Amsterdam e dintorni tra mulini a vento e formaggi

Nei caratteristici borghi olandesi tra campi, animali in libertà, mercati del formaggio e favolosi mulini a vento dei polder

  • di luxocchio
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Viaggio ad Amsterdam e dintorni tra caratteristici borghi tra campi, animali in libertà, mercati del formaggio e i favolosi mulini a vento dei polder.

Partenza in aereo da Milano ed arrivo ad Amsterdam in perfetto orario. Ritiro dell’auto a noleggio e visita alla città. Le giornate ad Amsterdam ci hanno consentito di visitare celebri piazze e palazzi. Eccone alcuni imperdibili.

PIAZZA DAM Il nome di Amsterdam deriva proprio da piazza DAM che è anche il cuore della città. Questo è un ottimo punto di partenza, vicino si trovano le principali attrazioni come il Palazzo Reale e la Chiesa Nuova. Al centro della piazza si trova l’obelisco in pietra alto 22 metri dedicato alle vittime della Seconda guerra mondiale; si trovano inoltre il Museo delle cere di Madame Tussauds e molti caffè e negozi.

CHIESA VECCHIA OUDE KERK. La Chiesa Vecchia ha origini risalenti al XIII secolo, quando si costruì una chiesa in legno in un cimitero. L’attuale struttura del XIV secolo ha caratteristiche gotiche e da quella che era una chiesa ad unica navata si è trasformata in una basilica.

CHIESA NUOVA Nieuwe Kerk. Con il crescere della popolazione nel tardo XIV secolo si sentì il bisogno di costruire una nuova chiesa. Nel corso dei secoli questa fu distrutta diverse volte dagli incendi. L’attuale aspetto risale al 1650-60.

PALAZZO REALE. I lavori di questo sontuoso palazzo in arenaria cominciarono nel 1648. Il Palazzo Reale è ancora oggi utilizzato occasionalmente dalla famiglia reale olandese per cerimonie ufficiali. All’interno quasi tutto l’arredo esposto risale al 1808, quando Napoleone fece di questo edificio il proprio palazzo.

BEGIJNHOF. Tra Piazza Dam e Spui si trova questo piccolo cortile, non facilissimo da trovare, sul quale si affacciano casette nelle quali un tempo vivevano le beghine, monache laiche appartenenti ad una confraternita cattolica che si occupavano dei malati e offrivano un’educazione ai poveri. Avevano una serie di regole e potevano abbandonare la confraternita per sposarsi. Al numero 34 c’è la più antica casa di Amsterdam, risalente al 1420 circa.

QUARTIERE A LUCI ROSSE. Una delle immagini più famose e anche più forti della moderna Amsterdam è quella delle numerose prostitute vestite in modo succinto e avvolte dalle rosse luci del neon che sono esposte in vetrina. In questa città la prostituzione risale al XIII secolo. Sebbene i tentativi dei calvinisti di dichiarare la prostituzione illegale furono molteplici, nel 1850 Amsterdam contava oltre 200.000 prostitute.

WAAG. E’ la più antica porta ancora esistente. Costruita nel 1488, vi si tenevano le esecuzioni pubbliche e i condannati attendevano nella camera della forca in una delle torri.

KLEINE TRIPPENHUIS. Al n. 26 di Kloveniersburgwal c’è una casa con un bel frontone incorniciato, largo soli 2,44 metri. Questa casa è nota come Kleine Trippenhuis, la casa del cocchiere dei Trip. Curiosamente questa casa si trova di fronte alla Trippenhuis al numero 29, un edificio che, con un'ampiezza di 22 metri, è invece il più largo di Amsterdam. La storia vuole che un giorno il cocchiere del signor Trip affermò: "Mi accontenterei di avere una casa larga quanto la porta d'ingresso della casa del mio padrone". Il signor Trip, avendone avuto notizia, decise di accontentare il suo cocchiere.

PIAZZA LEIDSEPLEIN. Originalmente parcheggio per carri, oggi la piazza costituisce un luogo di divertimento notturno alla moda. E’ una delle più famose piazze di Amsterdam, qui ogni giorno si esibiscono burattinai e mangiatori di fuoco, musicisti e prestigiatori. Conosciuta con il nome di “piazza del guazzabuglio”

  • 87260 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social