In Svizzera per mercatini

A Montreux e dintorni per visitare mercati natalizi e castelli

  • di danidisa
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 

"We all came out to Montreux On the Lake Geneva shoreline" (Smoke on the water - Deep Purple) Tutti gli anni, a dicembre, visitiamo sempre i mercatini natalizi, solitamente sempre in Germania. Quest’anno, tanto per cambiare, abbiamo deciso...

8 DICEMBRE 2016: MONTREUX

Partiamo da Varese intorno alle 7.30. Viaggio tranquillo. Anche al passo del Sempione tutto bene. Le strade sono libere e pulite. La neve è solo sui campi a bordo strada e sulle montagne che ci circondano. Bellissimo paesaggio anche se con salite, discese e qualche tornante.

Tutto fila liscio fino a pochi Km. da Montreux. Qui troviamo una sequenza d’incidenti, uno dietro l’altro ma a qualche km. di distanza e con code continue. Boh. Anche alle porte di Montreux c’è traffico e fila di auto per raggiungere il centro città. Montreux è una città molto trafficata. Con i mercatini natalizi è proprio delirio. Gli uomini della protezione civile, sparsi un po’ dovunque, non fanno altro che creare caos, anziché risolvere i problemi di traffico. Dato che abbiamo una prenotazione per un hotel centrale, ci fanno passare. L’hotel Parc e Lac è centralissimo, sulla via principale della città e proprio al centro del mercatino. Abbiamo Stand a destra, a sinistra e proprio davanti all’albergo.

Proprio per questo motivo non ci si può nemmeno fermare più di tanto per scaricare i bagagli davanti all’hotel vista la presenza degli stand ma lo facciamo lo stesso. Purtroppo l’hotel non ha né parcheggio proprio, né convenzione con i parcheggi a pagamento vicini. Comunque, per colpo di fortuna, troviamo un parcheggio a qualche centinaio di metri di distanza. L’hotel, costosissimo anche se tra i più economici a Montreux, non è un gran che: 3 stelle ma 2 bastano e avanzano. Ma la posizione è proprio ideale. La camera fino alle 14 non è pronta, così lasciamo le valigie nell’esiguo spazio della reception ed andiamo ai mercatini a comprare qualcosa per pranzo. Troviamo in uno stand dei panini con dei grossi wurstel e poi dei buonissimi churros (frittelle di forma allungata). Poi facciamo un giro tra gli stand posizionati sul lungo lago. Ambientazione molto bella, casettine-stand discretamente decorate ed articoli non originalissimi, con un pessimo rapporto qualità/prezzo. Ma i mercatini tedeschi ai quali siamo abituati sono un’altra cosa. Manca appunto l’atmosfera. Sarà perché Montreux, a parte il lago ed il castello, non è una città bellissima. E’ una città moderna e trafficata e noi preferiamo i borghi caratteristici con graziosi centri storici.

Raggiungiamo la piazzetta sul lago con la statua di Freddy Mercury e facciamo alcune foto. Io personalmente no, perché a me i Queen non piacciono proprio, al contrario di mio marito e mia figlia che apprezzano. Ci fosse stata una statua di Ligabue, mi sarei piazzata lì in pianta stabile.

Comunque, la ragione della presenza della statua è dovuta al fatto che Freddie Mercury si stabilì a Montreux per la tranquillità della cittadina. Divenne proprietario di uno studio di registrazione in cui realizzò il suo ultimo album con il gruppo dei Queen: "Made in Heaven".

Notiamo poi una slitta di Babbo Natale con Babbo vero che vola proprio in cielo, sopra il lago e il mercatino, attraverso un sistema di cavi sospesi in alto

  • 523 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social