belle, ma carissime e piene di gente. Gli alberghi decenti sono più cari che in Italia. A Manila l'inquinamento è alle stelle, l'aria irrespirabile e il traffico intollerabile. L'unico posto dove si può stare è dentro un mall. Ce ne sono a centinaia, tutti uguali. La gente non è poi così sorridente e cordiale come si vorrebbe far credere.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social