Settimana olandese

Un viaggio all'insegna dell'Olanda più classica: biciclette, tulipani e mulini

  • di LucaBene
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Una settimana all'insegna dell'Olanda più classica: biciclette, tulipani e mulini

Partenza dall'aeroporto di Bologna domenica mattina con volo KLM che, in meno di 2 ore, ci porterà a Schipol, entrando in territorio Olandese. Grazie alla bella giornata possiamo ammirare dall'alto i tanti colori dei campi coltivati a fiori che arrivano fin vicino ad Amsterdam. E' il nostro benvenuto nei Paesi Bassi.

Ritiriamo velocemente i bagagli e subito prendiamo il treno che da Schiphol ci porta a Den Haag, la capitale politica del paese, che abbiamo scelto come base per visitare questa zona dell'Olanda meridionale. Il viaggio dura 30 minuti e già attraverso i finestrini del treno possiamo ammirare un panorama bucolico: le case e le città sono ben integrate nel verde e su tutto colpisce la grande quantità di animali da allevamento che pascolano praticamente ovunque.

Arrivati in stazione ci incamminiamo diretti verso l'Hotel Ibis che si trova vicino al centro storico. Ultimamente quando possiamo scegliere ci affidiamo a questa catena di Hotel che per noi è un buon compromesso tra qualità delle camere, di solito moderne e essenziali, prezzo e colazione. Facciamo check in e dopo un piccolo riposo usciamo per visitare la città.

Den Haag o L'Aia in Italiano è la capitale politica dell'Olanda. Il grande palazzo del Binnenhof sede del Governo e del Parlamento è al centro della città. Per gli amanti dell'arte ci sono alcuni musei di assoluto valore come il Mauritshuis dove tra opere di Rembrandt e altri pittori Fiamminghi si trova anche il famoso “Ragazza con l'orecchino di perle” di Vermeer, oppure il museo dedicato a Escher che il caso vuole in esposizione proprio a Bologna in questi giorni come lo scorso anno ebbe grande successo nella mia città una mostra che aveva Ragazza con l'orecchino di perle come protagonista. Camminiamo a zonzo per le belle vie del centro, affollate anche grazie alla bella giornata. Siamo in primavera, ma la temperatura è bassa e l'aria è veramente fredda. Partiti dall'Italia con un clima già da primavera inoltrata siamo tornati bruscamente indietro di due mesi. Ceniamo con hamburger e le classiche patate fritte che in Olanda sono sempre ottime.

Lunedì

Dopo una buona e varia colazione ci incamminiamo verso la stazione ferroviaria da dove prendiamo il treno che ci porta nella vicina Leiden. I treni in Olanda sono molto frequenti e i prezzi abbordabili, il viaggio di 20 minuti costa 6 euro A/R. Arrivati in stazione prendiamo informazioni per la nostra gita attraverso il Bollenstreek, i campi coltivati a fiori, il parco di Keukenhof e il noleggio bici.

Noleggiata la bici partiamo per questo tour che ci porterà a fare una cinquantina di chilometri salendo verso Haarlem per poi ridiscendere la costa e tornare a Leiden. Attraversiamo così i paesi di Oegstgreest, Warmoond e Woorhout dove facciamo una piccola spesa per il picnic. Da questo punto in poi comincia lo spettacolo dei campi coltivati a fiori. Lungo le ciclabili tra i canali incontriamo grandi appezzamenti di terra coloratissimi, coltivati in prevalenza a tulipani, narcisi e giacinti. Uno spettacolo emozionante, pedaliamo lungo bellissime ciclabili molto frequentate fino ad arrivare al centro turistico di questa zona che è il parco floreale di Keukenhof. Già in precedenza avevamo deciso di non visitarlo dato che ci avrebbe portato via troppo tempo e arrivando all'ingresso del parco vedere la folla che entrava e usciva non ci ha fatto pentire della scelta. Riprendiamo la nostra pedalata verso Est sempre circondati da questa meraviglia, picnic sul prato tra canali e fiori e avanti così fino a raggiungere la costa. Qui il panorama ovviamente cambia. Una bellissima ciclabile si inoltra tra pinete e grandi dune di sabbia fino a giungere nella località marina di Noordwijk. Facciamo anche una fermata sulla larghissima spiaggia con belle dune, da qui tagliamo verso l'interno per arrivare a Leiden incontrando ancora qualche campo fiorito. Consegniamo le bici e dedichiamo un paio di ore alla visita della città famosa per l'università e per aver dato i natali a Rembrandt. Quindi attraversata dal fiume Reno e passeggiamo piacevolmente tra le vie del centro attraversando ponti e con alcuni mulini e belle case affacciate sui canali. Siamo stanchi e riprendiamo il treno che ci riporta a Den Haag dove ceniamo in camera dopo una spesa al market

  • 41263 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social