Canada orientale: Ontario e Quebec

In giro con la famiglia alla scoperta di Toronto, Montreal, Ottawa, Tadoussac, Quebec City e delle Niagara Falls

  • di Giorgia.ogliari
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Viaggio in famiglia (18, 19 anni le ragazze)

Premessa:

  • Gli alberghi sono stati prenotati tutti dall’Italia tramite booking.com ad eccezione delle ultime due notti.
  • Il noleggio della macchina è stato anch’esso prenotato dall’Italia tramite la compagnia Alamo, compreso di GPS.

Note:

  • Le autostrade in Canada sono gratuite; la benzina (Regular, solitamente) non costa molto.
  • I parcheggi sono piuttosto cari; prestate attenzione: si parcheggia soltanto nel senso di marcia della percorrenza, solitamente si trovano i parchimetri come in Italia (in alcuni casi è necessario specificare o il numero di targa o il numero del parcheggio). Se si scelgono i parcheggi pubblici è conveniente arrivare al mattino prima delle 10.
  • Ci siamo armati di guida Lonely Planet.

12-13 agosto MONTREAL, Quebec

Partenza da Milano LIN in direzione Montreal YUL con scalo a Parigi CDG. Arrivo in territorio canadese nel primo pomeriggio, con un tempo incerto. Per il trasferimento aeroporto - centro città abbiamo utilizzato il bus 747 (biglietti acquistabili in aeroporto al costo di 10$ e valido per 24h sia sui bus cittadini che nella metropolitana). Check-in presso Hotel Ste-Catherine East (due notti, colazione inclusa. L’hotel è gestito da due indiani molto gentili. Nulla di eccezionale, ma molto pulito e soprattutto ottima posizione a pochi passi dalla stazione della metropolitana Beaudry sulla linea verde).

Per quanto riguarda i trasporti pubblici:

  • METRO le linee della metropolitana sono quattro: la fermata “delle coincidenze” è Berri Uqam (gialla/verde/arancio; esclude solo la blu). Con la verde si raggiunge il centro (fermate Guy concordia/Peel/McGill/Place des Arts); con l’arancio la Vieux Montreal (fermate Square Victoria/Place d’Armes); con la gialla si raggiunge il Parc Jean Drapeau.
  • BUS: la società che gestisce i pullman è la stm. Potrete tranquillamente consultare il sito web stm.info in tempo reale per sapere orari/fermate dei vari buses. È la stessa società che gestisce le navette 747 dall’aeroporto. Con i busse (shuttle) 767/769/777 si raggiunge il Parc Jean Drapeau e il Casino.

Non è difficile girare per le viuzze di questa metropoli: il centro (downtown) orbita attorno a Rue Ste-Catherine suddivisa dalla Boulevard Saint-Laurent (The Main) in zona est e zona ovest e intersecata da ampie vie che si incrociano a scacchiera in una foresta di grattacieli (la classica metropoli nordamericana!); si tratta di una zona prevalentemente pedonale che pullula di locali e negozi. Nel centro si possono trovare i principali musei della città e anche l’ufficio turistico. Si tenga conto anche della presenza della parte di città sotterranea, un dedalo di vie che si snodano per circa 30km a cui si accede dalle stazioni della metropolitana. Concedetevi un po' di relax in Place des Arts, noi siamo capitati durante il periodo del Festival des Film du Monde.

Dalle perpendicolari di rue Ste Catherine, come rue Crescent, procedendo verso nord si raggiunge la zona della McGill University fondata nel 1821 da un mercante scozzese e oggi considerata tra gli atenei più prestigiosi e il Parc du Mont Royal, lo spazio verde creato da Frederick Law Olmsted (colui che progettò anche Central Park a NY!). Vale la pena raggiungere lo chalet du Mont-Royal al punto panoramico Kondiaronk. Nei pressi del parco si trova anche il Cimitero della Madonna delle Nevi dove sono sepolti, oltre a vari artisti, anche alcune vittime del Titanic, e il Lago dei Castori. In cima svetta la Croix du Mont Royal che alla sera viene illuminata. Procedendo verso est si giunge nel quartiere più giovane, il Plateau Mont-Royal che nacque come quartiere operaio e dove sono sorti diversi locali e negozi. A nord del Plateau si trovano i quartieri di Little Italy e il Mile End. Qui vale la pena fare tappa al Marchè Jean Talon. Riguardo ai mercati: merita moltissimo il Marchè Atwater (fermata della metro Atwater). Altre zone che richiedono una visita sono la Vieux Montreal e il Vieux Port. Nella prima si possono vedere le due piazze principali: Place Jacques Cartier e Place d’Armes, collegate da Rue Notre-Dame. (Date un occhio anche alla sede della Bank of Montreal, al New York Life Building -primo grattacielo della città- e all’Aldred Building -doveva emulare l’Empire State Building, ambizione stroncata a causa della crisi del 1929-). Nei pressi di Place Jacques Cartier si trovano molti locali in cui si può fare tappa; qui si trova anche la Colonna di Nelson e la facciata dell’Hotel de Ville. Nella zona del vecchio porto che si estende per circa 2,5km lungo il Riviere Saint-Laurent, sono presenti i quattro quasi (moli) da cui partono vari traghetti e all’estremità nord si può visitare la torre dell’orologio e, in caso di bel tempo, si può sostare per un picnic nella vicina spiaggia libera. Sulla torre di può salire gratuitamente

  • 54251 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Carmenfrenki
    , 27/9/2015 17:43
    Bellissimo viaggio, complimenti anche per la descrizione. Sto organizzando un viaggio in Canada e il tuo mi è di grande aiuto per programmare le varie tappe.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social