Namibia on the road

NAMIBIA ON THE ROAD Se vi piacciono i panorami naturali, i paesaggi sconfinati e selvaggi, gli animali selvatici, se non vi spaventano molte ore di macchina su strade sterrate (anche se ottimamente tenute) senza incontrare anima viva per centinaia di ...

  • di Martoccia
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

NAMIBIA ON THE ROAD Se vi piacciono i panorami naturali, i paesaggi sconfinati e selvaggi, gli animali selvatici, se non vi spaventano molte ore di macchina su strade sterrate (anche se ottimamente tenute) senza incontrare anima viva per centinaia di chilometri... allora la Namibia fa per voi! E’ un viaggio un po’ costoso, a meno che non si sia in 4 a dividere il costo di auto e benzina, però sia per la situazione sanitaria che per il livello dei servizi è assolutamente adatto a tutti, anche a persone di una certa età e a famiglie con bambini (sempre che non soffrano la macchina!).

Non mi dilungo a descrivere la bellezza dei luoghi e le emozioni, che in quanto personali forse interessano pozo, ma vi do qualche informazione pratica che per esperienza può essere utile, oltre ad inserirvi il nostro itinerario come riferimento.

INFORMAZIONI VARIE 1- VOLO E MACCHINA Noi non abbiamo trovato a tariffe decenti un volo per la Namibia (periodo critico di agosto), pur avendo cercato di prenotare con 4-5 mesi di anticipo.

Abbiamo quindi optato per un volo con la KLM su Capetown e l’affitto della macchina da lì.

Consiglio fortemente a chiunque questa scelta. E’ vero che si fanno un bel po’ di km in più (comunque su strada ottima, asfaltata e quasi deserta), ma si hanno una serie di vantaggi, tra cui vedere Capetown che è una città stupenda, passare dalla regione nord-occidentale del Sudafrica (Namaqualand) che in questo periodo (per loro inizio primavera) è completamente fiorita quindi splendida, e risparmiare un bel po’ (sul volo ma soprattutto sull’affitto della macchina, che in SudAfrica costa quasi la metà rispetto che in Namibia!).

Quindi, se avete abbastanza tempo (noi abbiamo fatto tutto in 3 settimane senza correre troppo), ve lo consigliamo davvero.

Altro dubbio che ci ha assillato prima di partire: “Macchina normale o fuoristrada?”. Le strade in Namibia sono quasi tutte sterrate ma ottimamente tenute, quindi se volete fare un giro classico va benissimo anche un’auto normale.

Detto questo, secondo me la 4x4 da comunque più sicurezza (noi, non so se per fortuna o se per perizia del guidatore, non abbiamo neanche mai forato con la nostra Nissan XTrail), e permette qualche deviazione su strade molto minori dove invece il fuoristrada è proprio necessario (es. Un paio di villaggetti himba molto fuori dalla strada principale nella zona delle Epupa e verso Ruacana, oppure la deviazione che abbiamo fatto dalla Skeleton Coast per l’Ugab River ed il suo campeggio gestito dalla Save the Rhino Trust, tragitto splendido ma con un ultimo tratto terrificante, da fare a 10 km/h!). Se invece vi attenete ai percorsi più tradizionali (Epupa Falls comprese), anche un’auto normale, almeno in questa stagione secca, va bene. Per quanto riguarda la patente internazionale, a noi l’agenzia presso cui abbiamo noleggiato l’auto ci ha detto che non serviva ed in effetti né alla frontiera Sud Africa-Namibia né la volta che ci hanno fermato per controlli hanno obiettato nulla alla nostra patente italiana.

2- CAMPEGGI I campeggi sono generalmente molto ben tenuti, con ampie piazzole e non affollati.

Dal nostro punto di vista non dà particolare valore aggiunto prendere l’auto con la tenda sul tetto. E’ sicuramente molto pittoresca, ma costa molto di più e ha la scomodità che se state nello stesso posto più notti dovete comunque “smontarla” per poter usare l’auto (e quando lo fate all’alba e fa freddo non è piacevolissimo). Una tenda normale va benissimo. Molto spesso anche dormendo in campeggio avete la possibilità di cenare al ristorante di qualche lodge, ma qualche volta c’è solo il campeggio, almeno che non vogliate fare qualche centinaio di km alla ricerca di un ristorante (!). Quindi conviene tenere sempre qualche scorta in macchina, di roba da cucinare o da mangiare alla bell’e meglio tipo picnic. Noi non eravamo attrezzati per cucinare e dunque quando ci è capitato abbiamo fatto ricche cene a base di tonno, crackers, mais in scatola e cose di questo genere. Se siete attrezzati con fornelletti e pentolini meglio ancora

  • 4448 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social