Napule è...

Weekend nella capitale del Sud

  • di ricc17
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Dopo aver trascorso tre giorni nella città di San Gennaro posso affermare, con assoluta certezza, che il vecchio detto “Napule tre cose tene e belle… o’ mare, o’ Vesuvio e 'e sfugliatelle” è decisamente riduttivo e non rende merito a questa straordinaria città.

Una città che, colpevolmente, ho evitato, snobbandola, per tanti anni preferendole altre mete (principalmente estere) sicuramente interessanti ma prive del fascino, della ricchezza artistico-culturale e del calore (o, se preferite, colore) umano che caratterizzano Napoli.

“Napule è”, la canzone forse più famosa dell’indimenticabile Pino Daniele, racchiude l’essenza vera della città: colori, paure, schiamazzi, indifferenza, sole, mare, tutto questo troverete in ogni angolo di Napoli. Vi basterà fare le cose più semplici come passeggiare per gli stretti vicoli del centro storico, sedervi in un bar per gustare il famoso caffè napoletano o una sfogliatella calda, contrattare sull’acquisto di qualche souvenir presso una bancarella e vi sembrerà di sentire in sottofondo Pino Daniele che canta la sua Napoli “Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce de' criature che saglie chiane chiane… E tu sai ca nun si sule”.

La città fu fondata nell’VIII secolo a.c. dai Cumani e chiamata Parthenope; secondo la leggenda la sirena Parthenope e le sue sorelle, per l'insensibilità mostrata da Ulisse alla magia del loro canto, morirono suicide gettandosi in mare ed i loro corpi furono spinti dalle correnti in vari luoghi: quello di Parthenope giunse nel luogo dove oggi sorge Castel dell’Ovo. È stata una delle principali città della Magna Grecia, importante porto strategico e commerciale in epoca romana fino a diventare, alla fine del 1200, capitale del Regno di Napoli sotto il dominio degli Angioini. Ma è stato soprattutto in epoca borbonica che Napoli ha vissuto il suo massimo splendore divenendo a tutti gli effetti una delle grandi capitali europee.

Il nostro viaggio ha avuto inizio un sabato mattina, treno alta velocità da Roma Termini e arrivo in un’ora a Napoli Centrale. Breve sosta al Punto Informazioni Turistiche dove ci forniscono la pianta della città e ci danno le indicazioni per raggiungere a piedi – circa 30 minuti – il nostro B6B situato in Piazza San Gaetano (all’inizio di Via San Gregorio Armeno che tutti conoscono).

Dopo una brevissima sosta in albergo partiamo alla scoperta di Napoli seguendo un programma che avevamo preparato a tavolino e che ci porterà a visitare i principali luoghi di interesse. Il rientro è per lunedì pomeriggio, direzione Roma, dove torneremo con un bagaglio di conoscenza importante e la consapevolezza che in Italia c’è così tanto da fare e vedere che neanche ce ne rendiamo conto.

Durata e spesa: 3 giorni (2 notti), € 160 tra B6B (100) e treno (60).

Periodo e clima: 17-19 giugno, caldo ma sopportabile.

Viaggio: treno alta velocità Italo, puntuale.

Hotel: B&B San Gaetano, situato nell’omonima piazza, all’inizio di Via San Gregorio Armeno; posizione strategica, camera ampia, pulizia più che soddisfacente, arredi semplici ma confortevoli, buona insonorizzazione, un grazie di cuore al gestore Valerio molto simpatico e affabile.

Mangiare: ovunque buono ed economico, dallo street food (provate assolutamente “o cuoppo”, cartoccio con fritti vari), al ristorante di pesce, all’immancabile pizza. Porzioni generose!

Trasporti pubblici: ne abbiamo usufruito poco (una volta il bus e 2 volte la metro), direi che è andata piuttosto bene, buon servizio al prezzo di € 1,10 a corsa

  • 3760 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social