Il Paese dei Flintstone

Il viaggio è stato programmato ed organizzato con le informazioni attinte da Turisti per Caso e, in misura minore, dalla Lonely Planet che, pur svolgendo egregiamente il suo compito, pare tradotta male dall'inglese con alcuni periodi assolutamente incomprensibili come costruzione ...

  • di Paolo Vittori
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Il viaggio è stato programmato ed organizzato con le informazioni attinte da Turisti per Caso e, in misura minore, dalla Lonely Planet che, pur svolgendo egregiamente il suo compito, pare tradotta male dall'inglese con alcuni periodi assolutamente incomprensibili come costruzione della frase. Caso” e Consultati, ovviamente, anche i siti delle località che si andranno a visitare.

Si è cercato di non ripetere nel racconto, descrizioni ed informazioni reperibili sulla guida ma di riportare, piuttosto, impressioni e notizie pratiche di cui si possa aver bisogno durante il viaggio, e per vari motivi non idonee ad essere riportate su una guida.

Organizzazione viaggio Come al solito abbiamo visitato il paese in macchina, ma non essendo possibile la guida per gli occidentali, dopo aver organizzato da noi l'itinerario abbiamo cercato un autista. L'autista avrebbe dovuto stare con noi per 12 giorni, su 17 gg effettivi. A questo scopo abbiamo interpellato diverse agenzie (prese dal sito Turisti per caso), tutte le agenzie hanno subito inviato il preventivo, suggerendo alcune modifiche di ordine pratico al programma (non possibilità di toccare le destinazioni che noi avevamo previsto in un solo giorno), che è stato di conseguenza modificato. Contemporaneamente, alle stesse compagnie è stato richiesto anche un preventivo per alberghi e voli interni, ed in questo caso le tariffe di alberghi ed aerei sono state pressoché uguali. Autista: Gli autisti diranno sempre qualche ora in più rispetto al tempo che effettivamente si impiegherà per giungere in una data località, in modo che i turisti siano contenti e non delusi dalle aspettative.

Il prezzo non dipende dai giorni occupati, il lavoro umano non costa nulla, ma dipende dalle distanze da coprire perchè la benzina è molto cara per loro. Hanno a disposizione, nei distributori statali, 2 galloni di benzina al giorno ma non so se gallone americano (gal US= 3.6 L) o inglese (Gal Imp= 4.5 L), comunque facendo una media si ha 1gal=4 L, (circa 240 L al mese) e che costa 1500 K/gallone (I K sono Kiats, l'unità monetaria Birmana). Consumata questa quantità, che annotano su un libretto timbrato e che devono via via mostrare al distributore, possono acquistare la benzina al mercato nero che è tollerato: si vedono i banchetti sul ciglio della strada. Al mercato nero la benzina costa 4000 K/gallone equivalente a 0.6€/L (0.8$/L; 1$=1250K), cioè circa 1190Lit/L, che è un prezzo enorme per loro: un impiegato Birmano medio prende 8€/mese (10$), se li prende, e quindi per un pieno (50 l) spenderebbe 30€...!!! Per i giorni iniziali abbiamo avuto diversi autisticome autista M. E poi per la gran parte del tempo C. Quest'ultimo non ci ha fatto da guida turistica, ma è un grande conoscitore dei posti, della storia e della condizione del suo paese. Culturalmente elevato, intelligente, svelto, premuroso, prodigo di consigli è stato una fonte preziosa di informazioni (ma abbiamo sempre evitato di parlare apertamente di politica come consigliato da più parti), che non saremo mai venuti a sapere facendo parte di un gruppo organizzato con guida al seguito. Eccone alcune: il paese è povero di petrolio ma ricco di gas ed il governo sta studiando un progetto per disseminare il paese di stazioni di servizio a gas piuttosto che a benzina, in modo di evitare di importarla dall'estero. Tale progetto è preliminare all'importazione di macchine a metano che non hanno molta autonomia.

Ci sono 3 classi, quella delle tribù che sono analfabeti e vivono allo stato tribale e primitivo, poi una classe media, composta da giovani che parlano bene l'inglese, con maniere occidentali ed aperte all'innovazione e ed è quella su cui si basa il turismo e la classe dei militari e dei politici che sovrintende tutto. Importano petrolio e cose elettroniche dalla Tailandia e Cina, esportano riso, grano e pietre preziose, giada, zaffiri e metano. Ko ci spiega che loro pagano 2500 $ una card speciale con cui possono telefonare anche all'estero perchè non esiste altra scheda, per telefonare solo all'interno per cui o comprano quella oppure nulla. Fra 2 anni il governo ha promesso di standardizzare i cellulari per cui sarà possibile anche per i turisti che vengono nel paese telefonare e ricevere. È stato un rapporto molto professionale perchè Ko è molto riservato e discreto e parlava solo quando interrogato o per segnalare qualcosa di interessante. Non bisogna chiedere agli autisti di fare le compere per noi, pensando di spendere meno, perchè li esponiamo così alle critiche dei commercianti, che ci vedono come fonte di quattrini e con i quali loro bene o male interagiscono durante il loro lavoro. Gli chiedevamo solo una stima delle cose che volevamo comprare e poi contrattavamo da soli. Abbiamo lasciato il 10% di mancia agli autisti (se lo aspettano..!!) e comunque se lo sono meritata: 10$ a Min Ko e 50$ a Chan, in proporzione ai giorni che sono stati con noi

  • 2566 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social