Da Reggio Calabria ad Amsterdam

Partenza da Reggio Calabria in macchina mio marito io e i due ragazzi, pernottamento sul lago d’Iseo e l’indomani vai di nuovo in macchina per la nostra meta. I primi problemi di coda al casello di Como ma nulla in ...

  • di Reggina62
    pubblicato il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Partenza da Reggio Calabria in macchina mio marito io e i due ragazzi, pernottamento sul lago d’Iseo e l’indomani vai di nuovo in macchina per la nostra meta.

I primi problemi di coda al casello di Como ma nulla in confronto della fila per imboccare il Traforo del Gottardo. Superata la frontiera svizzera si paga un pedaggio di 30 € per l’attraversamento del territorio svizzero ma vale un anno.. Così al ritorno tutto a posto.

Piacevole sorpresa dalla Germania in poi nessun pedaggio autostradale (come riportava l’itinerario scaricato da www.Viamichelin.Com per evitare di perderci o fare comunque un giro troppo lungo), così dopo circa 15 ore di cammino arriviamo ad Amsterdam e la città affascina subito anche se stanchi morti ti viene voglia di uscire subito a vedere qualcosa. Per la sistemazione abbiamo preferito un alloggio in affitto e tra i tanti siti che offrono questo servizio abbiamo scelto il www.Tucarosa.Com e qui abbiamo deciso (su consiglio di un’amica olandese una delle house boat che galleggiano sui canali di Amsterdam la nostra è nel quartiere Centro sul canale OUDE chans ad un tiro di schioppo da Piazza Dam e con vista sul Nemo il Museo che Renzo Piano ha costruito qui. Per pranzo e cena non c’è che l’imbarazzo della scelta ...Amsterdam è una città cosmopolita anche nei ristoranti ed in 4 si cena con una media di 50-60 € . Poi qualche volta abbiamo anche cucinato in casa. I supemercati Albert Hein ( la catena più diffusa) hanno di tutto a prezzi totalmente simili ai nostri.

La macchina in una città come Amsterdam non serve affatto così, visti gli alti costi dei parcheggi la usiamo il primo giorno per avventurarci fuori Amsterdam in un giro sulle terre ricavate dal mare e in visita a due splendidi paesini ( come ha detto mio figlio ricordano un po’ Topolinia) che sono rimasti uguali a come erano nel 1700 circa. Potrebbero sembrare paesini esclusivamente turistici ed in realtà scopri che la gente invece ci abita davvero in quelle casette di legno con le grandi finestre senza imposte... I mulini a vento (tranne qualcuno) sono ricostruiti a gioia dei turisti e nei negozietti di souvenir ( in cui si può assistere alla fabbricazione dei tipici zoccoli alla produzione del tipico formaggio olandese) si trovano anche delle graziose fanciulle con i costumi tradizionali.

Di ritorno dalla gita lasciamo la macchina in un parcheggio libero ad un 20 di km da Amsterdam e rientriamo in città in autobus. I trasporti sono un po’ cari ma sicuramente efficienti i biglietti si fanno a bordo e costano circa 2 euro ( 1,60 per una zona che significa un giro in città con un limite di un’ora se si intende fare andata e ritorno).

La città offre tantissimo e tutto è a portata di mano e raggiungibilissimo a piedi, in bus, o con le immancabili bici che qui hanno un posto di privilegio tanto da avere appositi semafori, oltre a km di piste ciclabili che si estendono anche fuori città .

Amsterdam ha più di 30 musei e visitarli tutti è praticamente impossibile in una sola settimana, noi abbiamo scelto il Museo Van Gogh, la chiesa cattolica di Nostro Signore nell’attico ricavata sotto i tetti di tre case attigue e praticamente invisibile dalla strada usata quando il cristianesimo in Olanda era proibito, il museo della storia di Amsterdam e naturalmente il museo della birra della Heineken .

Il prezzo medio è di 10 € d ingresso per adulti.

Un giro al quartiere a luci rosse è immancabile anche perché si trovano lì alcuni dei monumenti più importanti ma non è così brutto da vedere ... sempre meglio dello spettacolo che si offre sulle nostre strade a tutte le ore del giorno Per i ragazzi ( i nostri hanno 22 e 17 anni) Leidesplein è sicuramente il posto migliore con il suo Jazzcafè o il Paradiso dove ogni sera ci sono spettacoli diversi .

Per le patite dello shopping anche fuori casa o solo per comprare i souvenir attenzione i negozi sono aperti dalle 9.00 alle 18.00( tranne il giovedì quando l’orario è spostato alle 21.00) con eccezione dei supermercati Ho scritto anche troppo .. Il resto scopritelo voi ...Ad Amsterdam fa buio molto tardi quindi avrete molto tempo per girarla ..Ah non dimenticate 1)una gita in battello sui canali 2) Ombrelli ed impermeabili (anche in Agosto) NBLa spesa del viaggio comprende € 1120 di affitto

  • 943 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social