Attraverso i balcani - estate 2007

Kotor (Cattaro)- Montenegro Prizern, Dejani, Pristina- Kosovo Skopj, Okrid-Macedonia Salonicco-Grecia Sofia,Plovdiv-Bulgaria Istanbul-Turchia Il seguente diario si riferisce al viaggio Kotor (Cattaro)- Istanbul, iniziato il 7-7-2007 dal porto di Bari e conclusosi a Istanbul il 21-7-2007. Ho fatto il viaggio in ...

  • di nello.all
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Kotor (Cattaro)- Montenegro Prizern, Dejani, Pristina- Kosovo Skopj, Okrid-Macedonia Salonicco-Grecia Sofia,Plovdiv-Bulgaria Istanbul-Turchia Il seguente diario si riferisce al viaggio Kotor (Cattaro)- Istanbul, iniziato il 7-7-2007 dal porto di Bari e conclusosi a Istanbul il 21-7-2007. Ho fatto il viaggio in compagnia del mio caro amico portoghese Vasco. L’idea alla base del viaggio: quella di attraversare i Balcani utilizzando mezzi pubblici, viaggiare/pernottare low budget, cercare contatto con le persone del posto, provare a capire le diffeenti culture e i loro rapporti, fare fotografie, seguire le vibrazioni della musica. 1 Bari- Kotor (Cattaro) Dopo aver lasciato una Bari caldissima e ‘africana’, mi sono imbarcato per Kotor sulla Azzurra Line per Kotor in Montenegro dove un giorno piu’ tardi mi raggiungera’ Vasco in arrivo da Dubrovnik. Ho cenato in nave, non male. La ragazza bosniaca alla reception, gentile come tutto il personale, mi dice che suoneranno dopo due gorni i Rolling Stones sulla spiaggia di Budva, e la cosa me la segno subito! Per dormire, dal momento che le sedie sono scomode e l’aria condizionata e’ letale, ho fatto un up-grade, senza spendere molto (se ricordo bene nell’ordine delle 12/15 euro), per avere un letto in cabina. Alle 4 e mezza ho avuto bisogno di un dottore perche’ un graffio che avevo al dito ha iniziato a fare infezione. L’ho dovuto svegliare e senza problemi ha preso il tempo per medicarmi. Sono rimasto poi sveglio e l’arrivo alla baia di Kotor non mi e’ parso cosi’ sconvolgente come mi avevano fatto credere. Forse puo’ dare qualche emozione (tutta geografica..) sapere che entrando nella baia si costeggia a sinistra la punta piu’ meridionale della Croazia.. Ci si addentra comunque tra montagne piuttosto alte. Sento dire a dei turisti italiani, passando a fianco a due isolotti, che uno di questi e’ artificiale, costruito per devozione non so piu’ a quale santo, e durante una festa del luogo viene letteralemente preso ‘a sassate’ per ricordare la sua formazione. Gli isolotti sono di fronte alla bella cittadina di Perac (?).

Kotor e’ magnifica, nella sua pietra bianca e la sua posizione adagiata sulla collina, circondata da insolite mura che scendono a valle creando un disegno inconfondibile, soprattutto di notte. Tutta chiusa al traffico la citta’ e’, credo, patrimonio dell’Unesco. La gente e’ socievole e prende tempo per darti informazioni. Difficile e’ stato pero’trovare una camera. Alla fine ci son riuscito ma non tramite le tre agenzie di viaggio che si trovano intorno alla piazza (una era sempre chiusa e gli orari di apertura sono intervallati da lunghe pause nell’ora di solleone). Il punto per le informazioni non e’ ufficiale ma anche li’ la gente e’ disponibile. Grazie ad un passaparola ho trovato una stanza (15euro a notte perche’ ci sto due notti) dal signor Luca, vecchietto sorridente alto e snello che mi ha aperto (wow!) la porta in calzoncini del Napoli (e’ tifosissimo!). Il signor Luca ha due figli ufficiali di marina imbarcati di cui mi mostra le foto. Non essendoci loro, due stanze sono libere. Sua moglie e’ a Belgrado per una operazione, qualcosa di serio per quanto capisco. Lui la raggiungera di li’ a qualche giorno. Globalmente i prezzi sono piu’ che abordabili, solo bisogna (come in Italia) stare attenti a ordinare seduto in piazza (6 euro un long drink).

Mangio ad un ristorante che mi segnala Luca, un po’ fuori mano sulla litoranea verso Dubrovnik, si trova dopo san Mattia: ottimo. La discoteca dove son stato la sera e’ molto ‘hot’. Si trova dentro, o meglio sotto le mura, e’ dotata di un impianto video e laser e di un’acustica eccezionali. C’era il concerto live di una “coppia neo-melodica” strappacuore, a quanto mi dicono serba, che cantano dalla musica (anche per me) molto coinvolgente con sonorita’ arabo-balcaniche. Grande atmosfera

  • 1836 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social