Olanda: il paese dei mulini a vento

L'Olanda è uno di quei paesi che stimola molto la fantasia e la voglia di visitarlo da parte di tutti. Non è stato quindi difficile trovarci d'accordo per organizzare una vacanza da quelle parti: eravamo in 19 persone con 4 ...

  • di squalo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: 3500
 
Annunci Google

L'Olanda è uno di quei paesi che stimola molto la fantasia e la voglia di visitarlo da parte di tutti. Non è stato quindi difficile trovarci d'accordo per organizzare una vacanza da quelle parti: eravamo in 19 persone con 4 roulotte, 3 camper ed 1 tenda.

Il pomeriggio del 2 agosto 2002 abbiamo lasciato Bologna poi, dopo avere attraversato la Svizzera (sosta nell'ampia area di servizio S.Gottardo Sud, Stalvedro), abbiamo raggiunto la Germania. Ci siamo fermati un paio di giorni a Koblenz, per visitare le verdissime valli del Reno e della Mosella, ricoperte da vigneti e dove sorgono lungo le rive di entrambi i fiumi castelli e fantastici paesini medievali come Bacharach, St.Goar e Kaub (Reno), Burg Eltz e Cochem (Mosella).

Entrati in Olanda a Venlo, abbiamo raggiunto Otterlo, vicino ad Arnhem, da dove abbiamo visitato (bici gratis) lo splendido 'De Hoge Veluwe Park', all'interno del quale sorge l'interessante museo Kröller-Müller, ricco di sculture, dipinti, disegni e litografie, soprattutto di V. Van Gogh.

Al Nederlands Openluchtmuseum (museo d'Olanda all'aperto) di Arnhem si rievocano usanze e tradizioni olandesi che appartengono ormai al passato: fattorie, case, mulini a vento, costumi e mestieri, il tutto organizzato con grande cura e razionalità.

Sicuramente da non perdere è la visita di Giethoorn, lacustre paesino a nord di Zwolle, le cui casette colorate, immerse nel verde, sorgono lungo tanti piccoli canali collegati da ponticelli in legno e passerelle; molto suggestivo è il giro in barca lungo i canali. Su ottime piste ciclabili abbiamo poi esplorato, in bici, i dintorni, toccando il Beulaker-Wijde (lago) e Dwarsgracht, minuscolo paesino con tutte le casette lungo le anse del canale, in un'atmosfera da sogno.

Proseguendo il viaggio verso nord, ci siamo spinti fino a Lauwersoog, per visitare la vicina isola di Schiermonnikoog. Qui, dopo essere sbarcati, abbiamo noleggiato le biciclette (4,5 euro/giorno) con le quali abbiamo intrapreso il giro dell'isola (30 km) su ottime piste ciclabili (feed spad), attraversando boschetti, radure, prati con bovini ed ovini che pascolavano tranquillamente. Spesso ci siamo fermati lungo il percorso per osservare le bellezze del posto: il faro, il fortino, il paesino, le lunghissime spiagge sabbiose e tantissimi uccelli.

Lasciata la Frisia, attraverso l'Afsluitdijk (diga di 30 km), abbiamo raggiunto Uitdam, punto strategico per visitare alcune delle più celebri località turistiche olandesi come Volendam, Marken, Alkmaar e soprattutto Amsterdam. Questa splendida città è percorsa da decine di canali, collegati da centinaia di ponti, con palazzi e case in bello stile, chiese, negozi e musei tra i più importanti del mondo. Noi l'abbiamo visitata sia a piedi che in battello in una bellissima giornata di sole, scoprendo una città molto attiva e piena di vita, dove la bicicletta predomina incontrastata. Di sera assume un fascino tutto particolare; le strade e le piazzette si riempiono di gente: c'è chi passeggia, chi sta seduto davanti ai bar, chi cena nei ristoranti e chi su una barchetta; poi alle 22 circa, lungo i canali si accendono le luci poste attorno agli archi dei ponti, e nella notte la città raggiunge, in un'atmosfera fiabesca, un momento di rara bellezza.

L'isola di Texel, meta del giorno successivo, l'abbiamo girata in bici. Lasciata l'auto a Den Helder, in nave (20') abbiamo raggiunto l'isola noleggiando allo sbarco ottime bici (6 euro al giorno). Percorrendo le piste ciclabili è possibile raggiungere i luoghi più belli dell'isola; dopo Den Hoorn la stradina attraversa splendide dune coperte di erica ed arriva al mare, poi entra nel bosco fino a De Koog. Proseguendo verso nord si arriva in un'area naturalistica molto bella vicino al mare 'De Slufter', con stagni e dune di sabbia, vero paradiso degli uccelli e degli amanti del bird watching. Giunti al grande faro rosa, all'estremità nord dell'isola, siamo scesi verso De Cocksdorp, percorrendo la panoramica diga orientale fino a Oosterend, poi Den Burg e quindi di nuovo all'imbarco per il ritorno

Annunci Google
  • 5178 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social