New York in pratica

Ecco come ci siamo organizzati per il nostro viaggio nella Grande Mela. Alloggi, cosa vedere, dove mangiare e tante altre informazioni utili

  • di stevetaylors
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ciao a tutti, di seguito vi voglio raccontare del nostro ultimo viaggio a NYC con l’obbiettivo di fornire informazioni utili.

Date del viaggio: da venerdì 16 a sabato 24 febbraio (arrivo in Italia domenica 25 febbraio)

Viaggiatori: Stefano 40, Cinzia 41, Marina 11 e Matteo 7

VOLO

Alitalia Genova-Roma-JFK a/r in economy prenotato a ottobre 2017 alla cifra di 1585 euro. All’andata abbiamo volato con un Airbus 330 (10 ore) un po’ datato e al ritorno abbiamo volato con Boing 777 (7,5 ore) decisamente più nuovo e confortevole. Tutto è andato liscio, non abbiamo avuto problemi: nonostante la coincidenza stretta tra i voli, i bagagli sono arrivati correttamente. Durante la ricerca del volo ho trovato offerte paragonabili di altre compagnie: di fronte a queste situazioni cerco di favorire la nostra compagnia di bandiera.

ALLOGGIO

Subito dopo aver prenotato il volo (ott 2017), ho cercato l'alloggio su booking.com: in passato ho prenotato qui più volte e mi sono sempre trovato bene. Le recensioni sono affidabili e i prezzi competitivi. Per questo viaggio ho trovato un monolocale in pieno centro Manhattan, sulla 31esima street (l'Empire State Bulding si trova sulla 34esima). Si chiama Studios Midtown Manhattan, appartamento n.437. Gli appartamenti (circa 6) che mette a disposizione si trovano in un palazzo datato di 8 piani. L'edificio ospita diversi altri studios per turisti di altre compagnie di cui non ricordo i nomi e appartamenti per residenti. Come ho scritto già nella recensione di booking.com, lo studios n.437 (e suppongo anche gli altri) è perfetto: ottima posizione, pulito, spazioso, arredato bene, stoviglie giuste, wifi, asciugacapelli, etc... Insomma, tutto perfetto. Questa sistemazione ha solo 2 difetti: 1) l'appartamento si trova al quarto piano di un palazzo di 8 e le finestre si affacciano in un cortile molto stretto. Questo comporta scarsa luminosità, di fatto bisogna sempre tenere la luce accesa. 2) l'edificio, avendo tanti appartamenti e le porte sottili, è un po’ rumoroso. Per 8 notti abbiamo speso in totale 1200 euro.

TRASFERIMENTO JFK-MANHATTAN E VICEVERSA

Abbiamo scelto la soluzione più economica: abbiamo preso l’AirTrain da JFK a Jamaica Station (5 dollari a/r) e poi la subway da Jamaica Station a Herald Square con un cambio (abbonamento 32 dollari a persona per 7 giorni). Dopo aver recuperato i bagagli, tra raggiungere la stazione del AirTrain, comprare i biglietti, capire come eravamo girati e tempo di viaggio, abbiamo impiegato circa 2 ore per arrivare a Herald Square Station. Leggendo qua e là ho capito che si può raggiungere il centro di Manhattan anche in taxi o con il treno (da Jamaica st. a Pensilvany st.): entrambe le soluzioni, oltre ad essere più costose, non garantiscono tempi molto più brevi. Sicuramente il taxi è più comodo: non vi dovrete trascinare i bagagli in giro per la metro.

SUBWAY

Come ho anticipato sopra, abbiamo fatto la MetroCard da 7 giorni. Anche se troppo tardi, abbiamo saputo che i bambini che riescono a passare sotto il tornello (quindi max 8/9 anni) viaggiano gratis ovviamente accompagnati dai genitori. Una corsa singola della subway costa 3 dollari. Vi suggerisco di scaricare una delle tante applicazioni per pianificare i viaggi: inserendo la stazione di partenza e di arrivo, l'applicazione calcola il miglior percorso, le linee, i tempi di percorrenza e i cambi.

NY PASS

Come consigliano in molti, prima di partire abbiamo fatto il NY Pass, cioè prima di partire abbiamo comprato su Internet un voucher per alcune attrazioni di NY

  • 19076 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social