Natale a New York

Immersi nell'atmosfera natalizia della Grande Mela

  • di Lau_J
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Abbiamo fatto questo viaggio per festeggiare il nostro primo anno di matrimonio… da sempre volevamo visitare NY nel periodo natalizio e quindi quale occasione migliore?

Ho prenotato il volo circa a metà ottobre, con Emirates, visto che abbiamo potuto scalare le miglia e che si tratta di un volo diretto da Malpensa: meno di 600 euro a testa, partenza il 3 e rientro il 9 dicembre. Visto i costi esagerati degli hotel, optiamo per il Comfort Inn Manhattan bridge al confine tra Little Italy e China Town… si rivelerà niente di eccezionale, ma pulito e caldo.

PRIMO GIORNO

Partiamo intorno alle 16 da Malpensa, volo ottimo e arriviamo a NY che sono circa le 19. Dopo aver passato i vari controlli e aver ritirato i bagagli, prendiamo un taxi e andiamo in hotel. Arriviamo che sono circa le 20.30-21 e, vista l’ora, decidiamo di fare un giro a Little Italy, Mulberry Street praticamente, perché non esiste quasi più. Ci immergiamo subito nell’atmosfera natalizia, molte luci e decorazioni e un negozio completamente dedicato agli addobbi natalizi… a prezzi molto alti. Torniamo in hotel stanchi del viaggio e ci prepariamo per il giorno dopo.

SECONDO GIORNO (4/12)

Ci svegliamo alle 6.00 causa jet lag, facciamo colazione in hotel e usciamo subito per andare in direzione Harlem, dove verso le 11 assisteremo alla messa Gospel. Visitiamo Saint John the Divine e il campus della Columbia University, l’Apollo Theather e camminiamo lungo Malcom X Street per poi arrivare alla Chiesa dove si terrà il gospel. È davvero molto coinvolgente e un’ora vola via in un attimo. Di ritorno ci fermiamo a pranzo nel quartiere Hell’s Kitchen. Il pomeriggio lo dedichiamo alla visita della west midtown: Intrepid Sea Museum (merita), Madison Square Garden, Penn Station,ecc.. Appena si fa buio, complice la pochissima coda, decidiamo di salire sull’Empire State Building: vista spettacolare di tute le luci di Manhattan. Per cena andiamo all’Hard Rock Cafè in Times Square. Km percorsi a piedi: 18

TERZO GIORNO (5/12)

Sveglia sempre presto, colazione e via verso Battery park per il giro a Liberty Island e Ellis Island. Noi abbiamo scelto di non salire al piedistallo della statua della libertà e nemmeno alla corona. Anche oggi siamo stati fortunati con il tempo, c’è il sole (e tanto freddo). Tornati sulla “terra ferma” decidiamo di visitare il quartiere finanziario (tutto a piedi) e capitiamo per pranzo in un locale messicano, dove mangiamo davvero benissimo. Vediamo Wall Street, foto di rito con il toro e poi ci dirigiamo al 9/11 Memorial… e qui l’atmosfera nonostante le centinaia di persone, il casino, la luci di Natale, l’atmosfera è sempre pesante, angosciante, come è giusto che sia con la tragedia che c’è stata. Risaliamo a piedi fino alla 5th e per la serata torniamo in Times Square e ceniamo da Bubba & Gump: avevamo già cenato in Florida in questo locale, ma qui i prezzi sono ancora più alti e le quantità davvero scarse. Facciamo un giro a Bryant Park, guardiamo la pista di pattinaggio e torniamo in hotel stanchi… anche oggi abbiamo percorso 23 km a piedi.

QUARTO GIORNO (6/12)

Questa mattina cerchiamo di salire sul Top of the Rock, al Rockfeller Center. Non abbiamo prenotato, ma siamo fortunati e saliamo direttamente alle 9.30. La vista da qui è molto bella, si vede proprio benissimo Central Park in tutta la sua vastità, e si vedono anche l’Empire e il Chrysler. Facciamo mille foto, nonostante l’aria gelida e siamo fortunati perché anche oggi c’è un bel sole. L’ultimo piano non ha barriere in vetro, quindi le foto vengono benissimo. Facciamo un breve giro al Rockfeller Center, usciamo a vedere lo spettacolare albero e ci incamminiamo sulla 5th verso Central Park. Entriamo a fare un giro anche all’hotel Plaza, quello di “Mamma ho riperso l’aereo”. Facciamo una lunghissima passeggiata a Central park, tra la pista di pattinaggio, Strawberry Fields, Alice in Wonderland, e arriviamo fino a metà, al laghetto. È incredibile quanto sia vasto, si macinano km senza accorgersene

  • 3863 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social