Norvegia Walk&drive

Un itinerario per appassionati camminatori e guidatori instancabili: 20 giorni tra i parchi naturali e le strade turistiche più belle del Paese

  • di EleRec
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2 (e un cane)
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Appassionati di trekking e di viaggi on the road, la Norvegia è, da ormai tre anni, la meta prescelta per le nostre vacanze estive. Tracciamo un itinerario di massima (arriveremo all’isola di Senja), decisi a concederci quanti più giorni possibili per le escursioni nei parchi naturali del Paese.

Partiamo con un piccolo furgone attrezzato con un letto, un fornello e una piccola dispensa (il cibo in Norvegia è davvero molto caro). Decidiamo che, in caso di pioggia o freddo, ci fermeremo in uno dei numerosissimi camping attrezzati con le casette di legno (i prezzi partono da 400NOK a notte con bagno in comune).

Il trekking in Norvegia: i nostri consigli

Dopo tre anni di vacanze norvegesi, abbiamo raccolto qualche pratico consiglio per il trekking fai-da-te.

Esistono praticamente infinite possibilità di escursione in tutta la Norvegia: i sentieri sono ben segnati (con una T sui massi e dei bolli rossi lungo il tracciato) e la segnaletica riporta il relativo grado di difficoltà del trekking (da verde-facile a nero-impegnativo). Per la scelta dei sentieri, oltre alle tradizionali mappe cartacee che si possono trovare presso i centri visitatori (di solito collocati nelle località d’accesso ai parchi nazionali: Lom per lo Jotunheimen, Rjukan o Geilo per l’Hardangervidda; Dombas per il Dovrefjelle), ci siamo affidati ad alcune applicazioni come il sito ut.no o la mappa virtuale norgeskart (che funziona anche da GPS). Prima di partire è sempre bene dare un’occhiata al meteo sul sito yr.no – il portale dell’istituto meteorologico norvegese – in assoluto il più attendibile.

GIORNI 1, 2, 3. LEGNANO (ITALIA) - HIRTSHALS (DANIMARCA) - LANGESUND (NORVEGIA) – RAULAND

La nostra avventura comincia da Legnano e ci porta, dopo due giorni di guida e una traversata in nave da Hirtshals in Danimarca (Fjord Line; 4 ore e mezza; circa 75 euro) a Langesund, sulla costa meridionale della Norvegia. Da lì proseguiamo in direzione Rjukan, la porta meridionale dell’Hardangervidda, il parco più esteso del Paese. Il tempo a disposizione non è molto e decidiamo di proseguire per la strada 37 verso Rauland, attraversando paesaggi incantevoli tra laghi e montagne. Matteo si sgranchisce le gambe con una corsetta lungo una bella strada panoramica che costeggia il lago Mosvatn (fv851; deviazione dalla 37 in direzione Arabu). Io e Maggie (il nostro super attivo setter inglese) scopriamo su norgeskart un sentiero che da Arabu porta a un bel laghetto.

Piove e ci fermiamo per la notte in un campeggio a Rauland.

GIORNO 4. RAULAND-MAURSET (230 KM)

Il giorno seguente, complice un tempo impietoso, decidiamo di costeggiare il lato occidentale dell’Hardangervidda, da Rauland a Eidfjord attraverso la strada 134 (approfittiamo di una sosta per prendere un sentiero che da bordo strada scende a uno dei tanti laghi), la strada 13 e la spettacolare cascata di Latefossen e, infine, la strada 7.

Sostiamo per la notte in un campeggio a Maurset.

GIORNO 5. ESCURSIONE ALL’HARDANGERVIDDA

La giornata promette bene e ne approfittiamo per immergerci nella natura aspra e selvaggia dell’Hardangervidda. Dalla strada 7, all’altezza di Dyranut, prendiamo una strada secondaria a pedaggio che termina al lago Tinnhylen (costo 110 NOK; si paga all’interno del gabbiotto con carta di credito). Dal lago, sono possibili diversi itinerari, alcuni anche di più giorni all’interno del parco. Calcolate bene le distanze perché ciò che sulla cartina sembra vicino, è solitamente distante kilometri e kilometri. Noi decidiamo di fare un giro ad anello di circa 20 km in piano passando dal rifugio Stigvbu (saliamo le basse cime dietro il rifugio per goderci la vista dall’alto), continuando per Byen e ritornando verso il lago

  • 310 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social