Republika Crna Gora: orgoglio e trasgressione

Ebbene, dopo più di un mese dal ritorno, mi sono deciso a parlare di questa semisconosciuta e piccola Nazione fino a poco tempo fa annessa alla Serbia. Mi imbarco da Bari la notte dell'ultimo di Luglio insieme ad altri due ...

  • di Novello Ulisse
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ebbene, dopo più di un mese dal ritorno, mi sono deciso a parlare di questa semisconosciuta e piccola Nazione fino a poco tempo fa annessa alla Serbia.

Mi imbarco da Bari la notte dell'ultimo di Luglio insieme ad altri due amici; siamo tre ragazzi in cerca di divertimento, relax e tanto mare! La compagnia, la Montenegro Lines, offre due traghetti (Sveti Stefan I e II) molto scadenti con condizioni igieniche inquietanti (vedi la mancanza degli scarichi nelle toilettes!!!), ed il prezzo non è nemmeno modico (120€ a/r in poltrona). La qualità della cucina del ristorante è mediocre, i costi relativamente bassi.

Giunti la mattina al porto di Bar dopo 9 ore di viaggio (insomma, andatura da lumaca) i tassisti ci assalgono per offrirci il trasporto per Budva al prezzo più vantaggioso. La spunta uno con una scassatissima Mercedes color verde pisello ed i sedili in lana di pecora (25€ a fronte dei 50€ proposti dal primo tassista). Il tipo si dimostra subito essere poco affidabile, lanciandosi in rischiosissimi sorpassi su altrettanto pericolose strade con lapidi al posto delle pietre miliari. Particolarmente adrenalico il momento in cui abbandona il volante per diversi secondi per riparare a due mani il finestrino che era sceso di colpo! Comunque arriviamo sani e salvi a Budva, l'unico vero centro turistico del Montenegro e meta di villeggiatura all' 80% frequentata da serbi. La cura del paesaggio durante il tragitto mi aveva lasciato un pò perplesso (c'era da attenderselo) ma la bellezza del mare ammirata prima dall'alto della strada ed ora di fronte a noi cancella ogni dubbio e ci invoglia a sistemarci subito nell'alloggio per farci poi un bel bagno rigenerante.

Ahimè, ragazzi, a Budva c'è un' emergenza idrica non indefferente e noi siamo capitati nell'anno più arido (maledetto surriscaldamento globale!). Molti palazzi non avevano acqua o ne avevano molta parsimonia. Anche il nostro appartamento (prenotato da internet) era privo di acqua e gli altri inquilini del palazzo ci hanno spiegato a gesti (dopo essersi ostinati a parlare in serbo-montenegrino) come facevano: semplice, facendo rifornimento da una fantomatica fontana. Opzione per noi inaccettabile dato che voleva dire sfacchinare come i muli su e giù per la collina ripidissima dietro alla città vecchia sul cui cucuzzulo avevamo l'alloggio. Quindi decidiamo di perdere qualche soldino (i 50€ già versati per 3 giorni di soggiorno) e trasferirci in un posto più consono alle abitudini di casa nostra. Consiglio utilissimo: in questi posti è meglio non prenotare in anticipo l'alloggio per evitare fregature (vedi alloggio in collina e senza acqua). L'appartamento, e soprattutto le camere all'interno di case privati (SOBE), si trovano sul luogo e sono in bella vista con tanto di cartelli. Loro campano su questo e non chiedono nemmeno tanto (dai 15 ai 20€). Basta solo perdere qualche ora di ricerca. Noi ne scoviamo uno lussuoso, pulito (CON L'ACQUA!) e a due passi dal nucleo del divertimento. Più che altro è il proprietario (tale Branko, sosia di Franco Nero) che dal giardino del suo villino ci adocchia coi bagagli ed inizia a chiamarci: "Amici, italiani, venite, venite!". Come avrà fatto a capire che siamo italiani, bah?! :-) Risolti nell'arco del pomeriggio del primo giorno le iniziali difficoltà possiamo dire che la vacanza è iniziata! LE SPIAGGE Siamo stati prima a quella chiamata Slovenska plaza. E' una delle spiagge cittadine, motivo per cui c'è molta gente e l'acqua è sporca.

Mogren I e II invece sono le spiagge più belle a pochi passi dal centro storico. Affollate ma suggestive perchè incorniciate dalle alte rocce mentre l'acqua è discretamente limpida

  • 2556 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social