Olanda a quattro ruote

Città, verde e canali d'Olanda

  • di Marzia Danelli
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Dal 3 luglio al 13 luglio 2011

Viaggio in auto (Hyundai i10) – due persone dulte

Itinerario (abbiamo elencati i luoghi dove abbiamo pernottato): partenza da Milano – Baden Baden (Germania) – Maastricht – Rotterdam- Edgmond en Zee – Hindeloppen – Amsterdam.

Itinerario prevalentemente paesaggistico-naturalistico. Non sono stati visitati musei (è nostra idea, in futuro, dedicare una visita alla sola visione dei musei di Amsterdam).

Per il pernottamento si è provveduto a prenotare via internet dall’Italia prima della partenza.

Utilizzate carte stradali europee – Guida turistica touring club “Olanda”.

Autostrade tedesche e olandesi gratuite – Rifornimento Gpl molto diffuso in Olanda; meno diffuso in Germania. Attenzione agli attacchi del rifornimento: sono diversi dai nostri per cui è necessario un adattatore. In Svizzera accettano gli Euro per i pagamenti, ma danno il resto in franchi.

Non vengono riportate tutte le spese. Dei luoghi visitati non ci allunghiamo in descrizioni oggettive (si può trovare tutto sulle guide), sicuramente riportiamo personali giudizi ed emozioni.

Domenica 3 luglio (Milano – Buhl)

Partenza da Milano intorno alle ore 7.30. Viaggiare di domenica ci ha permesso di non trovare mezzi pesanti sulla strada e arriviamo al confine svizzero senza problemi di traffico. Qui acquistiamo l’adesivo attestante il pagamento dell’autostrada svizzera (E.40). Attraversiamo la Svizzera in una bellissima giornata di sole tra monti, verdi paesaggi e laghi che la contraddistinguono.

Arriviamo intorno alle 15.30 a Buhl, nelle vicinanze di Baden Baden (Germania). Raggiungiamo il luogo del pernottamento denominato Kloster Maria Hilf (Carl-Netter-Str.7, 77815 Buhl). Si tratta di un convento di suore veramente molto tranquillo e pulito con un ampio parco. E’ frequentato prevalentemente da famiglie e religiosi - Rapporto qualità prezzo interessante - Alle 20 chiudono i cancelli, ma ti forniscono le chiavi nel caso ci si trattenga fuori oltre tale orario. Al costo di E.7.50 viene servita la cena fredda in orario 18 – 19). Ci concediamo una passeggiata nel piccolo centro di Buhl: molto verde, ai piedi della Foresta nera dove troviamo una piazzetta gremita di persone sedute ai tavolini dei pubblici esercizi. Brizel, pane nero e una bella birra ci fanno sentire immediatamente in vacanza.

Lunedì 4 Luglio 2011 (Buhl – Maastricht)

Dopo un’ abbondante colazione dal sapore tedesco con insaccati e formaggi vari riprendiamo il viaggio in direzione Maastricht. Arriviamo nella cittadina olandese nel primo pomeriggio. Raggiungiamo il luogo del pernottamento: Botel Maastricht (Maasboulevard 95, Jekerkwartier, 6211 JW Maastricht), un barcone attraccato sul fiume Mosa. La cabina è spartana, essenziale, spoglia con bagno. E’ rivolta verso il fiume per cui ci permette di vedere da vicino i barconi che transitano. Parcheggiamo l’auto in un area pubblica a pagamento (E. 6 per un giorno) a poca distanza. Noleggiamo n. 2 bici per n. 2 ore (circa E.5) per approcciarci alla città che giriamo in lungo e largo unendoci ai numerosi ciclisti che vi sono. Alle 18 i negozi chiudono, rimangono aperti i soli esercizi pubblici. In Olanda si cena molto presto (dalle ore 18 alle 20) e a noi la fame non manca. Scegliamo un locale in una via del centro: Luca sceglie una super bisteccona, io un trancio di salmone con salsine il tutto affogato da birra olandese. Dopo cena,considerato che ci sono ancora ore di luci, passeggiamo per il centro. I colori del tramonto li gustiamo stando sul ponte del botel: ammiriamo la quiete, il via vai di silenziosi barconi e le luci sul fiume. (N.B.: Il botel è anche un pub aperto al pubblico. Pare che durante i fine settimana la quiete da noi apprezzata sia un miraggio)

  • 7061 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social