New England, viaggio tra oceano e foliage

Da Boston alle spiagge sull'oceano, alle montagne del Vermont passando attraverso i colori del foliage e l'atmosfera di Halloween

  • di Malella 1
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Sabato 3 ottobre - Milano/Boston

Finalmente è arrivato il fatidico giorno, era tanto che lo aspettavo. Su una rivista, probabilmente dalla parrucchiera, avevo visto tanti anni prima delle foto meravigliose del New England e mentre ancora mi stavo chiedendo dove diavolo si trovava questo posto, dentro di me avevo già deciso che prima o poi ci sarei venuta. Ed ora eccomi qui...

Partiamo in auto da Verona in direzione Linate, abbiamo un volo British Airways Linate - Londra alle 14.20 ed arrivati a Londra abbiamo poco più di 1 ora e mezza per prendere il volo per Boston. Con un po' di ansia per la ressa e il poco tempo a disposizione riusciamo ad arrivare al gate e ad affrontare la seconda tappa. Londra - Boston dura 7 ore, il volo e' abbastanza buono, i pasti discreti ma non funzionava bene l'entertainment e cosi' riusciamo a vedere solo metà film.

Arriviamo a Boston alle 19 ora locale, disbrigo formalità con Esta e quant'altro e pronti per ritirare l'auto noleggiata. Pronti... si fa per dire perché l'auto si ritira nel centro rental dove sono tutte le società di noleggio e si raggiunge attraverso un percorso di 10' di shuttle n. 33 che parte davanti all'aeroporto e vi accompagna gratuitamente.

Finalmente ritiriamo l'auto, una Kia Sorento, proviamo il navigatore che avevamo portato da casa dopo aver acquistato e scaricato la mappa degli USA (risparmiando rispetto al noleggio del navigatore qui - costo mappe 38 euro contro noleggio a 180 dollari per 10 gg) e ci indirizziamo stanchi morti verso il nostro albergo.

Fortunatamente l'albergo e' poco distante dall'aereoporto, ca. 15'. È' lo Hyatt Boston Harbor, un bell'albergo, molto silenzioso nonostante tutto, abbiamo una stanza spaziosa , letti comodissimi ed una vista su Boston fantastica. Unico neo il costo del parcheggio (48 dollari al giorno per un posto scoperto) ma non c'era alternativa. A questo aggiungi il costo del taxi per andare in centro (ca. 20 dollari a tratta) ma ci siamo resi conto subito che comunque parcheggiare a downtown sarebbe stato complicato e caro, meglio muoversi con il taxi. Ripensandoci si poteva arrivare con un taxi in albergo e poi ritirare la macchina il lunedì successivo, pazienza.....

Siamo cotti si va a nanna, da domani parte l'avventura americana.

Domenica 4 ottobre - Boston

Dopo una notte buona, nonostante il fuso orario, ci sentiamo rinfrancati e verso le 8.30 lasciamo l'hotel per visitare la città. Non abbiamo fatto colazione e la nostra ottima guida (Lonely Planet) ci consiglia la caffetteria Paramount a Beacon Hill. Sarà perché è domenica (capiremo la domenica successiva che qui e' usanza questo giorno fare colazione fuori casa) ma il posto è strapieno di gente, prima fai la coda e ordini, paghi e poi il cameriere ti trova un tavolo. Abbiamo mangiato in mezzo ad un discreto caos ma ne valeva la pena per l'esperienza unica. Mio marito ha preso french toast con pancetta ed io french toast con caramello e banana più due caffè; ottimo prezzo: 22 dollari in due.

Abbiamo un giorno intero per visitare la città e seguiamo il percorso classico che vuol dire Freedom Trail. Più volte durante il giorno torniamo a Beacon Hill, questo quartiere ci piace troppo e merita un buon numero di fotografie. Per pranzo ci fermiamo al Quincy Market, un mercato coperto pieno di venditori di street food, anche qui scegli, paghi e poi devi trovarti un posto dove sederti, se ce la fai... Per noi era impossibile, era domenica ed abbiamo dovuto mangiare in piedi ma il cibo meritava: una meravigliosa bread chowder (pagnotta scavata ripiena di una zuppa densa a base di panna arricchita con molluschi e pesce) e lobster roll (un panino caldo e croccante ripieno di aragosta a pezzi condita con poca maionese). Scopriremo che si potrebbe vivere di lobster roll e qui fortunatamente l'aragosta si mangia dappertutto a tutti i prezzi.

Nel pomeriggio, anche se stanchi, facciamo un giro per negozi, poi compriamo due sandwich e decidiamo di cenare in stanza seduti difronte ad una grande vetrata ed osservando Boston by night.

Alle 20.30 siamo già a letto, ma forse il fuso orario non è ancora stato smaltito del tutto... forse

  • 44317 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. hummin
    , 21/10/2015 09:58
    Meraviglioso, è in pratica il giro del mio viaggio di nozze appena concluso. Esperienza indimenticabile, complimenti per la scelta

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social