New York: consigli pratici

Una serie di consigli per organizzare il viaggio nella Grande Mela

  • di luplay
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ero già stato per un solo giorno a New York e mi ero riproposto di tornare per poterla visitare con più attenzione. A mio parere, se programmate un viaggio di una settimana a New York sarebbe preferibile non abbinarci altre escursioni (due giorni alle cascate del Niagara, Washington o altro) in quanto sei/sette giorni sono il minimo per poter avere un’idea abbastanza esauriente della città.

COME ARRIVARE

Se possibile andrebbero evitati i periodi di ferragosto e capodanno, sicuramente quelli con i voli più cari dall’Italia.

Nel mio caso, potendo andare solo intorno a ferragosto, ho prenotato il volo alcuni mesi prima, ho fatto uno scalo a Londra ed ho accettato di partire da Linate tornando su Malpensa (a New York arrivo a JFK e partenza da Newark). Con queste condizioni sono riuscito a viaggiare, a cavallo di ferragosto, pagando il prezzo di 420 euro, andata e ritorno. I prezzi migliorano se si parte l’ultima settimana di agosto.

Volo da Milano a Londra con British e da Londra a New York con Virgin prenotato con Expedia (piccolo dettaglio ho dovuto fare una modifica ed al call center di Expedia ho trovato cortesia e professionalità estreme).

Altro piccolo dettaglio: nel volo di andata per New York mi ero portato il power bank per l’utilizzo dell’IPAD ed ho trovato sul sedile la presa USB per caricare gli apparati, al ritorno power bank in valigia e la presa sul sedile non caricava né IPHONE, né IPAD.

PRIMA DI PARTIRE: consigli pratici

Per preparare il viaggio alcuni consigli pratici di assoluta comodità.

· Scaricare la mappa off line di google di New York. La mappa rimane in memoria un mese e consente di individuare tutti i posti che volete (attrazioni turistiche, ristoranti, hotel, fermate della metro, negozi). Secondo me è indispensabile, molto più efficace di quella cartacea, funziona anche da navigatore, ma non a piedi. Comunque seguendo il pallino (della tua posizione) si riesce con semplicità ad arrivare in ogni posto. Una volta scaricata la mappa, per attivarla non dovete far altro che digitare il posto che cercate in modalità off-line ed al resto pensa a tutto google map (non serve pertanto cliccare sulle aree offline delle impostazioni perché non si ha nessun effetto). In sintesi, nella barra di ricerca mettete il luogo dove volete andare (come se foste connessi) e google map con immediatezza vi farà vedere il percorso e vi indicherà anche se ci sono altre opzioni nella zona (ad esempio se volete mangiare un hamburger potete inserire “SHAKE SHACK e nella mappa compariranno tutti i fast food della catena presenti nella zona).

· Cambio moneta. Cambiate pochi euro in Italia (3 o 400 dollari sono più che sufficienti), in quanto il contante a New York non serve. Non c’è un posto che non accetti carte di credito, basti pensare che si può pagare con la moneta elettronica anche la bibita che prendete dal distributore automatico. A parte la comodità di girare con pochi contanti, con la carta avrete un cambio più favorevole senza commissioni ed eviterete di accumulare un sacco di monetine (scomode nell’utilizzo). Forse come consiglio darei di portarsi più carte di credito in quanto può capitare che in alcune parti una di esse non funzioni (a me è capitato sul taxi). Io ho portato due carte di credito (oltre ai bancomat): la carta della banca e la Postepay e sono andato benissimo dappertutto. In linea di massima, contrariamente a ciò che accade in Europa, non verrà richiesto il PIN, ma verrà chiesta la sottoscrizione della ricevuta. La carta Maestro in molte parti non funziona

  • 29520 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social