In moto nel cuore dell'Europa

Tranquillo viaggio dall'Italia ad Amsterdam e ritorno attraverso Francia e Germania

  • di lucia59
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Quest’anno vogliamo tornare a viaggiare in moto nella vecchia Europa, e per il mese di luglio abbiamo deciso di arrivare fino ad Amsterdam, ritornando poi tranquillamente verso l’Italia fermandoci in varie località fra Germania e Francia.

1 luglio

Partenza da Bologna alle 8 del mattino, dirigendoci in autostrada verso Modena e l’autostrada del Brennero. Avevamo un po’ di timore ci fosse molta confusione, in quanto era il giorno del grande concerto di Vasco, ma in effetti il traffico era scorrevole. Arrivati senza problemi al confine, una volta superata Innsbruck, abbiamo deviato verso occidente in direzione Garmish, uscendo dall’autostrada. Arrivati nella cittadina, ci siamo fermati a mangiare qualcosa (due ricche insalate con bevande presso la Pizzeria Renzo € 31,80) e poi abbiamo proseguito in autostrada, fermandoci per la notte a Ulm, presso il locale Ibis Budget (€ 92 con colazione più € 6 mi pare per il parcheggio). Usciti dall’albergo per andare a cena, in effetti non abbiamo trovato nulla di interessante, e ci siamo limitati ad un’insalata in un Mc Donald. Abbiamo girato in centro, arrivando fino alla cattedrale (Munster), che vanta il campanile più alto del mondo (mt. 161,50), peccato che sia circondato da edifici moderni, ma questo immagino sia il risultato dei bombardamenti della seconda guerra mondiale.

2 luglio

Giornata di trasferimento, da Ulm al confine olandese. Ci siamo fermati per la notte in un bell’albergo sito nei pressi dell’autostrada (Parkhotel Horst € 105,50 camera con colazione, ottima cena € 61,85 in due)

3 – 4 5 luglio

Manca solo poco più di un centinaio di km ad Amsterdam, con molta calma partiamo dopo una buona colazione, e in tarda mattinata arriviamo davanti l’hotel prenotato, l’unico della vacanza. Sull’Apollo Hotel ho letto recensioni varie, in maggioranza positive però; io posso aggiungere il mio giudizio favorevole, con un paio di limitazioni: la colazione, che viene fatta pagare € 22,50 a testa al giorno, e il parcheggio € 35,00 per le auto. Noi abbiamo rimediato preparandoci il caffè col bollitore presente in camera e mangiando dei biscotti in camera, mentre per il parcheggio… abbiamo lasciato la moto in strada, accanto ad una rastrelliera per le biciclette. Così facendo, abbiamo pagato circa €100 al giorno la camera, il che non è moltissimo considerando che l’hotel è un 4 stelle. Altro vantaggio di questo albergo è che è abbastanza vicino alla fermata dei tram da/per il centro (10 minuti di camminata). Abbiamo girato la città a piedi, e per due volte abbiamo navigato lungo i canali della città, la prima volta su una piccola barca condotta direttamente dalla guida, noi due più altri 3 passeggeri (Grayline Mobiel € 39 due biglietti); questo ci ha consentito di procedere anche attraverso piccoli canali normalmente non affrontabili da imbarcazioni più grandi. La seconda volta invece abbiamo preso una barca molto più grande, a occhio con una cinquantina di passeggeri, tutta chiusa e quindi con un effetto serra notevole (€ 22 due biglietti, ma non ci è piaciuto molto). Si, perché dal punto di vista climatico abbiamo sofferto tre giorni di caldo umido abbastanza fastidioso, non certo come in Italia, ma comunque attorno ai 33-34 gradi di massima. Ad Amsterdam c’ero già stata circa 12 anni fa (mio marito l’ha vista solo di passaggio tempo fa), e l’ho trovata come allora interessante e stimolante, con una popolazione multirazziale e giovane (in gran parte). Non siamo stati in nessuno dei musei della città, nemmeno il Van Gogh per il quale non avevamo acquistato on line i biglietti. A zonzo per la città, cercando di non essere investiti dalle biciclette, ci siamo accorti che sulle piste ciclabili giravano anche, senza utilizzo del casco, i conduttori dei ciclomotori. All’inizio pensavamo fossero “portoghesi”, poi ci siamo resi conto che la cosa era perfettamente lecita

  • 916 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social