Cinquanta sfumature di deserto

Viaggio alla scoperta della Namibia in self drive

  • di ollygio
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

CINQUANTA SFUMATURE DI DESERTO

Quest’anno il mal d’Africa ha preso il sopravvento. Sono anni che eludiamo questo splendido paese dalle nostre rotte di viaggio, un po’perché è sempre un po’instabile politicamente, un po’perché, malgrado sia la terra più povera del pianeta, è una delle destinazioni più dispendiose. La nostra prima scelta è stata la Tanzania con i suoi immensi parchi, paradiso di ogni tipo di animale esotico ma, dopo aver chiesto vari preventivi alle agenzie locali trovate su internet abbiamo dovuto cambiare destinazione, un safari nei maggiori parchi del paese della durata di 16/17 giorni superava i 3500 € pro capite, senza il volo internazionale, decisamente troppo caro per le nostre attuali finanze! Abbiamo ripiegato quindi sulla Namibia, destinazione ugualmente cara, ma qui, a differenza della Tanzania, è possibile viaggiare con un fly and drive, cioè guidando noi stessi un’auto per le strade del paese , abbattendo notevolmente i costi. Subito eravamo un po’ timorosi nello scegliere questa tipologia di viaggio, essendo la prima volta da soli alla guida di un’auto in un paese straniero poi siamo stati rassicurati da alcuni conoscenti che hanno viaggiato così e che ci hanno detto essere un modo facile e sicuro, così abbiamo accettato la sfida ed abbiamo cominciato a consultare varie agenzie di viaggio. Esistono molte agenzie gestite da italiani che vivono in Namibia almeno buona parte dell’anno e, vista la nostra sommaria conoscenza dell’inglese, è sicuramente stato più facile consultarle. Abbiamo scelto HB Safaris, di Emiliano e Stefania che ci ha fatto il preventivo più economico, il tragitto più completo ed è sempre stata veloce e precisa nel rispondere ad ogni nostra richiesta o dubbio, una scelta davvero azzeccata e consigliatissima. Giusto per dare un’indicazione a chi legge della spesa complessiva del nostro viaggio, abbiamo pagato attorno a 1650 € pro capite il pacchetto all’agenzia, comprendente il noleggio dell’auto, 17 notti con prima colazione e 12 cene; abbiamo optato per alcune attività facoltative (mini safari con aperitivo nel deserto del Kalahari, mini crociera a Walvis Bay, escursione sulle dune a Sandwich Harbur , escursione alla ricerca degli elefanti di montagna nel Damaraland, visita al villaggio Himba) il tutto per 480 € , l’entrata ai vari parchi non supera i 50 € ,380 euro circa di carburante e 600 € di volo aereo internazionale con Ethiopin Airlines. Si cena normalmente con 15 / 18 euro bevendo vino del Sud Africa, ottimo e a prezzi modici; la volta che abbiamo decisamente esagerato, in un locale elegantissimo di Swakopmund, mangiando ostriche e bevendo ben 2 bottiglie di vino abbiamo speso 25 € a testa.

Viaggiare in autonomia è veramente facile in Namibia, le strade sono così poche che è veramente impossibile perdersi, inoltre Stefania ci ha preparato una cartina con il nostro tragitto segnato e un libretto con tutte le indicazioni sulle strade da prendere… l’unico neo che viene penalizzato un po’l’aspetto umano del viaggio, in quanto eravamo sempre noi 4 e negli hotel ci trovavamo attorniati solo da turisti.

La Namibia ci è entrata nel cuore come uno dei viaggi più belli fatti fin’ora… i colori di questi infiniti deserti che variano dal rosa, al rosso ,al giallo, al bianco, al grigio, al color cioccolato, al verde argento; questi spazi infiniti in cui guidi per ore senza incontrare nessun’altro mezzo tanto da farti credere di essere gli unici padroni dell’universo , un universo solo popolato da animali a noi non famigliari , orici dalle lunghe corna, zebre, sciacalli, giraffe, sprinbox che ti attraversano all’improvviso le lunghissime, polverose, strade bianche o che osservano il nostro passaggio indisturbati sul ciglio. L’immensità dell’oceano Atlantico con le foche che si tuffano riaffiorando tra i flotti che sembrano salutare con le pinne… Le città con architetture bavaresi, che conservano l’ordine e il rigore acquisiti durante il colonialismo tedesco , un’anacronismo in confronto a tutte le altre caoticissime, poco pulite città africane. La fauna nel parco Etosha, animali così vicini da poterli guardare negli occhi e che se avessimo allungato una mano fuori dal finestrino dell’auto avremmo potuto accarezzare ; così numerosi da nascondere le pozze d’acqua a cui si appropinquano per abbeverarsi. Una leonessa che caccia, si riposa , va a bere , richiama il branco e li conduce verso il “fiero pasto“, così vicina da guardarla nei suoi occhi gialli. I graffiti lasciati sulle rocce rugginose da antichi uomini vissuti qui migliaia e migliaia di anni fa. Gli Himba popolazione del nord del paese le cui donne si dipingono il corpo con una miscela di burro ed ocra e incuranti delle modernità , continuano ad indossare gli abiti tradizionali anche quando vanno in città; un popolo che ci ha accolto benevolmente nel loro villaggio fatto di capanne, dove si dorme a terra e , non c ‘è acqua corrente, né servizi igienici, né elettricità, ma i bambini , per una caramella ti regalano un sorriso che illumina il cielo… Il colore del cielo che si infuoca al tramonto assumendo sfumature infinite di rosso, rosa ed arancio, una magia che si ripete ogni sera, sempre nuova, sempre diversa. Il cielo più nero mai visto ma con le stelle più luminose che sembra basti allungare una mano per afferrarle. Le ostriche più dolci e succose mai assaggiate… già questo varrebbe il viaggio. Ripensando alle emozioni provate, il mal d’Africa ti assale

  • 3815 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social