Meravigliosa Normandia

Piccole strade di campagna incorniciate da prati verdissimi con un’infinità di mucche al pascolo, città medievali talmente incantevoli da sembrare uscite da un libro delle favole, scogliere altissime e cattedrali maestose

  • di debsfo
    pubblicato il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Abbiamo percorso piccole strade di campagna incorniciate da prati verdissimi con un’infinità di mucche al pascolo (ma esistono gli allevamenti intensivi in Francia?), attraversato città medievali talmente incantevoli da sembrare uscite da un libro delle favole, ammirato scogliere altissime, e ci siamo meravigliati davanti alla maestosità di alcune cattedrali. Abbiamo mangiato cozze e patatine fritte, amato follemente per il camembert e divorato pane al cioccolato. Abbiamo scoperto che i francesi hanno il pollice verde, non vanno di fretta e godono di molte più ore di luce al giorno (invidia!!!) Tutto questo in 4 giorni, noleggiando la macchina dall’aeroporto di Parigi Beauvais, e percorrendo in tutto circa 1100 km.

Giorno 1. Aeroporto Beauvais – Rouen – Veules Les Roses – Fécamp – Etretat Giorno 2. Honfleur – Arromanches Les Bains – Colleville sur Mer – Mont Saint Michel Giorno 3. Fougères - Vitrè – Bayeux Giorno 4. Beuvron En Auge – Les Andelys - Aeroporto Beauvais

Giorno 1: Aeroporto Beauvais – Rouen – Veules Les Roses – Fécamp – Etretat (200 km)

Ritirata la macchina percorriamo subito i circa 90 km che ci separano da Rouen, la nostra porta d’accesso alla Normandia. Rouen è conosciuta come la città dai 100 campanili, non li ho contati ma le abbazie e le cattedrali gotiche presenti in città sono effettivamente numerose, e viene considerata da molti come una perla indiscussa della regione. Col senno di poi posso dirvi che per me non lo è stata.

E’ sicuramente un città con un bel centro storico dove abbiamo potuto ammirare per la prima volta le affascinanti case di legno a graticcio, ma Rouen non mi ha conquistata, forse perché preferisco i piccoli centri o perchè lungo il nostro itinerario abbiamo visto paesini più caratteristici. Lasciamo la macchina lungo la Senna (parcheggio a pagamento) e imbocchiamo la Roue du Gros Horloges, che prende il nome dal grosso orologio astronomico a due quadranti situato sopra una meravigliosa arcata rinascimentale. Questa strada porta alla cattedrale gotica di Notre Dame, famosa per essere stata raffigurata da Monet in tutte le salse.

Da non perdere anche l'imponente abbazia di Saint-Ouen, che si affaccia su un grazioso giardino e, per concludere il tour delle chiese, quella di San Maclovio.

Consiglio. Prima di lasciare Rouen (calcolate almeno 3 ore per la visita) fate una tappa da Paul (in Roue du Gros Horloges o Rue Jeanne d'Arc) panetteria e pasticceria dove potrete assaggiare il fougasse alle olive, i benoiton al cioccolato, gli immancabili macarons e molto altro... prometto che non ve ne pentirete!! La tappa successiva si trova sulla Costa d’Alabastro. Oltre 100 km di spiagge e bianche scogliere calcaree punteggiate da pittoreschi villaggi che si estendono da Dieppe fino a Le Havre, questa è esattamente la caratteristica principale di questo tratto della Normandia.

Ci fermiamo per una breve ma – assolutamente - consigliata sosta a Veules Les roses, incantevole borgo attraversato dal fiume più piccolo della Francia, il Veules, lungo appena 1100 metri

  • 13640 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social