Nuova Zelanda, l’Italia rivoltata come uno… stivale

Italia e Nuova Zelanda hanno molto in comune, pur nella totale e rovesciata diversità

 

È inevitabile, se si va in Nuova Zelanda, ripassare la favoletta secondo cui siamo agli antipodi perfetti dell’Italia: la forma delle due isole messe assieme assomiglia allo stivale rovesciato, siamo esattamente dall’altra parte del mondo ecc. Ma in effetti Italia e Nuova Zelanda hanno molto in comune, pur nella totale e rovesciata diversità. Io-Patrizio, nell’Isola del nord, ho visto paesaggi e colture neo-toscane (viti, ulivo) che si rifacevano, non solo climaticamente, ma anche consapevolmente, alle nostre colline dell’Italia centrale. Al contrario, ho incontrato giovani artisti italiani che si erano rifugiati in Nuova Zelanda proprio per sfuggire al peso della nostra tradizione: in particolare Simona mi diceva che qui ha potuto re-inventarsi una sua estetica, in un luogo nuovo, vergine, in cui il confronto col passato non fosse così stringente come in Italia.

Per anni la Nuova Zelanda ha rappresentato per noi la Nuova Frontiera: molti giovani italiani ci sono andati a vivere, attratti dalle tante opportunità. Ora non sembra più così aperta, ma il sapore di Nuovo Mondo certamente rimane. Resta nella natura, nella scarsa densità di abitanti, nel misto di razze in cui prevale lo spirito anglosassone, ma che la fa sembrare un adolescente la cui identità si sta ancora formando, in cui molte cose sono ancora possibili.

Un aspetto che mi ha colpito è la fisicità dei suoi abitanti, appassionatissimi di tutto e in particolare di sport estremi. Mi è capitato di arrampicarmi su salite incredibili (e soprattutto di venire giù per discese da capogiro) con le moto fuoristrada a quattro ruote, poi di infilarmi dentro grotte allagate sotterranee armato di salvagente. Oppure di buttarmi giù da una collina dentro una palla di plastica, tipo Attilio Regolo. Mi ha molto colpito Auckland, una città che allora era ancora la regina della vela e delle barche, con la sua baia piene di isole e isolette davvero accoglienti. Lo spirito dei neozelandesi poi pare sia caratterizzato da una grande disponibilità: hanno fama di essere molto alla mano, ancor più aperti dei vicini australiani. Tutta da scoprire è la cultura maori, con tutte le sue contraddizioni. Ad esempio la riscoperta caparbia delle loro antiche radici culturali e tutta la diatriba legale sulla restituzione della terra ai loro discendenti.

Annunci Google
Parole chiave
,
  • 1251 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social