Incredibile Namibia in 4X4, 100% fai-da-te

Visto che ci sono parecchi racconti su viaggi di diverso tipo in Namibia, mi limiterò a evidenziare gli aspetti secondo me veramente interessanti e le informazioni utili che difficilmente potrete leggere altrove. Per qualunque informazione non esitate a contattarmi personalmente, ...

  • di fabio.tosetti
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Visto che ci sono parecchi racconti su viaggi di diverso tipo in Namibia, mi limiterò a evidenziare gli aspetti secondo me veramente interessanti e le informazioni utili che difficilmente potrete leggere altrove. Per qualunque informazione non esitate a contattarmi personalmente, ho montagne di materiale: in un viaggio del genere NIENTE (o quasi!) va lasciato al caso! Conmsiderate anche che guide come la Lonely Planet (che io avevo letto accuratamente) sono utili solo in parte, giusto all'inizio del planning per rendersi conto degli aspetti generali: mancano purtroppo info fondamentali per un viaggio fai-da-te in 4x4 come il nostro! --- PREMESSA --- Era la nostra prima volta alla guida di un 4X4, e quindi la nostra prima esperienza di guida off-road, ovvero strade impervie (a volte mulattiere vere e proprie!), trazione integrale, marce ridotte e blocco differenziale. Dobbiamo confessare che alcuni passaggi sono stati veramente da BRIVIDO, e pertanto li sconsigliamo (sono riportati MOLTO ESPLICITAMENTE più avanti), perchè il rischio di spaccare il veicolo è veramente molto elevato. Ed in tal caso la vostra vacanza finisce lì. Noi possiamo dire di essere stati fortunati, perchè a parte una foratura che proprio mi sono cercato non abbiamo avuto nessun problema meccanico.

Notate che alcune volte scriverò che il tratto era "difficile" o "impegnativo": ovviamente questo è in parte soggettivo, ma in ogni caso intendo dire che con la dovuta attenzione può essere guidato senza eccessivi rischi anche dai neofiti (come noi!).

Una grossa sicurezza è senza dubbio data dalla presenza di un secondo veicolo con voi; noi abbiamo avuto un compagno solo per 4 giorni, e fortunatamente in uno dei passaggi più difficili: ovvero, senza usare il blocco differenziale non ne saremmo usciti! --- ITINERARIO --- Ci siamo concentrati su Damaraland e Kaokoveld, aggiunendo il Namib all'inizio e Etosha alla fine. Più avanti i posti "da non perdere".

Abbiamo pernottato sempre una sola notte, tranne dove diversamente specificato. Il totale guidato è stato di 4500 Km circa, di cui 3700 sterrato, 800 asfaltato.

Le tappe: 1. Windhoek (Daen Viljoen Game Park) 2. Sesriem 3. Swakopmund (2 notti) 4. Ugab River Camp 5. Xaragu Camp 6. Palmwag Lodge camp 7. Opuwo 8. Epupa Falls 9. Opuwo 10. Otjinhungwa (Marienfluss) 11. Purros (2 notti) 12. Sesfontein 13. Otjitatongwe Cheetah camp (2 notti) 14. Etosha - Namutoni 15. Etosha - Okaukuejo (2 notti) 16. Windhoek (2 notti) Posso dire che avendo a disposizione due sole settimane potete rientrare a Windhoek dopo la tappa 12 e non avrete nessun rimpianto per quello che perderete ad Etosha (ci sono tantissimi animali, ma vederli in posti come il Kaokoveld ed il Damarand è tutta un'altra cosa, ve l'assicuro!). Magari invece fate una notte di camping libero tra Opuwo e Otjinhungwa (sono 13 ore di guida!), e magari anche tra Otjinhungwa e Puros (11 ore di guida).

Aggiungo anche che l'itinerario non è stato casuale, ma ha una sua logica ben studiata: oltre ad ottimizzare tempi e distanze percorse, vi consente di prender confidenza col mezzo prima di affrontare strade impegnative.

--- TIPO DI VIAGGIO --- Volo, 4X4 a noleggio (con tenda sul tetto) e prenotazioni essenziali.

Consiglio vivamente un'esperienza 100% fai-da-te come la nostra, magari prestando attenzione ad alcuni suggerimenti ESSENZIALI che riporterò di seguito.

South African Airways (www.Flysaa.Com) offre ottime tariffe per Windhoek via Monaco/Francoforte e Johannesburg: 1003 euro a testa per noi da Firenze

  • 22821 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. iladm
    , 14/5/2010 13:48
    Bellissimo racconto e stupende le foto. Io sto organizzando per agosto... vedremo. Per raggiungere la zona di Marienfluss bisogna per forza fare quelle piste o ce ne sono di più semplice in alternativa?

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social