Mongolia, immensa e magnifica

Syusy racconta la festa del Nadam e i villaggi di yurte

 

Sono andata in Mongolia per la festa del Nadam, che si fa tutti gli anni. Ma quell’anno è stata particolarmente importante, visto che da poco Gengis Khan - a cui la festa è dedicata - è tornato il simbolo stesso della Mongolia, dopo l’indipendenza dall'influenza sovietica. In epoca sovietica infatti, alzare il vessillo di Gengis Khan aveva il significato di una ribellione. Mentre Luisa, la mia amica che fungeva da "produttrice" delle riprese televisive che andavamo a realizzare, rimaneva in ostaggio della burocrazia mongola una intera giornata della nostra permanenza ad Ulan Bator - io, Aurelio, Aykan e Silvia (gli altri componenti del gruppo) siamo andati in giro per la città. Nel suo insieme è proprio brutta, con palazzoni in stile sovietico, dove però gli ultimi arrivati dalla provincia abitano ancora, in periferia, nelle yurte. A questo proposito io ho una predilezione per questo tipo di casa-tenda, l’abitazione più antica del mondo e forse anche quella più ecologica: se ben ricordate ne abbiamo anche già parlato e scritto, sul sito e sulla rivista (potete andare a vedere sul blog www.nomadizziamoci.it, dove c’è anche il filmato Storia della mia yurta). E mi sono talmente innamorata di questo oggetto da portarmelo in Italia… Viceversa i Mongoli stanno tentando a tutti i costi di occidentalizzarsi, e qualcuno mi ha detto, quasi a scusarsi, che l’80% di loro vive ancora nelle tende. Viceversa a me questa sembra un'ottima cosa: uno stile di vita che anche noi occidentali dovremmo acquisire, o dal quale comunque dovremmo trarre degli insegnamenti. Altro che l’equazione globalizzazione = occidentalizzazione! I Mongoli abitano un territorio difficile ma meraviglioso: la sconfinata tundra a nord, verso la Siberia e il deserto del Gobi a sud.

Il tempio di ulan bator e la statua di TARA

Ma torniamo ad Ulan Bator, la capitale. Se si vuole vedere qualche cosa di storico è bene andare al Tempio Buddista, unico nel suo genere, rimasto ben conservato in città. E' quasi un miracolo, perché è stato salvato dall’ira iconoclasta dei Sovietici che hanno distrutto moltissimi Templi della Mongolia. Nel 1937, per fortuna, in occasione della visita di un Vice Presidente americano che aveva chiesto espressamente di vederlo, i picconi si sono fermati. E il Tempio è rimasto: allora a scopo di pura rappresentanza, ma ora è tornato attivo, ci sono persino i Monaci. Infatti un piccolo monaco ci accompagna a vedere (a pagamento) la grande statua dipinta d’oro di Avalokrsiciavara. Detto così, a priori, questo nome complicato non mi aveva significato nulla, ma quando la vedo riconosco nella statua la figura di Tara, la Dea alla quale si fanno puje (preghiere collettive) nei Templi buddisti di tutto il mondo. Vale la pena di visitare il tempio perché la statua è bellissima, anche se è stata sostituita di recente, visto che l’originale era stato portato via dai Sovietici, e si dice che fosse stata addirittura fuso, per farne proiettili. Questa copia, altrettanto bella, è stata benedetta dal Dalai Lama, e al suo interno si trovano migliaia di erbe officinali e di sutra, i foglietti con le preghiere buddiste. Il buddismo in Mongolia fu introdotto dal figlio di Gengis Khan, grazie ad un Monaco che lo convinse.

LO SCIAMANO METROPOLITANO

Attorno al Santuario ci sono anche negozi, che vale la pena di visitare. Assieme alle spezie si possono trovare oggetti religiosi e simbolici da collezione, anche preziosi. In quel negozio io ho incontrato una aspirante sciamana, che mi ha portato dal suo Maestro-sciamano in un appartamento triste nei palazzoni sovietici di cui sopra. L’ambiente non era molto favorevole: lo Sciamano infatti per funzionare deve entrare in contatto con gli spiriti della terra, tant’è che se va all'estero si sente perso, perché gli spiriti sono collegati alla “sua” terra, ma il rito a cui ho potuto assistere era viceversa perfettamente originale e vero. Quindi malgrado l’avversione sovietica per la spiritualità tradizionale animista, e in particolare l’arresto di sciamani e di adepti, la tradizione ha resistito! Anche se – come in questo caso – in un brutto condominio di Ulan Bator… A sera re-incontriamo Luisa, che finalmente dopo 12 ore di attesa e 12 foto segnaletiche, ci presenta dei magnifici accrediti, tutti decorati e stampigliati in oro. Ce l’abbiamo fatta, domani si partecipa alla festa del Nadam!

LA FESTA DEL NADAM

Il Nadam è la grande festa nazionale, di stampo popolare-militar-storico-sportivo. I Mongoli si sono organizzati proprio per rappresentare il loro passato di guerrieri. E’ incredibile come possano mettere in scena centinaia di persone vestite da antichi cavalieri delle steppe, ed è incredibile anche come riescano a rappresentarsi così "cinematograficamente": nello stadio anche gli spettatori sono estremamente scenografici e partecipi, ma lo spettacolo è fatto da bande musicali che suonano inni tradizionali e militari, dove gli uomini cantano con voci baritonali profondissime, mai sentite, e le donne con acuti incredibili: è il famoso "canto lungo". Poi ci sono i lottatori: grossissimi, più grossi sono meglio è, vestiti (anzi, svestiti) a mostrare i loro muscoli. Prima di lottare si muovono "graziosamente" al rallentatore mimando in una danza i gesti dell’aquila. Seguono poi provetti arcieri, che si sfidano in gare di tiro. Ancora meglio se le gare vengono fatte a cavallo: è incredibile come ancora i Mongoli siano così esperti in questo esercizio difficilissimo: si tratta di scoccare la freccia nel momento in cui il cavallo è sospeso con le quattro zampe che non toccano terra. Fuori, nella steppa, c’è poi una gara di corsa a cavallo, una partecipatissima kermesse collettiva che coinvolge tutti, giovani e vecchi.

LA STEPPA

Dopo il Nadam possiamo andarcene da Ulan Bator, verso la steppa, ad ovest. Steppa che si presenta con questo spazio verde infinito, e soprattutto con questo infinito cielo

  • 2914 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social