Milos, tutti i colori e sapori di un’isola

Isola meravigliosa e ricca di suggestioni

  • di BETTI75
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

E’ luglio e per evitare uragani, umidità e clima poco congeniale scegliamo di restare nel Mediterraneo e la nostra scelta ricade su MILOS. Resteremo sull’isola 6 giorni interi, pochi ma sufficienti per conoscerla sotto gli aspetti paesaggistici, culturali e gastronomici.

Arriviamo sull’isola intorno alle 22 dopo 2 ore di traghetto da Thira (Santorini). Ad attenderci al Santa Maria Village (l’Hotel scelto per il nostro pernottamento sull’isola) un gentilissimo proprietario che ci da immediatamente numerosi consigli e indicazioni su Milos. E’ tardi e la voglia di cercare un ristorante ci manca, per questo, ci viene dato un consiglio dall’albergatore: Il ristorante “Micros Apoplous”. Raggiungiamo a piedi il porto percorrendo un sentiero sterrato che collega il nostro Hotel con il villaggio di Adamas. Siamo stanchi per il viaggio ma la voglia di iniziare a conoscere quest’isola anche sotto l’aspetto gastronomico ci spinge ad assaggiare qualche specialità del posto: Polpette di pesce, insalata di granchio e delle squisite cozze al vino bianco insaporite con dell’aneto… le migliori mai mangiate, l’apoteosi del gusto.

Sabato 06/07/2013

Inizia finalmente la nostra vera vacanza dopo una superba ed abbondante colazione al Santa Maria Village gustandoci tra le tante prelibatezze lo squisito e tanto decantato “yougurt greco”.

Ammiriamo dalla piscina dell’Hotel il villaggio bianco di Adamas sulla sommità del quale spicca l’azzurro intenso della cupolo del campanile. Il panorama e la vista dall’Hotel sono fantastici e la comodità di avere tranquillità e relax a due passi dal centro della vita mondana dell’isola fa di questo Hotel un luogo assolutamente da consigliare.

Scendiamo ad Adamas ed entriamo in un’agenzia per il noleggio del Quad: € 156,00 x 6 giorni. L’avventura ha inizio: patente, casco, tanta voglia di conoscere l’isola e via verso….beh, il viaggio si interrompe subito, restiamo senza benzina e siamo costretti (o meglio lui è costretto) a spingere il quad per circa 2 km prima di trovare un distributore di carburante. Fatto rifornimento partiamo alla scoperta di quest’isola che si rivelerà una delle isole piu' belle e affascinanti sino ad ora da noi visitate.

La nostra prima destinazione è la città dei pescatori di Pollonia, situata a nord-est dell’isola. Questa cittadina colpisce per la tipicità delle sue case, per il gusto di ammirare i pescatori indaffarati a sistemare le loro reti, per la tranquillità del giorno e la vivacità delle sue sere; piena di ristorantini è un luogo adorabile dove iniziare a godere del fascino di Milos. Guardando qua e la non possono non colpire le cure nei dettagli.. tutto è bianco e azzurro come deve essere in un’isola delle Cicladi. I cancelli delle case, le finestre, le cupole delle chiese, sono di un azzurro talmente carico e bello che è difficile da descrivere. Tutto è perfettamente curato alla ricerca del giusto abbinamento; ecco allora che basta allungare lo sguardo all’interno di un cortile per scorgere un polipo appeso ad asciugare, un tavolino azzurro che richiama il colore del vaso di fiori, delle finestre; Basta chiudere gli occhi per qualche istante e immaginare questi meticolosi abbinamenti di colore.. bianco e azzurro. E’ strano come, a mo dei giapponesi, ci troviamo ad un certo punto a fotografare persino un cesto dell’immondizia, un contatore di elettricità, tutto rigorosamente… azzurro!

Costeggiamo il porticciolo sino a giungere sul luogo dove sorge una picolla chiesetta dalla quale si puo’ ammirare la Biaia di Pollonia. Dopo aver pranzato alla modica cifra di € 27,50 (in due persone) riprendiamo il nostro quad e continuiamo la perlustrazione dei luoghi circostanti. Saliamo ripide strade sterrate che portano a nulla ma dove il panorama dall’alto consente di ammirare meravigliosi scorci di ogni angolo dell’isola. Ci fermiamo a Papafragas, una famosa spiaggia, non facilmente accessibile e non attrezzata ma che merita sicuramente un colpo d’occhio

  • 26015 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social