Oman, la terra del sultano

Un viaggio alla scoperta di un paese affascinante, in perfetto equilibrio tra modernità e tradizione

  • di mariapaola79
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

L'Oman è una meta ancora poco conosciuta, che si sta timidamente aprendo al turismo, una terra per certi aspetti incontaminata e proprio per questo vi suggerisco di visitarla prima che venga presta d’assalto da frotte di cinesi e giapponesi.

Per il momento il paese ha aperto le sue porte principalmente all'Europa ma non passeranno troppi anni prima che venga sponsorizzata dalle agenzie di viaggio di tutto il mondo, con il rischio che vada perdendo quella autenticità che ancora lo contraddistingue e lo rende unico all'interno della Penisola Araba.

Normalmente preferisco organizzare i miei viaggi in autonomia, alle volte però bisogna accettare piccoli compromessi e il viaggio in Oman è stata proprio una di queste volte. Con questo non voglio dire che non sia possibile organizzare un viaggio in autonomia in Oman, tutt’altro.

L’Oman è uno dei paesi più pacifici al mondo nonostante in tutta la zona limitrofa ci siano guerre interne e tensioni religiose, basti pensare alla Siria, allo Yemen e all’Iraq. L'Oman è un paese musulmano ma grazie al loro spirito non estremista è una meta al momento super sicura. L’ Oman è infatti l’unico paese al mondo in cui i fedeli seguono l’ibadismo, una corrente religiosa aperta al dialogo e neutrale al conflitto tra sunniti e sciiti.

Gli omaniti sono persone riservate ma calorose e ospitali allo stesso tempo. Un popolo che ama la propria terra e le loro tradizioni. Nonostante il turismo sia destinato a crescere velocemente mi auguro riescano a mantenere questo loro atteggiamento per lungo tempo affinchè i visitatori possano trovare quell’ambiente genuino che tanto mi ha colpito ed ho amato.

Di contro posso affermare che la separazione dei sessi in Oman è estrema, in certi mercati addirittura l’assenza delle donne è totale, in altri solo le donne possono accedervi. Le occhiate che rivolgono a noi occidentali non passano inosservate, soprattutto da parte di donne ma voi non preoccupatevi, ci guardano con lo stesso stupore con cui noi guardiamo loro. Ricordatevi che è un paese che da poco si è aperto al turismo, certe abitudini devono essere ancora digerite.

Nelle Moschee gli ingressi e gli spazi di preghiera sono separati mentre per strada uomini e donne non si scambiano effusioni ma non è raro vedere uomini che passeggiano mano nella mano o che si salutano strofinando i reciproci nasi. Un gesto molto buffo e tipico omanita.

È una cultura molto diversa dalla nostra e per quanto possiamo essere in disaccordo con certe tradizioni, impariamo ad osservare senza giudicare. A fine vacanza potremmo sorprenderci a pensarla diversamente da quando siamo arrivati.

L'Oman non regala paesaggi da cartolina ma con la sua semplicità ti conquista lentamente. E’ una di quelle mete che ti ammalia e ti lascia una profonda malinconia e una volta a casa i ricordi del viaggio rimbalzano nella mente più vividi che mai, impossibile non pensare seriamente di tornare. L' Oman poi offre tantissime opportunità di trekking, che a questo giro per ovvie ragioni non ho potuto testare in prima persona ma ho preso i giusti contatti e al prossimo giro non tralascio nulla!

Ma concentriamoci sul viaggio appena concluso, visto che è di questo che vi voglio parlare e non di quello che devo ancora fare

  • 10730 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social