Tromso e la Lapponia norvegese

Oltre il Circolo Polare Artico

  • di luva.04
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Io e la mia ragazza siamo appena rientrati da 3 giorni di viaggio nella Lapponia Norvegese. Siamo partiti da Malpensa con un volo della Norvegian Air Shuttle con scalo ad Oslo; sia all'andata che al ritorno gli aerei, tutti molti nuovi, sono stati puntualissimi; ricordarsi però di ritirare il babaglio ad Oslo dove è necessario un nuovo check-in. Quello che ci ha maggiormente colpito è stata la totale automatizzazione dello scalo di Tromso: sia il check.in che il bag-drop devono essere fatti tramite totem e lettori ottici in completa autonomia! (comunque nulla di complicato e soprattutto velocissimo: da quando siamo entrati all'aeroporto a quando ci siamo seduti al nostro gate non saranno passati più di 10 minuti, da non credere per chi arriva da Malpensa!) Per raggiungere il centro del paese ci sono i pullman di linea o il Flybussen che ferma presso i principali hotel della città, oltre ovviamente ai taxi.

Tromso è considerata la capitale della Lapponia, essendo la città più grande oltre il Circolo Polare Artico; nonostante il buio di questo periodo (il sole non sorge mai da metà dicembre a metà gennaio) siamo riusciti a fare un pò di foto tra le 10 e le 12 quando vi è un pò di illuminazione in più; forse siamo stati noi fortunati, o forse è merito della presenza del mare, ma in questi 3 giorni non abbiamo mai sofferto troppo il freddo, visto che la temperatura è sempre stata tra i 2 °C e -4°C. Merita sicuramente una tranquilla passeggiata la via principale, piena di vetrine, ristoranti e bar (prestate attenzione agli orari perchè sono molto deversi rispetto quelli a cui siamo abituati noi; oltretutto alcuni locali tengono aperto sono di mattina, altri solo di sera).

Degne di nota come monumenti sono la cattedrale in legno, situata nella piazza principale e la cattedrale artica, situata sulla terraferma, il che obbliga ad attraversare il lungo ponte da cui però si possono fare ottime foto. Per i cultori della birra da segnalare il birrificio Mack, uno dei più a nord del mondo con ottima birra norvegese. Noi abbiamo visitato anche Polaria e il Polar Museum: il primo è un acquario con svariate vasche con i pesci tipici delle zone artiche e le foche, mentre il secondo racconta la storia delle spedizioni artiche e della caccia a foche e orsi polari. Vi sono anche altri musei che sembravano interessanti ma noi non abbiamo fatto in tempo a visitarli (anche in questo caso è utile tenere sempre sotto controllo il proprio orologio: difficile trovare qualcosa di aperto prima delle 10 o addirittura le 11 e alle 16 o massimo alle 17 è già orario di chiusura). Prendendosela molto comoda si riesce a visitare tutto in una giornata, un paio di giorni al massimo. Noi ci siamo sempre mossi a piedi perchè le distanze non sono certo proibitive ma i bus sono numerosissimi.

Nei giorni successivi abbiamo fatto 2 tour organizzati tramite Lyngsfjord Adventure, ma esistono svariate altre compagnie che propongono più o meno le stesse attività: la gita sulla slitta trainata dai cani e la ricerca dell'aurora boreale. Per quanto riguarda la prima abbiamo optato per quella in partenza di mattina e non quella di sera per avere qualche ora di luce per vedere il panorama che è mozzafiato; la giornata era stupenda ma molto ventosa quindi, nonostante l'abbigliamento da loro fornito, abbiamo sofferto un pò il freddo (eravamo intorno ai -10°C); per fortuna alla fine viene offerto te caldo e zuppa di renna in una capanna Sami, molto utili per rifoccillarsi e recuperare energie (i cani tirano come degli indemoniati quindi si fa parecchia fatica a tenerli sotto controllo: tenete in conto qualche caduta nella fresca!).

Nella seconda gita siamo stati meno fortunati perchè era nuvoloso e quindi non abbiamo potuto vedere l'aurora (nel caso le guide spiegano anche come impostare le macchine fotografiche per riuscire a immortalare il momento). Nonostatnte tutto ci siamo divertiti moltissimo, abbiamo mangiato tantissimo pesce fresco, soprattutto salmone e baccalà, e per i pochi giorni che abbiamo trascorso lì l'assenza di luce non è stato un grosso problema.

  • 14651 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social